Immagine di profilo di http://prcmeilogu.blogspot.com
Altre Notizie dell'utente


Ospedale, ora chiude anche l'ufficio Ticket!
Non bastava la chiusura del reparto di Medicina: da ieri, lunedì 2 gennaio, è chiuso anche l'ufficio Ticket. Motivo? Mancato rinnovo del contratto (semestrale) dell'impiegato. Ora viene da chiederci,...



Ospedale: Non accettare la riconversione!
"Un ospedale che cambia, non più con un reparto di Medicina ma con una Lungodegenza, un potenziamento delle specialistiche ambulatoriali, un punto di primo soccorso e un front office amministrativo e...



Alcoa: serve la più ampia e radicale mobilitazione
Ci risiamo. A Portovesme si rivive lo spettro della chiusura dell'Alcoa dopo che la multinazionale americana ha annunciato un piano di riduzione delle capacità produttive che interessa anche gli...



Le missioni di "pace"
Afghanistan, Bosnia, Marocco, Cipro, Repubblica democratica del Congo, Kashmir (confine India-Pakistan), Darfur, Malta, Georgia, Libano, Uganda, Egitto, Israele, Somalia, territori occupati di...



La Nuova Sardegna 4 gennaio 2012
Intanto, anche la popolazione di Thiesi inizia a mobilitarsi per difendere l'ospedale civile e, più in generale, il diritto alla salute. Martedì 27 dicembre il circolo di Rifondazione comunista ha...



Cifre dalla crisi: disoccupazione
Secondo le rilevazioni Istat a novembre 2011 gli occupati sono 22.906 mila, in diminuzione dello 0,1% (-28 mila unità) rispetto a ottobre. Il calo riguarda la sola componente femminile. Nel confronto...



Rovesciare il decreto sulle liberalizzazioni!
Contro la volontà di 27 milioni di italiani che hanno votato contro la gestione privata del servizio idrico lo scorso giugno, il Governo Monti intende portare avanti un piano di liberalizzazioni che...



21 gennaio 1921: Nasce il Partito comunista d'Italia
Il 21 gennaio del 1921 nasceva a Livorno il Partito Comunista d'Italia, sezione italiana dell'Internazionale comunista, come esito della frattura prodottasi al XVII congresso socialista. Ma la...



Nuovo trattato europeo e articolo 81 della Costituzione: Decidiamo noi, firma la petizione!
Da www.nodebito.it - I governi dell’Unione Europea stanno varando un nuovo Trattato sulla stabilità e la governance per rendere permanenti i piani di austerità che mirano a tagliare salari, stipendi...



L'articolo 18 non si tocca, anzi va esteso!
Di http://prcmeilogu.blogspot.com · creato il 14/01/2012 16:20 · ultima modifica 15/01/2012 11:58 · vista 1162 volte · LAVORO · ITALIA


Il presidente di Confindustria alla vigilia dell'incontro dell'ultrà liberista ministro del welfare fornero ha definito l'art.18 un'anomalia a cui porre rimedio. Anomalia perché? Perché pur essendoci flessibilità in entrata (ah!) manca quella in uscita. Non è infatti possibile licenziare, per le aziende sopra i 15 dipendenti, se non per giusta causa o giustificato motivo. Con queste parole sembrerebbe che le aziende italiane (e quelle straniere che operano in Italia), una volta assunta una persona a tempo indeterminato siano condannate a tenersi "sul groppone" tale dipendente finché pensione (o morte) non sopraggiunga. L'ideologismo padronale è veramente distorsivo della realtà: in quel "se non per giusta causa o per giustificato motivo" al contrario, ci sono tutte le garanzie per l'azienda di poter depennare dal proprio libro paga la manodopera in eccesso; e questo può avvenire con la garanzia per il singolo lavoratore che la decisione non avvenga per futili motivi o peggio per discriminazione (sindacalizzazione, orientamento politico e religioso, nazionalità). La giusta causa, declinata nei vari contratti collettivi nazionali, consente il licenziamento del lavoratore in caso di perdita irrimediabile del rapporto di fiducia tra questo ed il datore di lavoro (ad esempio furto, danneggiamento volontario delle attrezzature, violenza nei confronti del datore). Il giustificato motivo si articola in due fattispecie: soggettivo, che riguarda sempre il vincolo di fiducia (seppur in forma attenuata rispetto alla giusta causa) e oggettivo ovvero quando per l'azienda, espedite tutte le forme di salvaguardia dei posti di lavoro come cassa integrazione, contratto di solidarietà, etc, non resta altro che ridurre le maestranze per salvare se stessa. Dove sarebbe quindi l'anomalia? L'ideologia liberista insiste con i suoi mantra pur essendo andata incontro a numerosi fallimenti (Cile, Argentina, Irlanda...) e neanche di fronte a statistiche che dimostrano l'inesistenza di una qualsiasi relazione positiva tra abbassamento del livello dei diritti e aumento dei posti di lavoro (al contrario vi è stata una contrazione dei salari) indietreggia di un passo ma, anzi, avanza e rilancia. E anche noi dobbiamo rilanciare, per l'estensione di questo diritto a tutti e tutte!



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011