Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Storie parallele in una Milano ridotta a discarica
La lettura di un noir può generare ansia. Se questo accade, il noir sta svolgendo il suo compito, perché sta destabilizzando una visione pacificata della realtà. Il sasso dentro di Ivan Della...



Una montagna di poveri per fare un solo ricco
La crisi ha aumentato le diseguaglianze sociali e di reddito. Per questo serve un rinnovato intervento pubblico in economiaL'attuale crisi economica è stata oggetto di molte analisi, a partire dal...



Beppe Sala, l’autosospeso che tutti vogliono al suo posto
MILANO. Il sindaco si prende una pausa di riflessione prima di chiarire con i magistrati la sua posizione in merito all’inchiesta sulla Piastra di Expo per cui è indagato. Nel frattempo cresce...



Federalismo insalubre
Fiore all'occhiello o tragedia italiana? Il Ssn in controluce. A confronto, in questa puntata, i modelli lombardo e laziale. Intervista al presidente dell'Agenas, Giovanni Bissoni Il prossimo...



Europa-Ecologia: 70% «no» al Fiscal Compact
I VERDI FRANCESI A MAGGIORANZA CONTRO IL RIGOREPARIGI . Daniel Cohn-Bendit sotto accusa perché denuncia l'«incoerenza» del movimento La maggioranza di Hollande vacilla. Il consiglio federale di...



Assange unisce il Sud America
Il «big stick» riesumato dal governo britannico fa di un complicato caso diplomatico una crisi politica internazionale che non è più soltanto bilateraleQuello che era cominciato - il 19 giugno...



L'autorappresentanza necessaria
SINISTRE. Dove ci stiamo ri-infognando? Qual è la maledizione che perseguita le sinistre impedendo loro di presentare una "offerta elettorale" appetibile da nemmeno il 4% degli elettori?Certo, ...



Thys­sen­krupp, pene ridotte. Esplode la rabbia dei parenti
«A ogni sen­tenza, que­sta è la quarta, tol­gono un pez­zet­tino di pena». Anto­nio Boc­cuzzi, unico ope­raio soprav­vis­suto alle fiamme della Thys­sen­krupp, com­menta così il ver­detto della Corte...



Così la scuola ha vinto tre volte
BOLOGNA Il referendum ha rilanciato l'art. 33 della CostituzioneLa vittoria conseguita dal comitato referendario della città di Bologna è netta. Il 59% dei votanti contro il 37%, scegliendo...



Due suicidi, Di Pietro li attribuisce a Monti
Due morti a Roma e Milano. Il leader dell'Idv: «Il premier li ha sulla coscienza». E scoppia la buferaNon passa giorno senza che un lavoratore, un pensionato, un imprenditore non si suicidino in...



Dete­nuto si impicca, alcune guardie lo insultano su facebook
Di Manifesto · creato il 19/02/2015 11:15 · vista 379 volte · POLITICA · ITALIA


Il dete­nuto Ioan Gabriel Bar­buta, 39 anni, rumeno, una con­danna defi­ni­tiva all’ergastolo per omi­ci­dio, dome­nica scorsa ha deciso di met­tere fine alla sua esi­stenza. Si è impic­cato in cella nel car­cere di Opera, alle porte di Milano. Sono tra­ge­die piut­to­sto comuni che non scan­da­liz­zano gli addetti ai lavori: nel 2014 si sono uccisi 43 dete­nuti, signi­fica che più o meno ogni otto giorni le guar­die peni­ten­zia­rie devono rac­co­gliere un cada­vere. “Pur­troppo, nono­stante il pre­zioso e costante lavoro svolto dalla poli­zia peni­ten­zia­ria, pur con le cri­ti­cità che l’affliggono, non si è riu­sciti a evi­tare tem­pe­sti­va­mente ciò che il dete­nuto ha posto in essere nella pro­pria cella”, si legge in un comu­ni­cato del sin­da­cato Sappe. Que­sta volta però non ci sono solo le note uffi­ciali a sot­to­li­neare il sesto sui­ci­dio del 2015 nelle car­ceri ita­liane. Ci sono anche le con­si­de­ra­zioni che alcuni agenti di un altro sin­da­cato di poli­zia peni­ten­zia­ria (Alsippe) hanno postato su una pagina face­book. Sono cose che fanno schifo anche solo a pen­sarle, ma è molto istrut­tivo vederle esi­bite con tanta leg­ge­rezza sui social net­work, per­ché a com­men­tare la noti­zia sono stati poli­ziotti penitenziari. Il primo a pro­nun­ciarsi esi­bi­sce anche i titoli, dice di essere un ispet­tore presso il mini­stero della Giu­sti­zia: “Ottimo spe­riamo abbia sof­ferto”. Il com­mento suc­ces­sivo con­corda: “Uno di meno, che sicu­ra­mente non avrebbe scon­tato la pena per intero, ci sarebbe costato parec­chi denari e che all’uscita avrebbe creato di nuovo pro­blemi. Spero che abbia sof­ferto”. Sem­bra quasi il pro­gramma di un par­tito poli­tico, o un son­dag­gio su ciò che pensa l’opinione pub­blica. A seguire una ven­tina di com­menti. “Con­si­glio di met­tere a dispo­si­zione più corde e sapone”. E ancora: “Col­lega scala la conta”. La cate­go­ria soli­da­rizza anche: “Sicu­ra­mente i NS col­le­ghi saranno inda­gati! E che cazzo vuoi met­tere che la vita di un delin­quente, non debba essere tute­lata e chi come noi lavora in mezzo a que­sta fec­cia umana non debba subire la giu­sta puni­zione!!”. Solo un tale invita gli agenti a non insul­tare i morti. Que­sta la rispo­sta sgram­ma­ti­cata: “Lavora all’iterno. Poi vedrai. Spe­cial­mente extra­co­mu­ni­tari. X que­sto mestiere devi ava er core nero”. I nomi non sono stati resi noti, ma sem­bra che alcuni siano rap­pre­sen­tanti sin­da­cali. Iden­ti­fi­carli non sarà difficile. Luigi Pagano, vice capo del Dipar­ti­mento dell’amministrazione peni­ten­zia­ria (Dap), non sem­bra dispo­sto a fare sconti. Cono­sce come pochi altri la realtà del car­cere, per una vita è stato diret­tore di San Vit­tore. “E’ una cosa inde­gna — spiega — abbiamo inca­ri­cato il nostro nucleo inve­sti­ga­tivo di rico­struire i fatti. Se sarà accer­tato che gli autori di quei com­menti sono poli­ziotti peni­ten­ziari, ovvia­mente agi­remo di con­se­guenza anche in sede disci­pli­nare”. E ancora: “Com­men­tare con uno di meno o frasi simili la morte di un dete­nuto signi­fica oltrag­giare una per­sona e allo stesso tempo offen­dere anche un corpo, quello della poli­zia peni­ten­zia­ria, che ogni giorno lavora per ren­dere più umane le car­ceri ita­liane e per fare fronte alle tante dif­fi­coltà quo­ti­diane che si incon­trano nell’ambiente peni­ten­zia­rio. Quanto acca­duto è dav­vero inac­cet­ta­bile”. Dura, ma non potrebbe essere diver­sa­mente, anche la presa di posi­zione del segre­ta­rio del Sappe, Donato Capece: “Esul­tare per la morte di un dete­nuto è cosa igno­bile e ver­go­gnosa. Il sui­ci­dio in car­cere è sem­pre, oltre che una tra­ge­dia per­so­nale, una scon­fitta per lo stato. Chi ha dato dimo­stra­zione della sua stu­pi­dità ed insen­si­bi­lità se ne assu­merà le responsabilità”. Le inda­gini non dovreb­bero incon­trare osta­coli. Il mini­stro della giu­sti­zia, Andrea Orlando, già oggi con­vo­cherà il capo del Dap per cono­scerne l’esito. E nei pros­simi giorni incon­trerà le sigle sin­da­cali della poli­zia peni­ten­zia­ria “per discu­tere dell’accaduto e di come evi­tare che simili inqua­li­fi­ca­bili com­por­ta­menti pos­sano ripe­tersi”. Poi dovrà rispon­dere a un’interrogazione par­la­men­tare pre­sen­tata da Sel, “si tratta dell’ennesimo epi­so­dio che con­ferma la neces­sità di una com­mis­sione di inda­gine par­la­men­tare sulle morti in car­cere” ha com­men­tato Daniele Farina. I non troppi poli­tici che hanno espresso disgu­sto, tra cui molti sena­tori del Pd che si sono appel­lati al mini­stro, invo­cano puni­zioni esem­plari. Giu­sto, ma sarebbe il minimo sin­da­cale. Forse, per non deru­bri­care la vicenda nel solito capi­tolo delle “poche mele marce”, sarebbe meglio capire come inten­dono rela­zio­narsi le ammi­ni­stra­zioni peni­ten­zia­rie con quella nuova sigla sin­da­cale che prima ha ospi­tato e poi rimosso quei commenti.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011