Immagine di profilo di http://prcmeilogu.blogspot.com
Altre Notizie dell'utente


Liberalizzare...la devastazione del territorio!
Altro che green economy! Il Governo Monti, con il decreto sulle liberalizzazioni, dice apertamente di stare dalla parte dei devastatori del territorio. Non avevamo dubbi data la composizione...



Zanon, Innse, Jabil...ALCOA! Occupare, resistere, produrre!
C'è una fabbrica argentina che da diversi anni è entrata nei cuori dei lavoratori e dei militanti di sinistra. Si chiamava Zanon, dal nome del padrone di origini italiane. Produce tutt'ora ceramiche,...



Le missioni di "pace"
Afghanistan, Bosnia, Marocco, Cipro, Repubblica democratica del Congo, Kashmir (confine India-Pakistan), Darfur, Malta, Georgia, Libano, Uganda, Egitto, Israele, Somalia, territori occupati di...



Disoccupazione: un milione e mezzo gli scoraggiati
Dal novembre dell'anno scorso l'Istat ha deciso che “per rappresentare appieno la complessa realtà del mercato del lavoro è necessario andare al di là della rigida distinzione tra occupati,...



Cifre dalla crisi: disoccupazione
Secondo le rilevazioni Istat a novembre 2011 gli occupati sono 22.906 mila, in diminuzione dello 0,1% (-28 mila unità) rispetto a ottobre. Il calo riguarda la sola componente femminile. Nel confronto...



Ferrero: "Avevamo detto che con Monti lo spread non sarebbe sceso!"
«Monti si dice stupito perché, nonostante le stangate pazzesche fatte da lui e Berlusconi, lo spread non scende. Noi invece abbiamo detto in tutti questi mesi che lo spread non sarebbe sceso perché...



Rovesciare il decreto sulle liberalizzazioni!
Contro la volontà di 27 milioni di italiani che hanno votato contro la gestione privata del servizio idrico lo scorso giugno, il Governo Monti intende portare avanti un piano di liberalizzazioni che...



La Nuova Sardegna 4 gennaio 2012
Intanto, anche la popolazione di Thiesi inizia a mobilitarsi per difendere l'ospedale civile e, più in generale, il diritto alla salute. Martedì 27 dicembre il circolo di Rifondazione comunista ha...



Antipolitica: sull'astensione dal voto
Il senso comune ci fa percipire la politica nel suo insieme come un qualcosa che ci nega ciò che ci spetta. L'equazione "politica uguale casta" è ormai diffusissima anche se incompleta (la casta va...



Sinistra e forconi: che fare?
Di http://prcmeilogu.blogspot.com · creato il 23/01/2012 22:22 · vista 1439 volte · CONFLITTI · ITALIA


La debolezza della risposta del movimento operaio alla crisi causata dal capitalismo determina una frantumazione della lotta contro i provvedimenti del governo in cui il protagonismo viene assunto da strati sociali intermedi. Aggiungiamo che la debolezza del movimento operaio è essenzialmente determinata dalle sue direzioni non ancora all'altezza, incapaci persino di portare avanti una lotta difensiva (si vedano le capitolazioni politiche e sindacali di questi ultimi anni). Emerge quindi una piccola borghesia (commercianti, artigiani, contadini, pastori...) che, portata alla rovina dalle politiche del grande capitale (comprese le ultime liberalizzazioni che avvantaggiano solo banchieri, industriali, petrolieri, costruttori e assicurazioni), alza la testa. Questa piccola borghesia storicamente ha oscillato tra borghesia e proletariato, tra l'abbracciare le rivendicazioni del movimento operaio e socialista e l'essere la base sociale del fascismo. Occorre quindi mettere nero su bianco un punto: considerare questi lavoratori come nostri futuri alleati ed evitare di regalare le loro braccia alla reazione. Oggi, prima ancora che in Sicilia, i pastori, le partite Iva e gli artigiani hanno alzato la testa qui in Sardegna, stufi di stare sotto il giogo dei prezzi del latte determinati dal cartello degli industriali caseari, o delle pratiche da usura di Equitalia. In Sicilia, a differenza della Sardegna, si è posto il problema della strumentalizzazione e dell'infiltrazione di forze eversive mafiose e di estrema destra. A dire il vero neanche in tutta la Sicilia. Rimane comunque un problema di fondo, ed è questo che ci deve portare a riflettere: l'assenza della sinistra, del suo programma anticapitalista complessivo capace di dare delle risposte a questi strati intermedi, della sua aspirazione al socialismo. Non si possono dare risposte alle esigenze di questi settori lasciando il loro destino nelle mani del capitale finanziario, dell'usura bancaria, della grande distribuzione capitalista, dei signori del latte e del petrolio. Non pagare il debito pubblico alle banche e nazionalizzare le principali leve dell'economia, pianificando democraticamente una nuova società! Questo dobbiamo dire anziché strapparci i capelli per un vuoto colmato da altri. Costruire Rifondazione come un vero partito di classe deve perciò essere per noi il primo punto all'ordine del giorno.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011