Immagine di profilo di RifondaNews
Altre Notizie dell'utente


TAV – FERRERO (PRC – FEDERAZIONE DELLA SINISTRA): GOVERNO ASCOLTA SOLO I BANCHIERI MA E’ SORDO ALLE RICHIESTE DEL POPOLO
Paolo Ferrero, segretario nazionale di rifondazione Comunista ha dichiarato: “Il governo mostra sulla vicenda della Valle di Susa il suo volto autoritario: di fronte alla richiesta di fermare i...



#leggeelettorale #proporzionale, preferenze e #sinistraunita modello @Syriza contro Monti e ritorno di Berlusconi
La discussione sulla legge elettorale deve partire dalla perdita di fiducia dei cittadini nelle istituzioni, frutto del fallimento della Seconda Repubblica, conseguenza del neoliberismo e del...



Seminario «La crisi economica e il ruolo dell’Europa. Analisi e proposte per uscire dalla crisi», Roma, 4 maggio
  Capire per rifondare il comunismo e la sinistra Seminario ‘La crisi economica e il ruolo dell’Europa. Analisi e proposte per uscire dalla crisi’ ...



#FiscalCompact è stangata da impedire. Il Pd fa scelta di campo schierandosi con destra neoliberista
Il Fiscal Compact è una stangata da 45 miliardi all’anno e va assolutamente bloccato. In Italia, così come in Germania, dove a settembre la Corte Costituzionale si pronuncerà sulla compatibilità...



Criminale invasione di Gaza da parte di Israele. Italia ritiri ambasciatore, disdica accordi e pratichi embargo contro Stato d’Israele
E’ difficile trovare le parole per esprimere quanto sia criminale l’azione del governo israeliano contro il popolo palestinese, dopo l’ennesima invasione della striscia di Gaza:...



Aderisco e parteciperò a manifestazione Fiom del 18 maggio: invitiamo tutte/i a scendere in piazza
Contro il governo Letta-Alfano non bastano le parole, occorre la più larga mobilitazione: per questo aderisco convintamente alla manifestazione indetta dalla Fiom per sabato 18 maggio, alla quale...



Vittoria di Syriza e Alexis Tsipras alle amministrative: ora vinciamo in Europa e fermiamo le politiche di austerità!
Salutiamo con grande gioia la vittoria nelle elezioni amministrative in Grecia di Syriza e di Alexis Tsipras che la rappresenta. Questo storico risultato apre la strada ad una vittoria della sinistra...



#NoTav il governo non ascolta la popolazione, dia retta almeno agli esperti europei!
Il governo “tecnico” se n’è infischiato dell’opinione dei valsusini, militarizzando un intero territorio, ma dovrebbe quanto meno considerare l’opinione autorevole del think tank di esperti europei...



Legge elettorale, PRC: governo intervenga per ridurre il numero di firme necessarie per presentare liste
L’anticipazione delle elezioni politiche pone il problema di garantire a tutte le forze politiche oggi non presenti in parlamento la possibilità effettiva di partecipare alla competizione elettorale....



CASA, ATTIVISTI FERMATI, FERRERO (PRC - FDS): "REPRESSIONE USATA COME INTIMIDAZIONE: COSA MAI VISTA PRIMA. GOVERNO PERSEGUE DIVIETO DI MANIFESTARE"
"Il fermo di alcune persone che manifestavano oggi davanti al CIPE chiedendo che i soldi delle grandi opere e del Tav in particolare vengano usate per il diritto alla casa è inaccettabile - dichiara...



ART 81 COSTITUZIONE – FERRERO (PRC – FEDERAZIONE DELLA SINISTRA): APPELLO A BERSANI E DI PIETRO PER PERMETTERE REFERENDUM SU MODIFICA COSTITUZIONALE RELATIVA PAREGGIO DI BILAN
Di RifondaNews · creato il 04/03/2012 18:45 · vista 497 volte · POLITICA · ITALIA


Paolo Ferrero, segretario nazionale di Rifondazione Comunista – FdS, ha inviato oggi una lettera aperta a Bersani e Di Pietro per chiedere che la modifica dell’articolo 81 della Costituzione non avvenga con una maggioranza dei due terzi dei parlamentari in modo da rendere possibile indire un referendum contro questa costituzionalizzazione delle politiche neoliberiste che ci hanno portato alla  crisi. Lettera aperta a Pierluigi Bersani e Antonio Di Pietro. Caro Pierluigi, caro Antonio, Vi scrivo questa lettera perché domani riprenderà l’iter parlamentare della modifica dell’articolo 81 della Costituzione relativo al pareggio di bilancio. Si tratta di una norma assai rilevante che avrà grandissime ripercussioni sul paese e sulla vita dei cittadini e delle cittadine italiane. Una volta inserito l’obbligo del pareggio di bilancio in Costituzione, questo resterà infatti  in vigore per i prossimi decenni. So che su questo tema abbiamo pareri opposti: voi concordate con questa norma, io la considero un errore drammatico. Non è però di questo che voglio parlarvi. Non penso che sarebbe sufficiente una lettera aperta per convincervi a cambiare opinione in merito alle politiche neoliberiste che ci hanno portato alla crisi e che questa norma vuole addirittura inserire in Costituzione. Vi scrivo per un problema di democrazia. Questa modifica costituzionale è assai rilevante e la saggezza dei nostri padri costituenti ha previsto che le modifiche costituzionali possano essere sottoposte a referendum confermativo. Il punto è che le modifiche costituzionali possono essere sottoposte a referendum confermativo solo se non sono espressione in parlamento di una maggioranza che superi i due terzi dei parlamentari. Oggi le forze politiche in Parlamento – anche in virtù di una sciagurata legge elettorale – sono pressoché completamente favorevoli a questa modifica . Non è detto che sia così nel paese. Per questo vi chiedo di salvaguardare la possibilità che forze politiche e sociali esterne al parlamento possano misurarsi con la possibilità di raccogliere le firme per sottoporre a referendum questa modifica costituzionale. Vi chiedo quindi di lasciare al popolo italiano la possibilità – se emergerà una volontà in tal senso – di esprimersi su questa modifica attraverso un referendum popolare. Mi pare un elementare principio di democrazia visto che, nelle campagne elettorali che hanno portato all’elezioni di questo parlamento, non è mai stato proposto dalle forze politiche la costituzionalizzazione del pareggio di bilancio. Non vi chiedo quindi di modificare il vostro voto positivo a questa modifica costituzionale ma mi appello a voi affinché il numero di parlamentari che approva questa norma non raggiunga i due terzi del totale, in modo da non rendere impossibile l’attivazione delle procedure per sottoporre a referendum popolare la modifica della Costituzione stessa. Mi rivolgo a voi perché – al di la delle differenze politiche che abbiamo - sono certo che i temi della difesa della democrazia e della sovranità popolare non vi lasciano indifferenti. Un caro saluto, Paolo Ferrero Segretario nazionale - Rifondazione Comunista – Federazione della Sinistra



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011