Immagine di profilo di http://prcmeilogu.blogspot.com
Altre Notizie dell'utente


Le missioni di "pace"
Afghanistan, Bosnia, Marocco, Cipro, Repubblica democratica del Congo, Kashmir (confine India-Pakistan), Darfur, Malta, Georgia, Libano, Uganda, Egitto, Israele, Somalia, territori occupati di...



Disoccupazione: un milione e mezzo gli scoraggiati
Dal novembre dell'anno scorso l'Istat ha deciso che “per rappresentare appieno la complessa realtà del mercato del lavoro è necessario andare al di là della rigida distinzione tra occupati,...



Cifre dalla crisi: disoccupazione
Secondo le rilevazioni Istat a novembre 2011 gli occupati sono 22.906 mila, in diminuzione dello 0,1% (-28 mila unità) rispetto a ottobre. Il calo riguarda la sola componente femminile. Nel confronto...



Ferrero: "Avevamo detto che con Monti lo spread non sarebbe sceso!"
«Monti si dice stupito perché, nonostante le stangate pazzesche fatte da lui e Berlusconi, lo spread non scende. Noi invece abbiamo detto in tutti questi mesi che lo spread non sarebbe sceso perché...



Rovesciare il decreto sulle liberalizzazioni!
Contro la volontà di 27 milioni di italiani che hanno votato contro la gestione privata del servizio idrico lo scorso giugno, il Governo Monti intende portare avanti un piano di liberalizzazioni che...



La Nuova Sardegna 4 gennaio 2012
Intanto, anche la popolazione di Thiesi inizia a mobilitarsi per difendere l'ospedale civile e, più in generale, il diritto alla salute. Martedì 27 dicembre il circolo di Rifondazione comunista ha...



Liberalizzare...la devastazione del territorio!
Altro che green economy! Il Governo Monti, con il decreto sulle liberalizzazioni, dice apertamente di stare dalla parte dei devastatori del territorio. Non avevamo dubbi data la composizione...



Sinistra e forconi: che fare?
La debolezza della risposta del movimento operaio alla crisi causata dal capitalismo determina una frantumazione della lotta contro i provvedimenti del governo in cui il protagonismo viene assunto da...



Antipolitica: sull'astensione dal voto
Il senso comune ci fa percipire la politica nel suo insieme come un qualcosa che ci nega ciò che ci spetta. L'equazione "politica uguale casta" è ormai diffusissima anche se incompleta (la casta va...



Zanon, Innse, Jabil...ALCOA! Occupare, resistere, produrre!
Di http://prcmeilogu.blogspot.com · creato il 17/01/2012 15:54 · ultima modifica 17/01/2012 15:55 · vista 1372 volte · LAVORO · SARDEGNA


C'è una fabbrica argentina che da diversi anni è entrata nei cuori dei lavoratori e dei militanti di sinistra. Si chiamava Zanon, dal nome del padrone di origini italiane. Produce tutt'ora ceramiche, ma ha cambiato nome divenendo FaSinPat (Fábrica Sin Patrón) dopo che il signor Zanon ha deciso di chiuderla. I lavoratori hanno così dimostrato che se i padroni hanno bisogno di loro non è vero il contrario: hanno occupato gli stabilimenti, respinto minacce e tentativi di sgombero e, sopratutto, hanno continuato a produrre sotto il loro controllo, in autogestione. Era il marzo del 2002. Il movimento delle fabbriche recuperate si è poi esteso in tutta l'America Latina, ma abbiamo avuto esperienze simili anche negli Stati Uniti (Republic Doors & Windows a Chicago) e Europa (Innse a Milano). Ora gli operai della Jabil, impresa del milanese specializzata nel settore delle telecomunicazioni e dell’elettronica, stanno percorrendo lo stesso sentiero mantenendo in vita la produzione nonostante e contro il padrone che li ha licenziati. La ricerca di un nuovo imprenditore, di un "imprenditore serio", può essere la prima richiesta dei lavoratori che si trovano da un giorno all'altro senza lavoro, ma non è la soluzione: lo si vede quotidianamente. Alle rivendicazioni dell'occupazione degli stabilimenti e della continuità produttiva senza il padrone occorre perciò unire quelle dell'esproprio senza indennizzo e della nazionalizzazione sotto il controllo dei lavoratori: primo passo di una trasformazione generale della società realmente "fondata sul lavoro". Iniziando (e il nostro circolo è pronto a farlo) a sostenere le lotte anche con casse di resistenza: è esattamente quello che proponiamo per Alcoa.
Filmografia: The Take - La presa (Naomi Klein 2004 - film sui lavoratori Zanon); Capitalism: A love story (Michael Moore 2009 - con scene sulla lotta della Republic di Chicago); La Innse di Lambrate, appunti di una storia di lotta (Silvia Tagliabue 2009)



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011