Immagine di profilo di http://prcmeilogu.blogspot.com
Altre Notizie dell'utente


La Nuova Sardegna 4 gennaio 2012
Intanto, anche la popolazione di Thiesi inizia a mobilitarsi per difendere l'ospedale civile e, più in generale, il diritto alla salute. Martedì 27 dicembre il circolo di Rifondazione comunista ha...



Cifre dalla crisi: disoccupazione
Secondo le rilevazioni Istat a novembre 2011 gli occupati sono 22.906 mila, in diminuzione dello 0,1% (-28 mila unità) rispetto a ottobre. Il calo riguarda la sola componente femminile. Nel confronto...



Disoccupazione: un milione e mezzo gli scoraggiati
Dal novembre dell'anno scorso l'Istat ha deciso che “per rappresentare appieno la complessa realtà del mercato del lavoro è necessario andare al di là della rigida distinzione tra occupati,...



Liberalizzare...la devastazione del territorio!
Altro che green economy! Il Governo Monti, con il decreto sulle liberalizzazioni, dice apertamente di stare dalla parte dei devastatori del territorio. Non avevamo dubbi data la composizione...



Firma l'appello "Giù le mani dall'acqua e dalla democrazia!"
Dopo le dichiarazioni velenose contro il referendum, definito addirittura un imbroglio da parte di esponenti dell’esecutivo in carica, il governo Monti tramite l’imminente decreto sulle...



Nuovo trattato europeo e articolo 81 della Costituzione: Decidiamo noi, firma la petizione!
Da www.nodebito.it - I governi dell’Unione Europea stanno varando un nuovo Trattato sulla stabilità e la governance per rendere permanenti i piani di austerità che mirano a tagliare salari, stipendi...



21 gennaio 1921: Nasce il Partito comunista d'Italia
Il 21 gennaio del 1921 nasceva a Livorno il Partito Comunista d'Italia, sezione italiana dell'Internazionale comunista, come esito della frattura prodottasi al XVII congresso socialista. Ma la...



Prima riunione del comitato "Giù le mani dall'ospedale"
Dopo il banchetto da noi organizzato il 27 dicembre scorso e le numerose adesioni raccolte (oltre 250), domani, domenica 8, alle 16 presso la Sala Sassu, si terrà l'assemblea costitutiva del comitato...



Tagliare le spese militari!
Il bisturi del governo massacra la povera gente, tartassa il lavoro e il nuovo anno inizia con aumenti di luce e gas con tariffe che saliranno rispettivamente del 4,9 e del 2,7%. Ma non risparmia...



Ma questo spread, cosa è?
Di http://prcmeilogu.blogspot.com · creato il 07/01/2012 13:45 · vista 1149 volte · ECONOMIA · ITALIA


Lo spread che sentiamo tutti i giorni sui telegiornali al punto di averne imparato la pronuncia, nel nostro caso, è il differenziale tra il tasso di rendimento dei titoli di stato italiani e quello dei titoli di stato tedeschi. I titoli di stato a loro volta sono delle obbligazioni emesse dai ministeri delle finanze dei governi per far fronte a loro debito pubblico (ritorneremo sulle cause del debito). Chi compra tali obbligazioni dando soldi freschi allo Stato? Semplici cittadini? Anche, ma poca roba rispetto a tutti quegli attori del mercato finanziario che ci speculano sopra, ovvero banche, imprese, assicurazioni, istituti finanziari. O come dicono i tg "i mercati". Questi "mercati", sempre secondo il linguaggio al quale ci stanno abituando "vanno rassicurati": bisogna cioè garantire loro la riscossione degli interessi sui titoli di stato precedentemente acquistati. Come un cane che si morde la coda, questa misura genera ulteriore debito pubblico dato che ogni anno l'Italia spende per tali interessi una cifra che si aggira intorno agli 80 miliardi. Dal momento che l'Italia ha una situazione economica che spaventa questi "mercati" circa la solvibilità degli interessi, ecco che allora si impongono ai governi manovre "lacrime e sangue" per reperire quelle risorse. Allo stesso tempo si accresce il rendimento dei titoli di stato dei paesi in crisi come l'Italia: si aumenta cioè il loro tasso d'interesse perché aumentando il rischio dell'insolvibilità del venditore (lo Stato), i compratori (i mercati) pretendono un maggiore guadagno. Così, dopo che Monti ha fatto la cosiddetta "manovra salva Italia" per abbassare i rendimenti dei titoli italiani, vediamo che questi continuano a salire (al momento in cui scriviamo oltre la soglia allarmistica del 7%) a causa delle scorribande delle banche. E con essi, appunto, aumenta il differenziale (lo spread) con i rendimenti dei Bund tedeschi: 5,3%, ovvero 530 punti base non molto lontani dai 575 del novembre scorso, sotto il governo Berlusconi. L'unica manovra possibile è perciò non pagare il debito alle banche, nazionalizzandole, per orientare i soldi non più verso la speculazione ma verso le esigenze della collettività. 7 gennaio 2012



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011