Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Un messaggio da "Romnyahu"
Nel suo recente attacco di intelligenza Mitt Romney ha detto che «i palestinesi» vogliono distruggere Israele. Per lui il conflitto mediorientale non ha alcuna soluzione. Proprio come sostiene...



ESPROPRIARLA E AFFIDARLA AI LAVORATORI
Colpisce non tanto il diffuso plauso che si respira a sinistra verso la sentenza sull'Ilva, ma l'atteggiamento subalterno verso la proprietà che l'intera vicenda rivela. Lo dico non dal versante di...



L'Europa col fiato sospeso: rischio di un default incontrollato
Sul tavolo debiti per oltre 206 miliardi. Soglia di adesione minima del 75%. Il governo punta al 90Stasera alle 21 si chiude lo swap greco su 206 miliardi di euro di obbligazioni detenute da...



Resistenza femminile, un filo rosso globale
«L'EREDITÀ DI ANTIGONE» DI RICCARDO MICHELUCCIAUn libro edito da Odoya che narra, in dieci storie, esistenze di donne coraggiose. Ritratti di Mairéad Farrell, Norma Parenti e Sophie Scholl«Si...



Scalfari e i civici con Monti
C'è lista civica e lista civica. C'è la civica modello Emiliano, nel senso di sindaco di Bari, fatta «solo se Bersani me lo chiede»; quella modello Alba, nel senso di Alleanza lavoro benicomuni...



Sciopero generale alle Poste contro privatizzazione e tagli
«Non si può pensare solo al profitto, tagliando i servizi essenziali e la forza lavoro, cioè noi». La manifestante al presidio fiorentino di via Pellicceria – un migliaio di partecipanti – dà voce...



Sfere di luce proiettate nel futuro
«La sfuriata di Bet» di Christian Frascella per Einaudi Tra rivolta e sconfitta, romanzo amaro di una generazione che non si rassegna a una vita senza qualitàBet è una ragazza che vive a Barriera...



L'amore per le banche
NUOVA FINANZA PUBBLICASembra proprio che i governanti non possano desistere dall'aiutare le banche con i soldi pubblici, e l'avvicinarsi di San Valentino aumenta questo fervore. A fine gennaio,...



Flaskô, una fabbrica occupata
Dal «controllo operaio» alla richiesta di statalizzazione, contestando la formazione di una cooperativa per rilevare lo stabilimento. Visita a un'azienda che, di fronte alla delocalizzazione, ha...



Dete­nuto si impicca, alcune guardie lo insultano su facebook
Il dete­nuto Ioan Gabriel Bar­buta, 39 anni, rumeno, una con­danna defi­ni­tiva all’ergastolo per omi­ci­dio, dome­nica scorsa ha deciso di met­tere fine alla sua esi­stenza. Si è impic­cato in cella...



Cie, Ponte Galeria in rivolta
Di Manifesto · creato il 19/02/2013 11:15 · vista 1044 volte · POLITICA · ITALIA


Arrestati gli 8 nigeriani che protestavano contro il decreto di espulsione Victor non vuole andare via dall'Italia. Bruciano i materassi, alta tensione nel centro di identificazione ed espulsione di Roma. Ferita una poliziotta ROMA. Victor è riuscito a non farsi espellere dall'Italia. Almeno per questa volta. Perché ieri mattina, questo ragazzo nigeriano di 29 anni ha ricevuto il decreto di espulsione nel centro d'identificazione ed espulsione (Cie) di Ponte Galeria a Roma dov'è rinchiuso. Se lo aspettava, ma quando ha ricevuto il decreto ha iniziato a protestare. Lo hanno seguito 8 connazionali, cinque dei quali hanno ricevuto lo stesso maledetto foglio che ha un solo significato: tornare dove hanno deciso che la vita non può continuare. Insieme si sono asserragliati nella sezione maschile e hanno bruciato materassi e altri oggetti. Si sono arrampicati sul tetto nell'indifferenza degli altri detenuti. Insieme hanno urlato la loro disperazione nel nulla tra Fiumicino e la Magliana dove sorge una prigione a cielo aperto che può contenere 354 persone, di cui 176 uomini e 178 donne. A Ponte Galeria la rappresentanza nigeriana è la più folta, circa il 40% della popolazione maschile, 43 detenuti sugli attuali 132. Proprio ieri era stata annunciata la visita di una delegazione di giornalisti di diverse testate nazionali e, con ogni probabilità, la rivolta dei nigeriani è scattata non appena hanno ricevuto la notizia. Gli agenti di polizia sono intervenuti insieme ai vigili del fuoco che hanno domato l'incendio. Durante l'intervento una poliziotta è rimasta ferita ad una mano. Victor, insieme agli altri 8, ora è in stato di fermo giudiziario. «La crisi che sta vivendo il Paese e la campagna elettorale - ha affermato Angiolo Marroni, garante dei detenuti nel Lazio - ha fatto sparire il problema dell'immigrazione. In molte altre strutture in tutta Italia centinaia di persone vivono quotidianamente una situazione da tortura psicologica». Quella di ieri a Ponte Galeria è stata l'ultima rivolta di una lunga serie di proteste, scioperi della fame e atti autolesionistici. Li ha ricordati l'Ong «Medici per i diritti umani» (Medu) nel dettagliato rapporto «Le sbarre più alte» pubblicato nel 2012. Ponte Galeria è gestito da marzo 2010 dalla cooperativa Auxilium che ha vinto una gara pubblica d'appalto. «Una struttura inefficace per i suoi scopi dichiarati - sostiene Medu - nel 2011 su 2.049 transitati nel centro il 39% è stato effettivamente rimpatriato, mentre sono stati 265 gli stranieri che sono riusciti a fuggire». Nel 2010 il prefetto della Capitale Giuseppe Pecoraro ne ha chiesto la chiusura ritenendo Ponte Galeria una struttura vecchia, insicura e non «sufficientemente rispettosa della dignità umana». Secondo la convenzione vigente, all'ente gestore spettano 41 euro al giorno per ospite. Il budget annuale corrisposto alla cooperativa Auxiulium è all'incirca 3 milioni e 600 mila euro. Una cifra cospicua se si considera il budget annuale destinato ai Cie sparsi nel paese: 18 milioni 607 mila euro. Lo staff sanitario che lavora a Ponte Galeria è costituito da 6 medici (e due medici volontari), 5 infermieri. La presenza medica è garantita 24 ore su 24. La metà dei trattenuti assume abitualmente psicofarmaci ansiolitici. Nel 2012 sono stati 1049 i migranti fuggiti dai Cie, il 33% in più rispetto al 2011. L'aumento delle fughe, e delle rivolte anche violente, è dovuto all'allungamento della detenzione fino ad un anno e mezzo. Ciò ha provocato il drastico peggioramento delle condizioni di detenzione, rivelando il fallimento del sistema dell'espulsione amministrativa. Il tempo della reclusione è passato dai due mesi del 2008 ai 18 mesi del 2012, ma non è servito ad aumentare i rimpatri. Secondo le cifre fornite dalla Polizia di Stato, il numero dei trattenuti nei Cie è diminuito. Nel 2008 erano internati 10.539 migranti, di cui 4320 rimapatriati. Nel 2012 i detenuti erano 8 mila, di cui 4015 sono stati rimpatriati. Il 18 giugno 2011 la decisione di portare la detenzione da 6 a 18 mesi generò la rivolta di almeno 70 migranti. Anche allora Ponte Galeria è andato in fiamme. di Roberto Ciccarelli



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011