Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Per la dignità universale. In piedi, esseri umani, la povertà è un furto
La povertà non è un fatto di natura ma il prodotto di società ingiuste perché inegualitarie e predatrici . In piedi, umanità contro il furto della vita. L’IMPOVERIMENTO La povertà è il risultato...



Cina. One Belt One Road, la nuova via alla globalizzazione
Dopo il Tpp. La «nuova via della seta» che unisce i vecchi percorsi carovanieri insieme alla «via della seta marittima» è un progetto e non un trattato: toccherà almeno 60 paesi che producono un...



Don Tonino il pacifista
RICORDO DI UN VESCOVO DISOBBEDIENTE. Il 20 aprile del '93 moriva don Bello, vescovo di Molfetta e presidente di Pax Christi. Antimilitarista e dalla parte degli oppressi, si scontrò con il mondo ...



Emergenza alluvioni, appello di Pyongyang
La Corea del nord ha lanciato un appello e chiede aiuti internazionali, dopo che una serie di inondazioni e un tifone nelle ultime settimane hanno devastato ampie zone del paese. Ieri l'agenzia...



«Linee guida» per gli artigiani, un accordo senza le categorie
Nessuna discussione interna; orario di lavoro fuori dal contratto nazionale e «flessibile» senza contropartiteL'autonomia è una bella cosa. Basta non trasformarla in «decisionismo», che in una...



Governo Tsipras. Misure sociale per Natale
Alexis Tsipras ha deciso di rafforzare la politica sociale del governo. Il leader di Syriza ha annunciato, infatti, che 617 milioni di euro verranno redistribuiti a 1 milione e 600 mila pensionati...



Quella poetica rurale sui miti della nascita
Nuova edizione per Giovan Battista Bronzini «A Craco, la sera, la ragazza recita in silenzio una breve preghiera e attende la mezzanotte: se subito dopo ode un canto o un fischio, l'avvenire si...



OBAMA È UN'ALTRA MUSICA
ARTISTI E ATTIVISTI GIUDICANO BARACK. Don Palmer, Greg Tate, JT Lewis, Angela Davis, Butch Morris. Tra delusione e realismo, ecco come l'intellighenzia radicale afroamericana a New York giudica...



Una telecamera? Solo tre minuti
Due blogger in sciopero della fame contro la nuova censura post-rivoluzionariaDurante le rivolte in Tunisia, Ramzi Bettaieb (alias Winston Smith, nella foto) ha rilanciato il tweet sul rifiuto del...



No ad Ayraultport, che brutto ambiente
FRANCIA LA FRATTURA TRA PS E VERDI SULL'AEROPORTO DA COSTRUIRE A NOTRE-DAME DES LANDES, VICINO NANTES, POTREBBE ADDIRITTURA AVERE CONSEGUENZE A PARIGI SUGLI EQUILIBRI POLITICI DEL GOVERNO...



Buttati Pier Luigi
Di Manifesto · creato il 21/03/2013 10:45 · vista 914 volte · POLITICA · ITALIA


Grillo e Berlusconi al mattino, poi una lunga pausa prima di concludere le consultazioni stasera con l'appuntamento più delicato. Napolitano riceverà un Bersani che vuole provarci sul serio. Il capo dello stato è meno convinto, ha ben presente i numeri e l'intransigenza dei 5 Stelle. Vorrebbe evitare un tentativo destinato a sicuro fallimento. E puntare invece da subito sulla costruzione di un governo «del presidente», pronto prima che le camere comincino a votare il nuovo inquilino del Quirinale. Bersani però è convinto di avere qualche chance e il diritto di fare la prima proposta. Per questo ieri ha inviato a tutti i parlamentari i famosi otto punti: il suo programma di governo.  La mossa di Bersani non può derubricarsi a gesto di cortesia tra colleghi parlamentari. È al contrario un gesto che potrebbe persino essere preso con un po' di fastidio al Quirinale, come una forma di pressione indebita. Il presidente della Repubblica non ha ancora deciso se toccherà al segretario del Pd avanzare proposte di governo. E non è neppure detto che lo decida oggi. Anche se il segnale certo che arriva dalla prima giornata di consultazioni è la fretta del capo dello stato. Sia il presidente del senato Pietro Grasso che la presidente della camera Laura Boldrini hanno consegnato ai giornalisti all'uscita dallo studio alla Vetrata un identico messaggio: «C'è la necessità assoluta di dare al paese un governo il prima possibile». Che Bersani sia intenzionato ad andare avanti - malgrado nel Pd ci sia chi lo avverte quotidianamente del rischio di finire contro un muro - lo conferma non solo la riproposizione degli otto punti, ma anche quello che ha detto Nichi Vendola al Quirinale. Tocca a Bersani provarci, perché «c'è un vincolo che si chiama democrazia». Il segretario del Pd ha vinto le primarie del centrosinistra e guida la prima coalizione del parlamento. «Ovviamente - ha aggiunto Vendola - tocca a Bersani esprimere il suo impegno sul terreno più alto di innovazione politico-culturale». Si tratta di quello che è stato immediatamente ribattezzato «il metodo Grasso». Che è il contrario del passo indietro del segretario, ma piuttosto la capacità di proporre una soluzione - in questo caso il programma e soprattutto i nomi dei ministri - in grado di aprire un varco nell'intransigenza grillina. L'altro gruppo importante consultato ieri, quello di Mario Monti, viene considerato per acquisito alla causa dell' (eventuale) governo Bersani. Anche se i centristi sono andati a ripetere al Quirinale le lodi dell'esecutivo uscente e l'esigenza di un raccordo tra «le principali forze politiche». Ma non sarà Bersani l'uomo del «governo di concordia» come con una capriola l'ha definito ieri Berlusconi, che tende la mano e contemporaneamente organizza la prova di forza in piazza. Monti non ha grandi margini di manovra, soprattutto perché la sua Scelta Civica sta già morendo di mancata crescita. Lo scarso risultato elettorale alimenta quotidiane liti, ieri lo stesso Monti si è detto «disgustato» dalle critiche che gli arrivano dall'interno. Scelta Civica è stata l'unico gruppo a presentarsi da Napolitano con una delegazione lottizzata: erano in quattro. Quanto a Beppe Grillo - che stamattina sarà al Quirinale con i capigruppo Lombardi e Crimi ma senza Casaleggio, fermato da un malore presumibilmente diplomatico - è scontato che non aprirà alcuno spiraglio a Bersani. Perdonati, ma avvisati i senatori dissidenti che hanno votato Grasso, il capo politico del Movimento 5 Stelle cerca di tenere i suoi su una linea di rigida chiusura. Al capo dello stato chiederanno di affidare a loro il governo, una provocazione che ha lo stesso fondamento della precedente proposta di far andare avanti il governo Monti anche senza la fiducia delle nuove camere. Grillo sa di dover affrontare una certa quota di rischio, di fronte al tentativo di Bersani: il gruppo non è un monolite e lo ha dimostrato. Per questo potrebbe far balenare al capo dello stato la disponibilità a valutare altre proposte, un po' quello che i nuovi «comunicatori» (adesso già in silenzio stampa) hanno detto martedì, forse anticipando troppo la strategia. L'esigenza di Napolitano di fare presto e la volontà di Bersani di provarci potrebbero trovare un punto di incontro con un incarico esplorativo, dunque non pieno, affidato al segretario Pd ma con una scadenza rapida, due o tre giorni. Un prendere o lasciare che lascerebbe il tempo per un successivo tentativo presidenziale affidato a Grasso o al direttore generale di Bankitalia Fabrizio Saccomanni. In poche ore Bersani dovrebbe a quel punto mettere insieme una squadra di livello e contare fino all'ultimo i numeri del senato. Dove ieri si sono formati i gruppi: il segretario del Pd, con il sì dei montiani, non sarebbe lontanissimo dalla quota di sicurezza di 161 sì: parte da 145. Basterebbe in teoria qualche assenza, almeno per muovere i primi passi. Ai grillini manca e mancherà ancora per un po' un voto, una senatrice (Mangili) vuole dimettersi, ma la nuova (Pittau) che era venuta a Roma è stata rimandata a casa: tempi lunghi. di Andrea Fabozzi



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011