Immagine di profilo di Nicolò Martinelli
Altre Notizie dell'utente


Libertà di dissenso, libertà per i manifestanti di Amburgo!
A venti giorni dal G20 restano in Germania le compagne e i compagni arrestati. Dopo essere stati trattenuti per ore senza documenti e senza un valido capo d’accusa, in 6 sono stati fermati e...



La nostra costituzione contro il G7 e il lavoro premio di Carpisa.
Ne è passata di acqua sotto ai ponti dall’ormai dimenticato 4 dicembre. Una vittoria, costituita dalla difesa della modifica della Costituzione, a questo punto, solo formale, oggi...



Giovani Comunisti/e: “Nel Donbass tra solidarietà internazionalista e repressione neoliberista!”
Rilanciamo la solidarietà internazionalista e antifascista in sostegno del popolo dell’ Donbass conro vecchi e nuovi Nazifascismi Giovani Comunisti/e e Rifondazione Comunista con...



Licei Brevi: E’ ora di cambiare rotta. Con urgenza
Apprendiamo con ferma contrarietà ma senza sorpresa la notizia della firma, da parte del Ministro dell’Istruzione, del decreto che dà l’avvio alla sperimentazione dei licei...



Neoinsegnanti tra percorsi ad ostacoli e guerre tra poveri. Una proposta per una ricomposizione delle lotte nell’era della pessima scuola.
Già l’anno scorso denunciavamo una insostenibile situazione di stallo che gli aspiranti insegnantistavano vivendo, con l’intendimento del governo di trovare una soluzione con...



7 punti per un’istruzione laica!
I Giovani Comunisti/e di Milano avanzano queste proposte per liberare scuola ed educazione dai retaggi e dal controllo della Chiesa e di qualsiasi istituzione privata. Buona lettura!1) È...



Che fine hanno fatto le indennità di partecipazione dei tirocinanti al programma Garanzia Giovani?
Che fine hanno fatto le indennità di partecipazione dei tirocinanti al programma Garanzia Giovani? È la domanda che si stanno ponendo migliaia di giovani pugliesi che, da circa due...



Solidarietà agli studenti di Como!
Nella bigotta Como puoi finire sepolto da un soffitto crollato ma uno spinello ti può condannare alla bocciatura. Succede al liceo classico dove per aver fumato in bagno due studentesse...



Vedi Napoli e poi muori! Della ragione populista tradotta in Italia
Ancora una volta le elezioni non fanno che confermare un’immagine che l’Italia ci restituisce tutti i giorni: un paese profondamente frustrato che, nella sostanza, indirizza il forte...



Insegnanti nostalgici di Salò? No grazie!
Di Nicolò Martinelli · creato il 03/09/2017 13:02 · ultima modifica 07/09/2017 11:00 · vista 385 volte · SCUOLA · TOSCANA


173: questo è il numero delle vittime della strage di Vinca, per lo più donne, anziani e bambini, trucidate il 24 agosto 1944 dalla 16 SS-Panzergrenadier-Division “Reichsführer-SS” e delle Brigate Nere. Nazisti tedeschi e fascisti italiani uniti in quell’eccidio come negli altri compiuti sulle Alpi Apuane, sulle quali correva la Linea Gotica e terra di Resistenza. Per quella strage ci fu un processo che culminò con alcuni ergastoli ai colpevoli.
È inaccettabile e contrario alla nostra Costituzione che un insegnante, una persona incaricata di formare le nuove generazioni, si permetta di sventolare la bandiera della Repubblica Sociale sul monte Sagro, in un luogo visibile dallo stesso paese di Vinca, come ha fatto Manfredo Bianchi qualche giorno fa.
In un momento in cui un governo criminale sgombera i rifugiati nel nostro Paese e prende accordi internazionali per ricacciare i migranti che cercano salvezza, perché “a casa loro” si muore di fame e di guerra; in un momento in cui partiti come la Lega sfruttano il disagio sociale creato dalle politiche di austerity per soffiare sul fuoco del razzismo; in un periodo buio come questo, la memoria storica e il suo mantenimento sono fondamentali per tenere accesa qualche piccola luce. Nessuno, tanto meno un insegnante, può permettersi di inneggiare ad assassini razzisti come furono i repubblichini di Salò e i fascisti tutti.
I Compagni e le Compagne di Rifondazione Comunista Massa Carrara e i Giovani Comunisti/e condannano questo gesto e continueranno a promuovere l’azione antifascista nella nostra provincia, certi che il nostro territorio non dimenticherà mai le sue ferite e che le Alpi Apuane saranno sempre, come scriveva Piero Calamandrei, un «immacolato baluardo sempre all’erta contro ogni ritorno».

Giovani Comunisti Massa Carrara
Filippo Vergassola – Responsabile Scuola e Università Giovani Comunisti/e



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011