Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Flaskô, una fabbrica occupata
Dal «controllo operaio» alla richiesta di statalizzazione, contestando la formazione di una cooperativa per rilevare lo stabilimento. Visita a un'azienda che, di fronte alla delocalizzazione, ha...



Un messaggio da "Romnyahu"
Nel suo recente attacco di intelligenza Mitt Romney ha detto che «i palestinesi» vogliono distruggere Israele. Per lui il conflitto mediorientale non ha alcuna soluzione. Proprio come sostiene...



ESPROPRIARLA E AFFIDARLA AI LAVORATORI
Colpisce non tanto il diffuso plauso che si respira a sinistra verso la sentenza sull'Ilva, ma l'atteggiamento subalterno verso la proprietà che l'intera vicenda rivela. Lo dico non dal versante di...



L'Europa col fiato sospeso: rischio di un default incontrollato
Sul tavolo debiti per oltre 206 miliardi. Soglia di adesione minima del 75%. Il governo punta al 90Stasera alle 21 si chiude lo swap greco su 206 miliardi di euro di obbligazioni detenute da...



Resistenza femminile, un filo rosso globale
«L'EREDITÀ DI ANTIGONE» DI RICCARDO MICHELUCCIAUn libro edito da Odoya che narra, in dieci storie, esistenze di donne coraggiose. Ritratti di Mairéad Farrell, Norma Parenti e Sophie Scholl«Si...



Scalfari e i civici con Monti
C'è lista civica e lista civica. C'è la civica modello Emiliano, nel senso di sindaco di Bari, fatta «solo se Bersani me lo chiede»; quella modello Alba, nel senso di Alleanza lavoro benicomuni...



Sciopero generale alle Poste contro privatizzazione e tagli
«Non si può pensare solo al profitto, tagliando i servizi essenziali e la forza lavoro, cioè noi». La manifestante al presidio fiorentino di via Pellicceria – un migliaio di partecipanti – dà voce...



Sfere di luce proiettate nel futuro
«La sfuriata di Bet» di Christian Frascella per Einaudi Tra rivolta e sconfitta, romanzo amaro di una generazione che non si rassegna a una vita senza qualitàBet è una ragazza che vive a Barriera...



Dete­nuto si impicca, alcune guardie lo insultano su facebook
Il dete­nuto Ioan Gabriel Bar­buta, 39 anni, rumeno, una con­danna defi­ni­tiva all’ergastolo per omi­ci­dio, dome­nica scorsa ha deciso di met­tere fine alla sua esi­stenza. Si è impic­cato in cella...



L'amore per le banche
Di Manifesto · creato il 15/02/2013 13:15 · vista 692 volte · POLITICA · ITALIA


NUOVA FINANZA PUBBLICA Sembra proprio che i governanti non possano desistere dall'aiutare le banche con i soldi pubblici, e l'avvicinarsi di San Valentino aumenta questo fervore. A fine gennaio, secondo quanto previsto dal decreto "Sviluppo Due", la Cassa depositi e prestiti ha deliberato il tasso di conversione in azioni ordinarie delle azioni privilegiate in mano a 65 fondazioni bancarie. Dopo un lungo braccio di ferro, a dicembre il Parlamento aveva stabilito i criteri. Quindi l'advisor Deloitte ha fatto i conti e valutato il valore della banca di investimenti più grande d'Italia, ancora per il 70 per cento in mano pubblica. Tirando le somme, le fondazioni l'hanno svangata alla grande: il loro 30 per cento privilegiato sarà convertito in automatico in un 17,35 per cento ordinario, dietro la restituzione di solamente 227 milioni di extra-dividendi percepiti negli ultimi anni. Il ripagamento al Tesoro sarà rateizzato in cinque tranche annuali (ossia 45 milioni l'anno). Si consideri che nel 2003 le fondazioni pagarono la loro quota 1.050 milioni di euro, sebbene la stessa sia rivalutata oggi in 3.300 milioni. Se consideriamo la restituzione scontata del profitto ricevuto fino ad oggi (una piccola parte dei ben 1.079 milioni percepiti), si può dire che abbiamo tutti regalato circa due miliardi di euro alle fondazioni. A queste sarà anche permesso di aumentare la propria quota fino al 30 per cento. Sembra che un accordo preliminare patrocinato dal premier uscente Monti le porterà al 20 per cento. Ossia verseranno per il 3 per cento mancante circa 500 milioni, anche questi in cinque rate annuali. Va detto che il gigante Cdp fa sempre più profitti da quando ha abbracciato la logica della finanza privata. Nel 2012 si sono superati i 2 miliardi di euro e le prospettive future sono ancora più rosee. In breve con un 20 per cento le fondazioni incasserebbero 400 milioni puliti ogni anno, per ridarne 150 per i primi cinque anni. Così fino a conguaglio avvenuto ci sarà un altro miliardo di guadagno per loro. Ma perché tanta bontà? Le fondazioni sostengono che sono loro a far aumentare il valore della Cassa, anche se in realtà fanno ben poco. Anzi, le loro banche di riferimento sono i principali beneficiari dei prestiti della Cassa: ben 18 miliardi negli ultimi quattro anni da rigirare con commissioni alle piccole e medie imprese, che però si lamentano di non averli mai visti. Per i vertici di Cdp tutto ciò è normale, quasi dovuto. Poco male se si tratta delle stesse fondazioni bancarie oggi nell'occhio del ciclone dello scandalo Monte dei Paschi, e domani di chi sa quale altra banca. Da Tremonti a Bassanini, l'onnipotente manager di Stato di area Pd da anni alla presidenza dalla Cassa, ogni forza politica ha cercato di portare dentro ed aiutare le fondazioni, svendendo uno dei pochi gioielli di Stato rimasti. C'è tempo fino al 1 aprile per capire come denunciare un danno erariale prodotto da tanto amore. * Re:Common di Antonio Tricarico *



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011