Immagine di profilo di http://prcmeilogu.blogspot.com
Altre Notizie dell'utente


Alcoa: serve la più ampia e radicale mobilitazione
Ci risiamo. A Portovesme si rivive lo spettro della chiusura dell'Alcoa dopo che la multinazionale americana ha annunciato un piano di riduzione delle capacità produttive che interessa anche gli...



Ma questo spread, cosa è?
Lo spread che sentiamo tutti i giorni sui telegiornali al punto di averne imparato la pronuncia, nel nostro caso, è il differenziale tra il tasso di rendimento dei titoli di stato italiani e quello...



Cifre dalla crisi: cassa integrazione
Mezzo milione di lavoratori in cassa integrazione a zero ore costretti a rinunciare a 8mila euro in meno all’anno in busta paga, pari a un taglio complessivo di 3 miliardi e 650 milioni. E’ il...



21 gennaio 1921: Nasce il Partito comunista d'Italia
Il 21 gennaio del 1921 nasceva a Livorno il Partito Comunista d'Italia, sezione italiana dell'Internazionale comunista, come esito della frattura prodottasi al XVII congresso socialista. Ma la...



L'articolo 18 non si tocca, anzi va esteso!
Il presidente di Confindustria alla vigilia dell'incontro dell'ultrà liberista ministro del welfare fornero ha definito l'art.18 un'anomalia a cui porre rimedio. Anomalia perché? Perché pur essendoci...



Zanon, Innse, Jabil...ALCOA! Occupare, resistere, produrre!
C'è una fabbrica argentina che da diversi anni è entrata nei cuori dei lavoratori e dei militanti di sinistra. Si chiamava Zanon, dal nome del padrone di origini italiane. Produce tutt'ora ceramiche,...



Cifre dalla crisi: disoccupazione
Secondo le rilevazioni Istat a novembre 2011 gli occupati sono 22.906 mila, in diminuzione dello 0,1% (-28 mila unità) rispetto a ottobre. Il calo riguarda la sola componente femminile. Nel confronto...



Firma l'appello "Giù le mani dall'acqua e dalla democrazia!"
Dopo le dichiarazioni velenose contro il referendum, definito addirittura un imbroglio da parte di esponenti dell’esecutivo in carica, il governo Monti tramite l’imminente decreto sulle...



Ospedale, ora chiude anche l'ufficio Ticket!
Non bastava la chiusura del reparto di Medicina: da ieri, lunedì 2 gennaio, è chiuso anche l'ufficio Ticket. Motivo? Mancato rinnovo del contratto (semestrale) dell'impiegato. Ora viene da chiederci,...



Le missioni di "pace"
Di http://prcmeilogu.blogspot.com · creato il 06/01/2012 17:08 · vista 1381 volte · POLITICA · INTERNAZIONALE


Afghanistan, Bosnia, Marocco, Cipro, Repubblica democratica del Congo, Kashmir (confine India-Pakistan), Darfur, Malta, Georgia, Libano, Uganda, Egitto, Israele, Somalia, territori occupati di Cisgiordania (Hebron) e Striscia di Gaza, Albania, Libia, Macedonia, Kosovo. Queste sono i principali paesi dove operano le truppe italiane. Per la precisione 30 attività in 27 paesi che, pur avendo terminata la missione in Iraq, coinvolge oltre 8 mila militari permanenti e 40 mila a turno. In Afghanistan il grosso delle truppe tra cui 1300 "sassarini". A che prezzo? Queste missioni costano 1,4 miliardi di euro ogni anno, ma a questa cifra si devono aggiungere 20 miliardi per il mantenimento delle forze armate e quasi 6 miliardi per l’acquisto di armi e armamenti. Circa 27 miliardi che posizionano l'Italietta nelle alte posizioni della classifica (ottava) per spese militari al mondo. Una spesa che non subisce tagli, a differenza di quanto avviene vergognosamente con l'istruzione, la sanità, le pensioni, il lavoro. 6 gennaio 2012



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011