Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Un messaggio da "Romnyahu"
Nel suo recente attacco di intelligenza Mitt Romney ha detto che «i palestinesi» vogliono distruggere Israele. Per lui il conflitto mediorientale non ha alcuna soluzione. Proprio come sostiene...



ESPROPRIARLA E AFFIDARLA AI LAVORATORI
Colpisce non tanto il diffuso plauso che si respira a sinistra verso la sentenza sull'Ilva, ma l'atteggiamento subalterno verso la proprietà che l'intera vicenda rivela. Lo dico non dal versante di...



L'Europa col fiato sospeso: rischio di un default incontrollato
Sul tavolo debiti per oltre 206 miliardi. Soglia di adesione minima del 75%. Il governo punta al 90Stasera alle 21 si chiude lo swap greco su 206 miliardi di euro di obbligazioni detenute da...



Resistenza femminile, un filo rosso globale
«L'EREDITÀ DI ANTIGONE» DI RICCARDO MICHELUCCIAUn libro edito da Odoya che narra, in dieci storie, esistenze di donne coraggiose. Ritratti di Mairéad Farrell, Norma Parenti e Sophie Scholl«Si...



Scalfari e i civici con Monti
C'è lista civica e lista civica. C'è la civica modello Emiliano, nel senso di sindaco di Bari, fatta «solo se Bersani me lo chiede»; quella modello Alba, nel senso di Alleanza lavoro benicomuni...



Sciopero generale alle Poste contro privatizzazione e tagli
«Non si può pensare solo al profitto, tagliando i servizi essenziali e la forza lavoro, cioè noi». La manifestante al presidio fiorentino di via Pellicceria – un migliaio di partecipanti – dà voce...



Sfere di luce proiettate nel futuro
«La sfuriata di Bet» di Christian Frascella per Einaudi Tra rivolta e sconfitta, romanzo amaro di una generazione che non si rassegna a una vita senza qualitàBet è una ragazza che vive a Barriera...



L'amore per le banche
NUOVA FINANZA PUBBLICASembra proprio che i governanti non possano desistere dall'aiutare le banche con i soldi pubblici, e l'avvicinarsi di San Valentino aumenta questo fervore. A fine gennaio,...



Flaskô, una fabbrica occupata
Dal «controllo operaio» alla richiesta di statalizzazione, contestando la formazione di una cooperativa per rilevare lo stabilimento. Visita a un'azienda che, di fronte alla delocalizzazione, ha...



Dete­nuto si impicca, alcune guardie lo insultano su facebook
Il dete­nuto Ioan Gabriel Bar­buta, 39 anni, rumeno, una con­danna defi­ni­tiva all’ergastolo per omi­ci­dio, dome­nica scorsa ha deciso di met­tere fine alla sua esi­stenza. Si è impic­cato in cella...



Attacco e sequestro degli islamisti
Di Manifesto · creato il 19/02/2013 11:45 · vista 899 volte · POLITICA · ITALIA


NIGERIA (COME IN ALGERIA). In mano ai rapitori anche l'ingegnere veneto Silvano Trevisan, insieme a inglesi e greci Il gruppo integralista islamico Ansaru ha rivendicato oggi con un comunicato il rapimento in Nigeria di sette lavoratori stranieri, tra cui l'ingegnere italiano Silvano Trevisan. Ansaru, considerato una fazione della setta islamica radicale Boko Haram, spiega di aver compiuto il sequestro «sulla base delle violazioni e delle atrocità commesse nei confronti della religione di Allah dai paesi europei, in diversi luoghi tra cui l'Afghanistan e il Mali». Il 20 gennaio, l'organizzazione islamica estremista della Nigeria Ansaru aveva rilasciato una dichiarazione tramite il sito internet del giornale locale, Desert Herald, rivendicando gli attacchi ai soldati nigeriani diretti verso il Mali, avvenuti il 19 gennaio. Secondo la dichiarazione, gli attacchi mirano a impedire che la Nigeria mandi dei rinforzi nel Mali. Gli estremisti ritengono che insieme alle forze occidentali, queste tenteranno di distruggere le forze armate islamiche all'interno del territorio del Mali. Ansaru è considerata come un gruppo relativamente nuovo e in espansione dopo la rivendicazione del rapimento di un cittadino francese lo scorso dicembre. L'italiano sequestrato è un ingegnere di 69 anni, Silvano Trevisan, originario di Santo Stino di Livenza, un comune in provincia di Venezia di circa 13.000 abitanti, ma l'uomo non abita più in Veneto da moltissimo tempo. Gli altri sequestrati sono un britannico, un greco e quattro libanesi, ha precisato Adamu Aliyu, capo del governo locale. Il fatto è avvenuto questa notte a Jama're, cittadina nella zona rurale dello Stato. Un gruppo di uomini armati ha dapprima attaccato un carcere dell'area, dando alle fiamme due veicoli della polizia, ha spiegato il portavoce della polizia Hassan Muhammed. Poi il gruppo si è spostato al campo dei lavoratori della compagnia di costruzioni Setraco, che nella zona sta realizzando una strada. Qui ha ucciso una guardia e rapito i cittadini stranieri. Il ministro degli Esteri, Giulio Terzi, segue da vicino il rapimento di un connazionale in Nigeria. Attraverso l'ambasciatore ad Abuja - si apprende al ministero - l'Italia è in contatto con le autorità nigeriane alle quali è stato ribadito che «la priorità assoluta dell'Italia è l'incolumità del connazionale». Il nord-est della Nigeria è la zona del Paese dove si trovano le principali roccaforti di Boko Haram, gruppo terroristico di matrice islamica responsabile dal 2009 della morte di almeno tremila persone. Con l'inizio della crisi maliana Boko Haram aveva minacciato attacchi contro obiettivi occidentali e il sequestro di cittadini stranieri in risposta all'impegno nigeriano in Mali. di Theo Guzman



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011