Immagine di profilo di http://prcmeilogu.blogspot.com
Altre Notizie dell'utente


Le missioni di "pace"
Afghanistan, Bosnia, Marocco, Cipro, Repubblica democratica del Congo, Kashmir (confine India-Pakistan), Darfur, Malta, Georgia, Libano, Uganda, Egitto, Israele, Somalia, territori occupati di...



Nuovo trattato europeo e articolo 81 della Costituzione: Decidiamo noi, firma la petizione!
Da www.nodebito.it - I governi dell’Unione Europea stanno varando un nuovo Trattato sulla stabilità e la governance per rendere permanenti i piani di austerità che mirano a tagliare salari, stipendi...



Viva il comitato! Giù le mani dall'ospedale!
Thiesi e il Meilogu hanno dato una prima risposta al nostro appello di costruire un comitato popolare di lotta in difesa dell'Ospedale civile. Come compagne/i del circolo "Farore Sini" del Meilogu,...



Ma questo spread, cosa è?
Lo spread che sentiamo tutti i giorni sui telegiornali al punto di averne imparato la pronuncia, nel nostro caso, è il differenziale tra il tasso di rendimento dei titoli di stato italiani e quello...



La Nuova Sardegna 4 gennaio 2012
Intanto, anche la popolazione di Thiesi inizia a mobilitarsi per difendere l'ospedale civile e, più in generale, il diritto alla salute. Martedì 27 dicembre il circolo di Rifondazione comunista ha...



Il Governo Monti fa male alla salute
Se lottare per difendere l'ospedale del Meilogu è quanto di più contingente possa esserci per tutti noi che viviamo in questo territorio, riteniamo sia necessario alzare il tiro guardando a quelle...



L'articolo 18 non si tocca, anzi va esteso!
Il presidente di Confindustria alla vigilia dell'incontro dell'ultrà liberista ministro del welfare fornero ha definito l'art.18 un'anomalia a cui porre rimedio. Anomalia perché? Perché pur essendoci...



Zanon, Innse, Jabil...ALCOA! Occupare, resistere, produrre!
C'è una fabbrica argentina che da diversi anni è entrata nei cuori dei lavoratori e dei militanti di sinistra. Si chiamava Zanon, dal nome del padrone di origini italiane. Produce tutt'ora ceramiche,...



Disoccupazione: un milione e mezzo gli scoraggiati
Dal novembre dell'anno scorso l'Istat ha deciso che “per rappresentare appieno la complessa realtà del mercato del lavoro è necessario andare al di là della rigida distinzione tra occupati,...



21 gennaio 1921: Nasce il Partito comunista d'Italia
Di http://prcmeilogu.blogspot.com · creato il 21/01/2012 16:04 · vista 1557 volte · POLITICA · ITALIA


Il 21 gennaio del 1921 nasceva a Livorno il Partito Comunista d'Italia, sezione italiana dell'Internazionale comunista, come esito della frattura prodottasi al XVII congresso socialista. Ma la frazione comunista all'interno del Psi esisteva fin dall'ottobre del 1920. Essa fu il risultato dell'unione tra gli astensionisti di Amadeo Bordiga (identificati con il giornale "Il Soviet"), gli ordinovisti di Gramsci e i massimalisti terzinternazionalisti di Fortichiari. Così come la conseguenza dell'adesione alle 21 condizioni elaborate dal II congresso dell'Internazionale comunista dello stesso anno: solo chi le sottoscriveva poteva far parte del partito mondiale della rivoluzione. Nel mese di ottobre, in vista del congresso socialista, la frazione organizza un convegno, ed è li che redige la mozione. Tale mozione era il frutto di una mediazione tra le diverse anime della frazione: la principale rinuncia fu quella di Bordiga che abbandonò la pregiudiziale astensionista (criticata ampiamente da Lenin). Trovata l'unità tra queste componenti la mozione comunista si fronteggia al congresso con le posizioni massimaliste di Serrati e con quelle riformiste di Turati. Le votazioni produssero il seguente risultato: 57,16% ai massimalisti, 34,27% ai comunisti e 8,57 ai riformisti. L'intera giovanile socialista e altri 60 mila socialisti escono così dal Psi per fondare il nuovo partito. Lenin fu molto critico con Serrati. Quest'ultimo voleva far parte dell'Internazionale comunista ma il rivoluzionario russo gli rimproverava di preferire 15 mila riformisti a 60 mila comunisti. Perciò il Pcd'I fu riconosciuto come unica sezione italiana dell'Internazionale. Gramsci definirà la data di nascita del partito, come il «momento più critico sia della crisi generale della borghesia italiana, sia della crisi del movimento operaio. La scissione, se era storicamente necessaria ed inevitabile, trovava le grandi masse impreparate e riluttanti». Le posizioni estremiste del nuovo partito guidato da Bordiga non solo non strappavano i migliori militanti dalle maglie del vecchio partito socialista, ma non aiutarono il movimento operaio a fronteggiare comunemente il nuovo fenomeno storico che ingabbierà l'Italia per un ventennio: il fascismo. Queste posizioni estremiste furono criticate da Lenin, ma furono sconfitte solo nel 1926 con il congresso di Lione, quando Mussolini era già al potere. Oltre la ricorrenza, quindi, per apprendere dagli errori e sconfiggere del tutto fascismo e capitalismo.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011