Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Per la dignità universale. In piedi, esseri umani, la povertà è un furto
La povertà non è un fatto di natura ma il prodotto di società ingiuste perché inegualitarie e predatrici . In piedi, umanità contro il furto della vita. L’IMPOVERIMENTO La povertà è il risultato...



Emergenza alluvioni, appello di Pyongyang
La Corea del nord ha lanciato un appello e chiede aiuti internazionali, dopo che una serie di inondazioni e un tifone nelle ultime settimane hanno devastato ampie zone del paese. Ieri l'agenzia...



Cina. One Belt One Road, la nuova via alla globalizzazione
Dopo il Tpp. La «nuova via della seta» che unisce i vecchi percorsi carovanieri insieme alla «via della seta marittima» è un progetto e non un trattato: toccherà almeno 60 paesi che producono un...



Don Tonino il pacifista
RICORDO DI UN VESCOVO DISOBBEDIENTE. Il 20 aprile del '93 moriva don Bello, vescovo di Molfetta e presidente di Pax Christi. Antimilitarista e dalla parte degli oppressi, si scontrò con il mondo ...



«Linee guida» per gli artigiani, un accordo senza le categorie
Nessuna discussione interna; orario di lavoro fuori dal contratto nazionale e «flessibile» senza contropartiteL'autonomia è una bella cosa. Basta non trasformarla in «decisionismo», che in una...



Quella poetica rurale sui miti della nascita
Nuova edizione per Giovan Battista Bronzini «A Craco, la sera, la ragazza recita in silenzio una breve preghiera e attende la mezzanotte: se subito dopo ode un canto o un fischio, l'avvenire si...



Governo Tsipras. Misure sociale per Natale
Alexis Tsipras ha deciso di rafforzare la politica sociale del governo. Il leader di Syriza ha annunciato, infatti, che 617 milioni di euro verranno redistribuiti a 1 milione e 600 mila pensionati...



OBAMA È UN'ALTRA MUSICA
ARTISTI E ATTIVISTI GIUDICANO BARACK. Don Palmer, Greg Tate, JT Lewis, Angela Davis, Butch Morris. Tra delusione e realismo, ecco come l'intellighenzia radicale afroamericana a New York giudica...



Una telecamera? Solo tre minuti
Due blogger in sciopero della fame contro la nuova censura post-rivoluzionariaDurante le rivolte in Tunisia, Ramzi Bettaieb (alias Winston Smith, nella foto) ha rilanciato il tweet sul rifiuto del...



No ad Ayraultport, che brutto ambiente
FRANCIA LA FRATTURA TRA PS E VERDI SULL'AEROPORTO DA COSTRUIRE A NOTRE-DAME DES LANDES, VICINO NANTES, POTREBBE ADDIRITTURA AVERE CONSEGUENZE A PARIGI SUGLI EQUILIBRI POLITICI DEL GOVERNO...



Uccisi a fucilate perché chiedevano gli stipendi
Di Manifesto · creato il 16/09/2014 19:45 · vista 644 volte · POLITICA · ITALIA


Cer­ca­vano lo sti­pen­dio, hanno tro­vato la morte. Quella del 38enne Mustafa Neo­me­dim e del 26enne Avdyli Val­det, entrambi kos­so­vari, e del loro ex padrone Gian­luca Ciferri (48 anni) sem­bra una sto­ria di guerra sociale. Pic­colo impren­di­tore edile lui, mano­vali licen­ziati in estate e con diversi mesi di arre­trato loro. Alle 11 del mat­tino di ieri, i due si sono pre­sen­tati nella villetta-laboratorio di Ciferri a Molini Girola, poco sopra Fermo, per chie­dere conto delle spet­tanze mai versate. L’atmosfera deve essersi scal­data subito, ai cara­bi­nieri l’imprenditore ha rac­con­tato che Neo­me­dim e Val­det lo sta­vano minac­ciando con un pic­cone, men­tre lui ha fatto in tempo a scen­dere verso il garage, impu­gnare una pistola e spa­rare cin­que colpi. Uno è andato a segno subito, e Mustafa è caduto a terra, abbat­tuto. Avdyli pure era stato col­pito, ma è riu­scito a scap­pare per un cen­ti­naio di metri, prima di acca­sciarsi in un campo di gira­soli poco distante, davanti agli occhi di un vicino di casa, primo testi­mone della tragedia. Davanti alla vil­letta di Ciferri c’era anche una donna: la moglie di Neo­me­dim, che con la sua auto aveva por­tato i due uomini fin lì. Non ha fatto in tempo ad accor­gersi di niente, lei. La morte di suo marito gliel’hanno dovuta rac­con­tare i carabinieri. Ciferri, arre­stato per duplice omi­ci­dio, invoca la legit­tima difesa: «Mi ave­vano aggre­dito, ho dovuto spa­rare», così avrebbe detto ai mili­tari dell’Arma. Men­tre entrava in caserma, sua moglie con­ti­nuava a gri­dar­gli «Cosa hai fatto? Cosa hai fatto?». Lui sem­brava non sen­tire, gli occhi pian­tati a terra, cam­mi­nava sor­retto da due uomini in divisa. Dopo un primo sopral­luogo, è venuto fuori che nel labo­ra­to­rio c’era una spe­cie di arse­nale: pistole e fucili rego­lar­mente denun­ciati, ma cari­chi e pronti a sparare. Gli uomini della scien­ti­fica hanno pas­sato l’intera gior­nata a foto­gra­fare e cata­lo­gare tracce e indizi. Una pista porta den­tro le sto­rie più tra­gi­che che si pos­sono rac­co­gliere nelle sedi sin­da­cali: Neo­me­dim era iscritto alla Cgil e stava cer­cando di risol­vere la situa­zione degli sti­pendi non pagati in maniera paci­fica, si era per­sino rifiu­tato di aprire una ver­tenza, per non rom­pere del tutto con Ciferri. Con­tava di vedere i soldi che gli spet­ta­vano, ogni tanto chia­mava l’ex padrone per sapere qual­cosa, ma tutto veniva sem­pre rinviato. «Il lavoro è pre­ca­rio, non viene nem­meno pagato a volte – spiega Mau­ri­zio Di Cosmo, segre­ta­rio pro­vin­ciale della Cgil – Al di là delle respon­sa­bi­lità penali dell’accaduto, è evi­dente la dram­ma­tica urgenza di dare rispo­ste, red­dito e tutela ai lavo­ra­tori. Que­sto epi­so­dio è l’ennesimo sin­tomo di una situa­zione sociale sem­pre più difficile». Il Fer­mano è terra di pic­coli impren­di­tori, la strada pro­vin­ciale che dalla A14 porta verso Molini Girola è una costel­la­zione di capan­noni più o meno abban­do­nati. Al bivio per la casa di Ciferri c’è anche una grande fab­brica di Nero Giar­dini, cat­te­drale in un deserto di cal­za­tu­ri­fici muti­lati dalla man­canza di com­messe. E non è un caso che, pro­prio da que­ste parti, perio­di­ca­mente si alzino le grida di chi vor­rebbe evi­tare una crisi diplo­ma­tica con la Russia. Non per una moti­va­zione uma­ni­ta­ria, ma per affari: le scarpe pro­dotte da que­ste parti, dall’altra parte degli Urali, pare abbiano ancora un discreto mer­cato. Intorno a que­ste fab­bri­chette di scarpe, altri sta­bi­li­menti: un indotto sem­pre più pic­colo e sem­pre più povero. Di Mustafa e Avdyli ce ne sono tanti da que­ste parti: si offrono come uomini di fatica per quat­tro spicci e poi magari non ven­gono nem­meno pagati: non è una cosa rara, dicono che biso­gna avere pazienza. Il conto sem­pre più salato di una crisi di nervi, oltre che eco­no­mica, si arric­chi­sce così di altri due cadaveri.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011