Immagine di profilo di http://prcmeilogu.blogspot.com
Altre Notizie dell'utente


Il declassamento della Francia
Il rating è un metodo per valutare i titoli obbligazionari di un dato paese in base al loro rischio. Un declassamento da parte delle agenzie (Standard & Poor's e Moody's sono le principali) significa...



L'articolo 18 non si tocca, anzi va esteso!
Il presidente di Confindustria alla vigilia dell'incontro dell'ultrà liberista ministro del welfare fornero ha definito l'art.18 un'anomalia a cui porre rimedio. Anomalia perché? Perché pur essendoci...



Cortina, tasse ed evasione legale
Non ci convince il blitz anti evasione fiscale condotto dagli agenti della agenzia delle entrate in quel di Cortina D'Ampezzo di fine anno. Certo, il sorriso ci scappa nel vedere dei nababbi...



Sinistra e forconi: che fare?
La debolezza della risposta del movimento operaio alla crisi causata dal capitalismo determina una frantumazione della lotta contro i provvedimenti del governo in cui il protagonismo viene assunto da...



Ospedale, ora chiude anche l'ufficio Ticket!
Non bastava la chiusura del reparto di Medicina: da ieri, lunedì 2 gennaio, è chiuso anche l'ufficio Ticket. Motivo? Mancato rinnovo del contratto (semestrale) dell'impiegato. Ora viene da chiederci,...



Cifre dalla crisi: disoccupazione
Secondo le rilevazioni Istat a novembre 2011 gli occupati sono 22.906 mila, in diminuzione dello 0,1% (-28 mila unità) rispetto a ottobre. Il calo riguarda la sola componente femminile. Nel confronto...



Tagliare le spese militari!
Il bisturi del governo massacra la povera gente, tartassa il lavoro e il nuovo anno inizia con aumenti di luce e gas con tariffe che saliranno rispettivamente del 4,9 e del 2,7%. Ma non risparmia...



Le missioni di "pace"
Afghanistan, Bosnia, Marocco, Cipro, Repubblica democratica del Congo, Kashmir (confine India-Pakistan), Darfur, Malta, Georgia, Libano, Uganda, Egitto, Israele, Somalia, territori occupati di...



Cifre dalla crisi: cassa integrazione
Mezzo milione di lavoratori in cassa integrazione a zero ore costretti a rinunciare a 8mila euro in meno all’anno in busta paga, pari a un taglio complessivo di 3 miliardi e 650 milioni. E’ il...



Alcoa: serve la più ampia e radicale mobilitazione
Di http://prcmeilogu.blogspot.com · creato il 11/01/2012 11:32 · ultima modifica 15/01/2012 12:04 · vista 1222 volte · LAVORO · SARDEGNA


Ci risiamo. A Portovesme si rivive lo spettro della chiusura dell'Alcoa dopo che la multinazionale americana ha annunciato un piano di riduzione delle capacità produttive che interessa anche gli stabilimenti spagnoli di La Coruna e Aviles (dove però, pare, sono pianificate fermate parziali e temporanee). Gli operai dell'Alcoa hanno condotto in questi ultimi anni battaglie durissime. Hanno occupato l'aeroporto e persino gli impianti sequestrando i dirigenti. Hanno anche subito le cariche della Polizia ma ciò non li ha fermati. Dobbiamo quindi supportare la loro tenacia abbandonando parole di conforto (del tutto fuori luogo) in attesa di tavoli di trattative sui quali sperare inutili pressioni. Dobbiamo supportare la loro lotta con tutta la forza necessaria. Da circolo composto al 90% da operai sappiamo che, come estrema misura, gli stabilimenti si difendono occupandoli per impedirne lo smantellamento. Esattamente come il movimento delle fabbriche recuperate dell'America Latina ci insegna. Serve per questo la più ampia, ma anche la più radicale mobilitazione a difesa del lavoro. E data la natura "energivora" di Alcoa occorre anche collegare la necessità di un piano industriale con quella di un piano energetico pubblico, entrambi sotto il controllo dei lavoratori e delle comunità.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011