Immagine di profilo di http://prcmeilogu.blogspot.com
Altre Notizie dell'utente


Firma l'appello "Giù le mani dall'acqua e dalla democrazia!"
Dopo le dichiarazioni velenose contro il referendum, definito addirittura un imbroglio da parte di esponenti dell’esecutivo in carica, il governo Monti tramite l’imminente decreto sulle...



Sinistra e forconi: che fare?
La debolezza della risposta del movimento operaio alla crisi causata dal capitalismo determina una frantumazione della lotta contro i provvedimenti del governo in cui il protagonismo viene assunto da...



Liberalizzare...la devastazione del territorio!
Altro che green economy! Il Governo Monti, con il decreto sulle liberalizzazioni, dice apertamente di stare dalla parte dei devastatori del territorio. Non avevamo dubbi data la composizione...



Zanon, Innse, Jabil...ALCOA! Occupare, resistere, produrre!
C'è una fabbrica argentina che da diversi anni è entrata nei cuori dei lavoratori e dei militanti di sinistra. Si chiamava Zanon, dal nome del padrone di origini italiane. Produce tutt'ora ceramiche,...



Le missioni di "pace"
Afghanistan, Bosnia, Marocco, Cipro, Repubblica democratica del Congo, Kashmir (confine India-Pakistan), Darfur, Malta, Georgia, Libano, Uganda, Egitto, Israele, Somalia, territori occupati di...



Disoccupazione: un milione e mezzo gli scoraggiati
Dal novembre dell'anno scorso l'Istat ha deciso che “per rappresentare appieno la complessa realtà del mercato del lavoro è necessario andare al di là della rigida distinzione tra occupati,...



Cifre dalla crisi: disoccupazione
Secondo le rilevazioni Istat a novembre 2011 gli occupati sono 22.906 mila, in diminuzione dello 0,1% (-28 mila unità) rispetto a ottobre. Il calo riguarda la sola componente femminile. Nel confronto...



Ferrero: "Avevamo detto che con Monti lo spread non sarebbe sceso!"
«Monti si dice stupito perché, nonostante le stangate pazzesche fatte da lui e Berlusconi, lo spread non scende. Noi invece abbiamo detto in tutti questi mesi che lo spread non sarebbe sceso perché...



Rovesciare il decreto sulle liberalizzazioni!
Contro la volontà di 27 milioni di italiani che hanno votato contro la gestione privata del servizio idrico lo scorso giugno, il Governo Monti intende portare avanti un piano di liberalizzazioni che...



Cifre dalla crisi: cassa integrazione
Di http://prcmeilogu.blogspot.com · creato il 15/01/2012 15:42 · ultima modifica 21/01/2012 14:47 · vista 1378 volte · LAVORO · ITALIA


Mezzo milione di lavoratori in cassa integrazione a zero ore costretti a rinunciare a 8mila euro in meno all’anno in busta paga, pari a un taglio complessivo di 3 miliardi e 650 milioni. E’ il bilancio degli effetti determinati dalla cassa integrazione per tutto il 2011 secondo l’elaborazione dei dati Inps da parte dell’osservatorio Cig del dipartimento settori produttivi della Cgil. Complessivamente lo scorso anno sono state registrate poco più di 950 milioni di ore di cig per un totale di 3,4 miliardi di ore negli ultimi tre anni con una perdita di reddito primario di 48 miliardi di euro (solo il 40% compensato dai trasferimenti dell’Inps). Sul fronte lavoro, invece, le persone coinvolte a vario titolo dalla percezione di ammortizzatori sociali sono state oltre 4 milioni. Lo scorso anno le ore di cassa integrazione sono calate del 20,8% rispetto al 2010, ma ciò non è dovuto ad una ripresa del sistema quanto al progressivo scivolamento dei lavoratori verso la disoccupazione. Dato che questi ammortizzatori sono pagati con soldi pubblici (l'impresa non si fa carico di questo costo), e che comunque sono l'anticamera della disoccupazione, sarebbe opportuno un intervento pubblico che nazionalizzi le imprese che licenziano e che delocalizzano mettendole sotto il controllo dei lavoratori. Come diceva Trotsky "Se vuole evitare la propria disgregazione, il proletariato non può tollerare la trasformazione di una parte crescente degli operai in disoccupati cronici, in miserabili nutriti dalle briciole di una società in decomposizione". Ancora: "Contro la disoccupazione sia strutturale sia congiunturale, è tempo di lanciare la parola d'ordine della scala mobile delle ore di lavoro. I sindacati e le altre organizzazioni di massa devono unire coloro che hanno lavoro e coloro che non lo hanno in un impegno di reciproca solidarietà", suddividendolo tra tutti e su questa base definendo la durata della settimana lavorativa. Insomma, lavorare meno per lavorare tutti, ma a parità di salario! Paghi chi non ha mai pagato!



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011