Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Per la dignità universale. In piedi, esseri umani, la povertà è un furto
La povertà non è un fatto di natura ma il prodotto di società ingiuste perché inegualitarie e predatrici . In piedi, umanità contro il furto della vita. L’IMPOVERIMENTO La povertà è il risultato...



Cina. One Belt One Road, la nuova via alla globalizzazione
Dopo il Tpp. La «nuova via della seta» che unisce i vecchi percorsi carovanieri insieme alla «via della seta marittima» è un progetto e non un trattato: toccherà almeno 60 paesi che producono un...



Don Tonino il pacifista
RICORDO DI UN VESCOVO DISOBBEDIENTE. Il 20 aprile del '93 moriva don Bello, vescovo di Molfetta e presidente di Pax Christi. Antimilitarista e dalla parte degli oppressi, si scontrò con il mondo ...



Emergenza alluvioni, appello di Pyongyang
La Corea del nord ha lanciato un appello e chiede aiuti internazionali, dopo che una serie di inondazioni e un tifone nelle ultime settimane hanno devastato ampie zone del paese. Ieri l'agenzia...



«Linee guida» per gli artigiani, un accordo senza le categorie
Nessuna discussione interna; orario di lavoro fuori dal contratto nazionale e «flessibile» senza contropartiteL'autonomia è una bella cosa. Basta non trasformarla in «decisionismo», che in una...



Governo Tsipras. Misure sociale per Natale
Alexis Tsipras ha deciso di rafforzare la politica sociale del governo. Il leader di Syriza ha annunciato, infatti, che 617 milioni di euro verranno redistribuiti a 1 milione e 600 mila pensionati...



Quella poetica rurale sui miti della nascita
Nuova edizione per Giovan Battista Bronzini «A Craco, la sera, la ragazza recita in silenzio una breve preghiera e attende la mezzanotte: se subito dopo ode un canto o un fischio, l'avvenire si...



OBAMA È UN'ALTRA MUSICA
ARTISTI E ATTIVISTI GIUDICANO BARACK. Don Palmer, Greg Tate, JT Lewis, Angela Davis, Butch Morris. Tra delusione e realismo, ecco come l'intellighenzia radicale afroamericana a New York giudica...



Una telecamera? Solo tre minuti
Due blogger in sciopero della fame contro la nuova censura post-rivoluzionariaDurante le rivolte in Tunisia, Ramzi Bettaieb (alias Winston Smith, nella foto) ha rilanciato il tweet sul rifiuto del...



No ad Ayraultport, che brutto ambiente
FRANCIA LA FRATTURA TRA PS E VERDI SULL'AEROPORTO DA COSTRUIRE A NOTRE-DAME DES LANDES, VICINO NANTES, POTREBBE ADDIRITTURA AVERE CONSEGUENZE A PARIGI SUGLI EQUILIBRI POLITICI DEL GOVERNO...



Jobs act, sarà battaglia anche in senato
Di Manifesto · creato il 27/11/2014 13:45 · vista 1063 volte · POLITICA · ITALIA


Aver impo­sto alla camera una pro­ce­dura straor­di­na­ria per appro­vare una legge delega con forti aspetti di inco­sti­tu­zio­na­lità aggrava la già grande distanza tra ciò che il par­la­mento ha discusso sul Jobs Act e il paese reale. Il paese reale uni­sce nelle piazze i gio­vani pre­cari che vogliono diritti e lavoro per tutti e i lavo­ra­tori che difen­dono i loro diritti ancora una volta per tutti. Il paese reale uni­sce nello scio­pero gene­rale del 12 dicem­bre i sin­da­cati che chie­dono ascolto per i lavo­ra­tori. Que­sta è una distanza che ora­mai si misura nell’aumento delle asten­sioni di ele­zione in elezione. Lo abbiamo visto nel voto del Emi­lia Roma­gna, che solo il deli­rio di onni­po­tenza del pre­mier con­fonde come «effetto secon­da­rio». Il prov­ve­di­mento è stato votato da un’aula abban­do­nata da tutte le oppo­si­zioni, e la mag­gio­ranza si carica della respon­sa­bi­lità di ren­dere pos­si­bile il deman­sio­na­mento, il con­trollo a distanza senza il con­senso dei lavo­ra­tori, ste­ri­lizza una buona pro­po­sta di legge con­tro le dimis­sioni in bianco, già appro­vata a vasta mag­gio­ranza dalla camera dei depu­tati. Il mes­sag­gio è pre­ciso: il lavoro umano deve con­tare meno delle merci che pro­duce. Fino al art 18 reso defi­ni­ti­va­mente inutilizzabile. Nes­suno licen­zia con argo­menti discri­mi­na­tori o disci­pli­nari se può, per motivi eco­no­mici, col­lo­care un lavo­ra­tore o una lavo­ra­trice in un ramo d’azienda in crisi, su un pro­dotto obso­leto o in una società in perdita. I licen­zia­menti come l’acqua non vanno in salita. Il governo spera che di fronte a que­sta ridu­zione di cit­ta­di­nanza del lavoro arri­vino gli inve­sti­menti e il lavoro, quel lavoro e que­gli inve­sti­menti già man­cati dal governo Monti che aveva deca­pi­tato l’art18 pro­met­ten­doli. E il con­tratto a tutele cre­scenti, di cre­scente ha solo l’indennizzo per il licen­zia­mento. Il 20 mag­gio 1970  l’Avanti,  quo­ti­diano socia­li­sta, salutò lo sta­tuto dei lavo­ra­tori tito­lando “La costi­tu­zione entra in fab­brica”. Oggi con quel voto la si fa uscire. Pro­se­guendo sulla strada aperta a Pomi­gliano dalla Fiat ame­ri­cana di Marchionne. L’estensione degli ammor­tiz­za­tori è un’ipotesi senza risorse visto che ciò che si pre­para nella legge di sta­bi­lità (i 2,2 miliardi lordi) ad oggi noti non sono suf­fi­cienti nean­che a coprire le emer­genze della cassa in deroga del ultimo anno. Tra ago­sto e otto­bre è aumen­tata la disoc­cu­pa­zione, sono esplose le ore di cassa inte­gra­zione, si stima una per­dita di 145.000 posti di lavoro a fronte dei 70.000 posti pre­cari creati dal decreto Poletti, frutto come ci ricorda il pro­fes­sor Ricolfi sulla  Stampa , «di un inge­nuo trucco sta­ti­sti­stico». Infine si con­ferma la ridu­zione degli anni di mobi­lità della For­nero da 3 a 2 e scom­pare la cassa inte­gra­zione per le aziende “ces­sate”, per capirci la Fiat avrebbe potuto pren­dere la ex Ber­tone, dove oggi fa le Mase­rati, senza i lavoratori. L’idea che la destrut­tu­ra­zione dello sta­tuto dei lavo­ra­tori si possa fer­mare nella scrit­tura dei decreti attua­tivi è un illu­sione. Magari utile al posi­zio­na­mento poli­tico dei sin­goli e forse di sem­pre più ristrette aree politiche. L’aula della camera abban­do­nata dalle oppo­si­zioni, a par­tire da Sel, con i voti con­trari di Civati ed altri e l’uscita di una tren­tina di depu­tati intorno a Cuperlo e Fas­sina, dimo­stra che le lotte e i sin­da­cati pro­du­cono effetti. E il ritorno al senato del Jobs Act non ha nulla di scon­tato pur nell’ennesima fidu­cia che il governo li porrà. Le oppo­si­zioni devono pro­vare a fer­mare la delega sul lavoro. Le ragioni dei lavo­ra­tori che faranno grande lo scio­pero gene­rale del 12 dicem­bre devono poter con­tare anche in par­la­mento, con un gesto di forza e coe­renza anche delle mino­ranze del Pd .



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011