Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Per la dignità universale. In piedi, esseri umani, la povertà è un furto
La povertà non è un fatto di natura ma il prodotto di società ingiuste perché inegualitarie e predatrici . In piedi, umanità contro il furto della vita. L’IMPOVERIMENTO La povertà è il risultato...



Cina. One Belt One Road, la nuova via alla globalizzazione
Dopo il Tpp. La «nuova via della seta» che unisce i vecchi percorsi carovanieri insieme alla «via della seta marittima» è un progetto e non un trattato: toccherà almeno 60 paesi che producono un...



Don Tonino il pacifista
RICORDO DI UN VESCOVO DISOBBEDIENTE. Il 20 aprile del '93 moriva don Bello, vescovo di Molfetta e presidente di Pax Christi. Antimilitarista e dalla parte degli oppressi, si scontrò con il mondo ...



Emergenza alluvioni, appello di Pyongyang
La Corea del nord ha lanciato un appello e chiede aiuti internazionali, dopo che una serie di inondazioni e un tifone nelle ultime settimane hanno devastato ampie zone del paese. Ieri l'agenzia...



«Linee guida» per gli artigiani, un accordo senza le categorie
Nessuna discussione interna; orario di lavoro fuori dal contratto nazionale e «flessibile» senza contropartiteL'autonomia è una bella cosa. Basta non trasformarla in «decisionismo», che in una...



Governo Tsipras. Misure sociale per Natale
Alexis Tsipras ha deciso di rafforzare la politica sociale del governo. Il leader di Syriza ha annunciato, infatti, che 617 milioni di euro verranno redistribuiti a 1 milione e 600 mila pensionati...



Quella poetica rurale sui miti della nascita
Nuova edizione per Giovan Battista Bronzini «A Craco, la sera, la ragazza recita in silenzio una breve preghiera e attende la mezzanotte: se subito dopo ode un canto o un fischio, l'avvenire si...



OBAMA È UN'ALTRA MUSICA
ARTISTI E ATTIVISTI GIUDICANO BARACK. Don Palmer, Greg Tate, JT Lewis, Angela Davis, Butch Morris. Tra delusione e realismo, ecco come l'intellighenzia radicale afroamericana a New York giudica...



Una telecamera? Solo tre minuti
Due blogger in sciopero della fame contro la nuova censura post-rivoluzionariaDurante le rivolte in Tunisia, Ramzi Bettaieb (alias Winston Smith, nella foto) ha rilanciato il tweet sul rifiuto del...



No ad Ayraultport, che brutto ambiente
FRANCIA LA FRATTURA TRA PS E VERDI SULL'AEROPORTO DA COSTRUIRE A NOTRE-DAME DES LANDES, VICINO NANTES, POTREBBE ADDIRITTURA AVERE CONSEGUENZE A PARIGI SUGLI EQUILIBRI POLITICI DEL GOVERNO...



M5S strizza l'occhio a Stefano Boeri
Di Manifesto · creato il 21/03/2013 11:15 · vista 801 volte · POLITICA · ITALIA


MILANO Pisapia subissato dalle critiche dopo la cacciata dell'archistar  Sarà la primavera, ma a Milano tira una strana aria da primarie fuori tempo massimo. Si confabula, ci si schiera. Fortunato il sindaco Giuliano Pisapia che si vota fra tre anni. Altrimenti oggi non ci sarebbe partita. Stefano Boeri è il favorito, nel senso che improvvisamente è diventato l'assessore (ex) più stimato e apprezzato dai milanesi. Il malcontento cova, come si dice prima delle rivoluzioni. E la rete mormora, non sono sondaggi ma è chiaro che i cittadini che masticano di politica non hanno digerito il licenziamento in tronco dell'architetto. Ed è altrettanto chiaro che lui non ha nessuna intenzione di farsi da parte. Anzi. In prospettiva potrebbe essere una grana per tutti. Per la giunta di Milano sempre più autoriferita che ha creduto di potersene liberare con metodi ben poco trasparenti, e per il suo ex partito di riferimento, il Pd, un covo di «ragazzotti incompetenti», per dirla con l'epiteto più carino usato dall'architetto (del resto incompetenti non è un insulto, è la solita notizia). L'impressione è che questo licenziamento potrebbe far saltare il tappo che da mesi soffoca il malcontento di chi da sinistra (associazioni, cattolici compresi) non trova più interlocuzioni con la giunta. Alla faccia della partecipazione. Di sicuro lui, Stefano Boeri, sembra destinato a cadere in piedi. Non per niente, dopo aver liquidato il Pd con parole chiare - «questo partito non esiste» - proprio ieri ha ricevuto una proposta di collaborazione molto lusinghiera, visto che il primo partito d'Italia (il Movimento Cinque Stelle) non è solito rivolgere carinerie di questo tipo ai politici rodati. Se vuole venire con noi, ha lasciato intendere il giovanissimo consigliere comunale Mattia Calise, le porte sono aperte. «Boeri - ha detto - aveva un atteggiamento diverso dagli altri. Né dal sindaco, né dagli altri assessori ho avuto la stessa apertura... per questo il M5S è pronto ad aprire un dialogo se lui è ancora interessato a lavorare per la città di Milano, sui singoli progetti, esattamente come siamo aperti a lavorare con qualunque altro cittadino interessato». Sembra quasi che Calise non abbia più voglia di fare la parte del piccolo calimero a Palazzo Marino. «Se fossi stato Pisapia avrei cambiato un po' rotta, questo è il momento di farmi passare le mozioni che non hanno mai accettato, cose piccole e simboliche come togliere i biglietti dello stadio ai politici, e magari avrei anche toccato gli stipendi dei maxidirigenti, tipo il gabinetto del sindaco». Di solito l'archistar vola un po' più alto, ma chissà, da qualche parte bisognerà pur ricominciare. di Luca Fazio



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011