Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Ue-Londra: eserciti schierati in vista del Brexit
Siamo in fase pre-bellica, gli eserciti si schierano: alla premier britannica, Theresa May, che al congresso dei Tories a Birmingham ha abbracciato l’ipotesi di un “hard Brexit”, ieri la cancelliera...



Israele accoglie le salme
«Non in nostro nome»: il premier dell'Anp Fayyad ha respinto con forza l'uso terroristico della causa palestineseGERUSALEMME - In una atmosfera di dolore, mentre in Francia le forze speciali...



Uccisi a fucilate perché chiedevano gli stipendi
Cer­ca­vano lo sti­pen­dio, hanno tro­vato la morte. Quella del 38enne Mustafa Neo­me­dim e del 26enne Avdyli Val­det, entrambi kos­so­vari, e del loro ex padrone Gian­luca Ciferri (48 anni) sem­bra...



«Yo soy 132», l'irruzione di un movimento contro il potere di un caudillo populista
Una scadenza elettorale in cui è in gioco la democrazia del paeseCome un fatto del tutto inaspettato, l'irruzione di un nuovo movimento giovanile ha trasformato il panorama delle elezioni messicane...



La morte di una madre in guerra con il mondo
Angelo Morino, docente di letteratura ispanoamericana e prolifico traduttore, ha creduto tardi al proprio talento narrativo, ma nei suoi ultimi anni ha pubblicato due romanzi, e altri due sono...



IL POPOLO COME PLEBE
Renata Polverini vinse le elezioni regionali nel Lazio grazie al voto di quelle province che hanno spedito in Consiglio regionale i vari Fiorito, Battistoni, Abruzzese, De Romanis. Gli stessi...



Sì alla lista Ingroia Ma dai fondatori arriva il passo indietro
CAMBIARE SI PUÒE alla fine, dopo le tonnellate di assemblee e iniziative, e poi le polemiche e le rotture, Cambiare si può dice sì alla partecipazione alla lista di Ingroia. Lo ha fatto con una ...



Università, la Valutazione sbagliata
Il sistema introdotto dalla riforma Gelmini è discriminatorio e penalizzerà alcuni ricercatori e piccole e medie case editrici. A vantaggio di grandi editori e lobbies accademiche. Discutiamone...



Putin canta sempre vittoria
RUSSIA UNITA Nuovo exploit elettorale alle amministrative, ma con il 75% di astensionismoL'opposizione paga l'essere "contro" senza proposte. In Lituania invece il centrosinistra va C'è poco da...



Dopo gli esodati, arriva il disastro sulle partite Iva
Di Manifesto · creato il 02/01/2013 14:15 · vista 626 volte · POLITICA · ITALIA


Dopo il disastro sugli esodati, è arrivato il turno delle partite Iva. L'ex ministro del Welfare Elsa Fornero aveva puntato una buona parte delle sue fiches sulla roulette dei «giovani» professionisti, partite Iva monocommitenti, che lavorano a titolo esclusivo per un solo datore di lavoro. Sulla carta sono «liberi professionisti», in realtà sono dipendenti mascherati che fanno orari di ufficio - e spesso lavorano molto di più dei loro «capi» - come se fossero regolarmente assunti, retribuiti e con i contributi in regola. Una realtà così diffusa negli studi degli avvocati, o degli architetti, ma anche nella pubblica amministrazione che da tempo costringe i precari ad aprire le partite Iva e a lavorare per conto terzi, da avere spinto il governo Monti ad una stretta. Per mesi si è parlato della distinzione tra «false» e «vere» partite Iva. La riforma del lavoro avrebbe dovuto obbligare i datori di lavoro ad assumere le «false» partite Iva come lavoratori dipendenti. Inizialmente aveva individuato un reddito minimo di riferimento per queste figure del lavoro autonomo tra 17 e 18 mila euro, una soglia decisamente irrealistica visto che queste persone guadagnano in media la metà della cifra, o poco più. Questa soglia è stata determinata a partire dalla vecchia immagine che Fornero e il suo governo hanno del lavoro autonomo in Italia, fatto da grandi professionisti con redditi da ceto medio abbiente, non da un Quinto Stato ridotto alla condizione di working poor. Una differenza sostanziale che può avere influito, forse come riflesso inconsapevole, sulla decisione di abbassare leggermente la soglia e rabbonire gli ordini professionali sul piede di guerra. Assumere in massa i «giovani» colletti bianchi precari, trattati formalmente come professionisti, per loro sarebbe stata una catastrofe. Niente di male, si direbbe, salvo che il governo ha confermato gli altri parametri: se la «falsa» partita Iva percepisce più dell'80% del reddito da un solo committente, oppure ha un contratto superiore a otto mesi, deve essere assunta. Punto e a capo. Una volta fatta la legge, è stato però trovato subito l'inganno, com'è accaduto alla Rai dove, alla ripresa estiva, i sindacati dei precari avevano già denunciato la tentazione dell'azienda di agire d'astuzia: abbassare la durata dei contratti di uno o due mesi per sfuggire alla norma. In alternativa, la Rai sarebbe stata costretta ad assumere duemila persone. Un colpo mortale per il bilancio e per un intero sistema che si regge sulo sfruttamento di una forza-lavoro, spesso molto qualificata ma trattata come un nuovo proletariato immateriale, con contratti a termine o partite Iva. Alla fine dell'anno è giunta la sorpresa che conferma l'irrealizzabilità della riforma Fornero. Un decreto ministeriale del 28 dicembre, con circolare annessa, stabilisce che sarà applicata solo a partire dal 18 luglio 2014, un anno dopo rispetto a quanto stabilito. La riforma non riguarderà gli iscritti agli ordini e coloro che hanno una laurea o un diploma. I titolari dei grandi studi, come la Rai, tirano un sospiro di sollievo. Tra due anni la riforma non si abbatterà sul lavoro cognitivo, ma sul lavoro autonomo tradizionale. di Roberto Ciccarelli



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011