Immagine di profilo di RifondaNews
Altre Notizie dell'utente


Movimenti hanno ragione a contestare il piano Lupi: servono blocco degli sfratti e più soldi all’edilizia popolare
  DefSemiHidden="true" DefQFormat="false" DefPriority="99" LatentStyleCount="267"< UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Normal"/< UnhideWhenUsed="false"...



Pieno appoggio allo sciopero degli autoferrotranvieri: no ad ogni privatizzazione
Rifondazione Comunista esprime il proprio pieno appoggio allo sciopero degli autoferrotranvieri: le privatizzazioni vanno impedite ad ogni costo e occorre potenziare il Trasporto Pubblico Locale. Il...



Odg approvato dalla Direzione nazionale PRC del 12 settembre 2013
  La Direzione nazionale di Rifondazione Comunista riunita il 12 settembre 2013, Impegna il partito a costruire assemblee sul territorio – e dove possibile mobilitazioni popolari...



#banche Monti dice «Basta inciuci tra banche e politica»: lui vuole che banchieri e speculatori comandino direttamente sulla politica
Monti dice ‘basta inciuci tra banche e politica’: lui infatti vuole che i banchieri e gli speculatori comandino direttamente sulla politica, come sta facendo lui. Per lui la politica...



La truffa di Montezemolo: abbassa i costi dei suoi treni coi soldi degli italiani
Montezemolo si arricchisce coi soldi nostri. È stato riconosciuto concessionario senza gara e grazie a questo la sua società è lievitata di valore di cento volte. Inoltre l’affitto che paga per usare...



Standard&Poor’s, bene #Obama: occorre far pagare gli speculatori
Bene Obama che fa causa a Standard&Poor’s: occorre far pagare gli speculatori e mettere la mordacchia alla speculazione. Peccato che in Italia il centro sinistra da questo orecchio non ci...



#disoccupazione giovanile la soluzione c’è: tornare alle #pensioni a 60 anni e un piano per l’occupazione
Monti definisce inaccettabile il tasso di disoccupazione giovanile al 36%: ma la soluzione esiste. Ed è invertire totalmente la rotta e le politiche avviate dal suo governo, tornando a mandare in...



Morire in miniera, nel 2014, a causa del neoliberismo: rimettere al centro la dignità del lavoro
Mentre la campagna elettorale italiana prosegue tra gli insulti, in una pura lotta per il potere in cui i demagoghi di ogni colore la fanno da padrona, in Turchia sono morte più di 200 persone, in...



Elezioni, scandalosa censura: Rivoluzione civile fa paura, vogliono ucciderci nella culla, non ce la faranno!
La censura di cui siamo oggetto sui mezzi d’informazione è scandalosa, degna di un regime in cui parlano solo i partiti che sostengono il governo Monti e chi piace a loro delle opposizioni. Dai...



#Snowden Italia complice degli Usa in questa vergognosa caccia all’uomo condannata anche da Amnesty
Le dichiarazioni del ministro Bonino, che ha escluso la possibilità di asilo politico per Edward Snowden, sono l’ennesima prova dell’incapacità del governo di far valere le proprie ragioni nei...



ART 81 COSTITUZIONE – FERRERO (PRC – FEDERAZIONE DELLA SINISTRA): APPELLO A BERSANI E DI PIETRO PER PERMETTERE REFERENDUM SU MODIFICA COSTITUZIONALE RELATIVA PAREGGIO DI BILAN
Di RifondaNews · creato il 04/03/2012 18:45 · vista 568 volte · POLITICA · ITALIA


Paolo Ferrero, segretario nazionale di Rifondazione Comunista – FdS, ha inviato oggi una lettera aperta a Bersani e Di Pietro per chiedere che la modifica dell’articolo 81 della Costituzione non avvenga con una maggioranza dei due terzi dei parlamentari in modo da rendere possibile indire un referendum contro questa costituzionalizzazione delle politiche neoliberiste che ci hanno portato alla  crisi. Lettera aperta a Pierluigi Bersani e Antonio Di Pietro. Caro Pierluigi, caro Antonio, Vi scrivo questa lettera perché domani riprenderà l’iter parlamentare della modifica dell’articolo 81 della Costituzione relativo al pareggio di bilancio. Si tratta di una norma assai rilevante che avrà grandissime ripercussioni sul paese e sulla vita dei cittadini e delle cittadine italiane. Una volta inserito l’obbligo del pareggio di bilancio in Costituzione, questo resterà infatti  in vigore per i prossimi decenni. So che su questo tema abbiamo pareri opposti: voi concordate con questa norma, io la considero un errore drammatico. Non è però di questo che voglio parlarvi. Non penso che sarebbe sufficiente una lettera aperta per convincervi a cambiare opinione in merito alle politiche neoliberiste che ci hanno portato alla crisi e che questa norma vuole addirittura inserire in Costituzione. Vi scrivo per un problema di democrazia. Questa modifica costituzionale è assai rilevante e la saggezza dei nostri padri costituenti ha previsto che le modifiche costituzionali possano essere sottoposte a referendum confermativo. Il punto è che le modifiche costituzionali possono essere sottoposte a referendum confermativo solo se non sono espressione in parlamento di una maggioranza che superi i due terzi dei parlamentari. Oggi le forze politiche in Parlamento – anche in virtù di una sciagurata legge elettorale – sono pressoché completamente favorevoli a questa modifica . Non è detto che sia così nel paese. Per questo vi chiedo di salvaguardare la possibilità che forze politiche e sociali esterne al parlamento possano misurarsi con la possibilità di raccogliere le firme per sottoporre a referendum questa modifica costituzionale. Vi chiedo quindi di lasciare al popolo italiano la possibilità – se emergerà una volontà in tal senso – di esprimersi su questa modifica attraverso un referendum popolare. Mi pare un elementare principio di democrazia visto che, nelle campagne elettorali che hanno portato all’elezioni di questo parlamento, non è mai stato proposto dalle forze politiche la costituzionalizzazione del pareggio di bilancio. Non vi chiedo quindi di modificare il vostro voto positivo a questa modifica costituzionale ma mi appello a voi affinché il numero di parlamentari che approva questa norma non raggiunga i due terzi del totale, in modo da non rendere impossibile l’attivazione delle procedure per sottoporre a referendum popolare la modifica della Costituzione stessa. Mi rivolgo a voi perché – al di la delle differenze politiche che abbiamo - sono certo che i temi della difesa della democrazia e della sovranità popolare non vi lasciano indifferenti. Un caro saluto, Paolo Ferrero Segretario nazionale - Rifondazione Comunista – Federazione della Sinistra



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011