Immagine di profilo di http://prcmeilogu.blogspot.com
Altre Notizie dell'utente


Rovesciare il decreto sulle liberalizzazioni!
Contro la volontà di 27 milioni di italiani che hanno votato contro la gestione privata del servizio idrico lo scorso giugno, il Governo Monti intende portare avanti un piano di liberalizzazioni che...



L'articolo 18 non si tocca, anzi va esteso!
Il presidente di Confindustria alla vigilia dell'incontro dell'ultrà liberista ministro del welfare fornero ha definito l'art.18 un'anomalia a cui porre rimedio. Anomalia perché? Perché pur essendoci...



Ospedale, ora chiude anche l'ufficio Ticket!
Non bastava la chiusura del reparto di Medicina: da ieri, lunedì 2 gennaio, è chiuso anche l'ufficio Ticket. Motivo? Mancato rinnovo del contratto (semestrale) dell'impiegato. Ora viene da chiederci,...



Ospedale: Non accettare la riconversione!
"Un ospedale che cambia, non più con un reparto di Medicina ma con una Lungodegenza, un potenziamento delle specialistiche ambulatoriali, un punto di primo soccorso e un front office amministrativo e...



Alcoa: serve la più ampia e radicale mobilitazione
Ci risiamo. A Portovesme si rivive lo spettro della chiusura dell'Alcoa dopo che la multinazionale americana ha annunciato un piano di riduzione delle capacità produttive che interessa anche gli...



Le missioni di "pace"
Afghanistan, Bosnia, Marocco, Cipro, Repubblica democratica del Congo, Kashmir (confine India-Pakistan), Darfur, Malta, Georgia, Libano, Uganda, Egitto, Israele, Somalia, territori occupati di...



La Nuova Sardegna 4 gennaio 2012
Intanto, anche la popolazione di Thiesi inizia a mobilitarsi per difendere l'ospedale civile e, più in generale, il diritto alla salute. Martedì 27 dicembre il circolo di Rifondazione comunista ha...



Cifre dalla crisi: disoccupazione
Secondo le rilevazioni Istat a novembre 2011 gli occupati sono 22.906 mila, in diminuzione dello 0,1% (-28 mila unità) rispetto a ottobre. Il calo riguarda la sola componente femminile. Nel confronto...



21 gennaio 1921: Nasce il Partito comunista d'Italia
Il 21 gennaio del 1921 nasceva a Livorno il Partito Comunista d'Italia, sezione italiana dell'Internazionale comunista, come esito della frattura prodottasi al XVII congresso socialista. Ma la...



Il declassamento della Francia
Di http://prcmeilogu.blogspot.com · creato il 14/01/2012 15:14 · ultima modifica 15/01/2012 11:59 · vista 1219 volte · ECONOMIA · INTERNAZIONALE


Il rating è un metodo per valutare i titoli obbligazionari di un dato paese in base al loro rischio. Un declassamento da parte delle agenzie (Standard & Poor's e Moody's sono le principali) significa bollare quel paese come inaffidabile nel ripagare gli interessi sul debito pubblico. Qual'ora ciò si avverasse, quel dato paese è costretto ad innalzare i tassi di interesse per poter vendere ancora titoli di Stato e di, conseguenza, a vedere accresciuto il suo debito pubblico facendovi fronte con politiche che distruggono sempre di più il welfare, lo stato sociale. Così Ferrero dopo il declassamento della Francia da parte di S&P: "Adesso gli speculatori attaccano la Francia: cominciano con il declassamento e poi gli speculatori guadagneranno un po’ di miliardi, facendo alzare i tassi di interesse, fino a quando il governo francese non farà una massacro sociale e allora passeranno ad un altro paese. Anche oggi in Francia si ripete lo stesso copione già visto per la Grecia, la Spagna, il Portogallo e l’Italia. Questa è la dimostrazione più evidente che le politiche europee non servono a sconfiggere la speculazione ma al contrario usano la speculazione per distruggere i diritti dei lavoratori. L’unico modo per uscire dalla crisi consiste nel fermare i banchieri, cioè mettere la finanza sotto controllo politico, a partire dalla modifica del ruolo della BCE e dalla creazione di banche pubbliche. Il contrario delle liberalizzazioni di Monti".



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011