Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Un messaggio da "Romnyahu"
Nel suo recente attacco di intelligenza Mitt Romney ha detto che «i palestinesi» vogliono distruggere Israele. Per lui il conflitto mediorientale non ha alcuna soluzione. Proprio come sostiene...



ESPROPRIARLA E AFFIDARLA AI LAVORATORI
Colpisce non tanto il diffuso plauso che si respira a sinistra verso la sentenza sull'Ilva, ma l'atteggiamento subalterno verso la proprietà che l'intera vicenda rivela. Lo dico non dal versante di...



L'Europa col fiato sospeso: rischio di un default incontrollato
Sul tavolo debiti per oltre 206 miliardi. Soglia di adesione minima del 75%. Il governo punta al 90Stasera alle 21 si chiude lo swap greco su 206 miliardi di euro di obbligazioni detenute da...



Resistenza femminile, un filo rosso globale
«L'EREDITÀ DI ANTIGONE» DI RICCARDO MICHELUCCIAUn libro edito da Odoya che narra, in dieci storie, esistenze di donne coraggiose. Ritratti di Mairéad Farrell, Norma Parenti e Sophie Scholl«Si...



Scalfari e i civici con Monti
C'è lista civica e lista civica. C'è la civica modello Emiliano, nel senso di sindaco di Bari, fatta «solo se Bersani me lo chiede»; quella modello Alba, nel senso di Alleanza lavoro benicomuni...



Sciopero generale alle Poste contro privatizzazione e tagli
«Non si può pensare solo al profitto, tagliando i servizi essenziali e la forza lavoro, cioè noi». La manifestante al presidio fiorentino di via Pellicceria – un migliaio di partecipanti – dà voce...



Sfere di luce proiettate nel futuro
«La sfuriata di Bet» di Christian Frascella per Einaudi Tra rivolta e sconfitta, romanzo amaro di una generazione che non si rassegna a una vita senza qualitàBet è una ragazza che vive a Barriera...



L'amore per le banche
NUOVA FINANZA PUBBLICASembra proprio che i governanti non possano desistere dall'aiutare le banche con i soldi pubblici, e l'avvicinarsi di San Valentino aumenta questo fervore. A fine gennaio,...



Flaskô, una fabbrica occupata
Dal «controllo operaio» alla richiesta di statalizzazione, contestando la formazione di una cooperativa per rilevare lo stabilimento. Visita a un'azienda che, di fronte alla delocalizzazione, ha...



Dete­nuto si impicca, alcune guardie lo insultano su facebook
Il dete­nuto Ioan Gabriel Bar­buta, 39 anni, rumeno, una con­danna defi­ni­tiva all’ergastolo per omi­ci­dio, dome­nica scorsa ha deciso di met­tere fine alla sua esi­stenza. Si è impic­cato in cella...



La Corte costituzionale boccia la nuova legge elettorale
Di Manifesto · creato il 19/02/2013 12:15 · vista 896 volte · POLITICA · ITALIA


Egitto/ SLITTANO LE ELEZIONI POLITICHE DI PRIMAVERA Nuove manifestazioni a Port Said contro la sentenza sul massacro di ultras. Dimissioni dei consiglieri di Morsi La Corte costituzionale ha bocciato cinque articoli della legge elettorale egiziana. La sentenza fa ripartire l'iter di approvazione della norma da parte della Camera alta (Shura) che ha acquisito pieni poteri legislativi in seguito al referendum costituzionale dello scorso dicembre. Già nel giugno del 2012 la Corte costituzionale aveva disposto la cancellazione del Moghles Shaab, l'Assemblea del popolo, per incostituzionalità della legge elettorale. Il presidente Morsi si era espresso in seguito per la cancellazione della decisione insieme alla revisione della dichiarazione costituzionale aggiuntiva voluta dalla giunta militare che di fatto limitava i suoi poteri decisionali. La Camera egiziana è di fatto sciolta dallo scorso giugno. Ma il conflitto di attribuzioni tra istituzioni resta aperto. Gli articoli contestati riguardano la formazione delle circoscrizioni e il numero di seggi attribuiti ai singoli governatorati, secondo i giudici costituzionali, non proporzionali alla popolazione locale. Nella precedente sentenza, la Corte aveva evidenziato irregolarità nella formazione delle liste elettorali, in particolare alcuni candidati indipendenti erano in realtà affiliati a partiti politici. Il provvedimento potrebbe determinare lo slittamento delle elezioni parlamentari previste per aprile. La legge elettorale aveva suscitato gravi critiche anche tra i movimenti di opposizione per la scarsa rappresentatività accordata alle minoranze religiose e alle donne. La crisi egiziana resta nel vivo non solo per le decisioni della Corte. Ma anche per le gravi tensioni conseguenti alla sentenza che ha portato alla condanna a morte per la strage di Port Said avvenuta il due febbraio 2012. I lavoratori di alcune fabbriche di Port Said sono in sciopero per protestare contro la sentenza. Le richieste dei manifestanti sono di aprire un'inchiesta sulle decine di vittime degli scontri scoppiati intorno al carcere di Port Said in seguito all'annuncio del verdetto. Il corteo ha attraversato le principali vie della città da piazza Shohada lungo via 23 luglio fino a via Saad Zaghloul. Tra i manifestanti c'erano i familiari delle vittime dei giorni scorsi insieme ai tifosi della squadra dell'al-Masry. Tra i sostenitori del club di Port Said si contano alcuni tra i condannati per il massacro dell'anno scorso. I manifestanti hanno chiesto anche le dimissioni del responsabile delle forze di polizia locali e che ai morti sia riconosciuto lo status di martiri, nonostante le morti siano avvenute durante la presidenza di Mohammed Mori. Infine, sono arrivate ieri due defezioni nell'entourage del presidente Morsi dai movimenti salafiti. Khaled Alam El-Din e Bassam el-Zarqa, due politici del partito radicale el-Nour, tra i consiglieri di Morsi hanno rassegnato le dimissioni. Il primo è stato rimosso dal suo incarico per sospetti nei «suoi metodi» di lavoro come consigliere all'ambiente. È quanto ha dichiarato il portavoce di Morsi in una conferenza stampa Yasser Ali. El-Zarqa ha rassegnato le dimissioni come conseguenza della rimozione di Alam el-Din. Mentre ieri è stato emesso un mandato di arresto per lo sheykh Abu Ismail, proprietario dell'emittente televisiva al-Ummah, perché nei suoi sermoni ha «giustificato» stupri e violenze sessuali contro le donne. Ancora una volta, l'accidentato percorso di transizione egiziano si ferma sulla legge elettorale, uno dei mezzi più incisivi con i quali la giunta militare aveva assicurato il successo islamista in occasione delle elezioni parlamentari del 2011. di Giuseppe Acconcia



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011