Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Un messaggio da "Romnyahu"
Nel suo recente attacco di intelligenza Mitt Romney ha detto che «i palestinesi» vogliono distruggere Israele. Per lui il conflitto mediorientale non ha alcuna soluzione. Proprio come sostiene...



ESPROPRIARLA E AFFIDARLA AI LAVORATORI
Colpisce non tanto il diffuso plauso che si respira a sinistra verso la sentenza sull'Ilva, ma l'atteggiamento subalterno verso la proprietà che l'intera vicenda rivela. Lo dico non dal versante di...



L'Europa col fiato sospeso: rischio di un default incontrollato
Sul tavolo debiti per oltre 206 miliardi. Soglia di adesione minima del 75%. Il governo punta al 90Stasera alle 21 si chiude lo swap greco su 206 miliardi di euro di obbligazioni detenute da...



Resistenza femminile, un filo rosso globale
«L'EREDITÀ DI ANTIGONE» DI RICCARDO MICHELUCCIAUn libro edito da Odoya che narra, in dieci storie, esistenze di donne coraggiose. Ritratti di Mairéad Farrell, Norma Parenti e Sophie Scholl«Si...



Scalfari e i civici con Monti
C'è lista civica e lista civica. C'è la civica modello Emiliano, nel senso di sindaco di Bari, fatta «solo se Bersani me lo chiede»; quella modello Alba, nel senso di Alleanza lavoro benicomuni...



Sciopero generale alle Poste contro privatizzazione e tagli
«Non si può pensare solo al profitto, tagliando i servizi essenziali e la forza lavoro, cioè noi». La manifestante al presidio fiorentino di via Pellicceria – un migliaio di partecipanti – dà voce...



Sfere di luce proiettate nel futuro
«La sfuriata di Bet» di Christian Frascella per Einaudi Tra rivolta e sconfitta, romanzo amaro di una generazione che non si rassegna a una vita senza qualitàBet è una ragazza che vive a Barriera...



L'amore per le banche
NUOVA FINANZA PUBBLICASembra proprio che i governanti non possano desistere dall'aiutare le banche con i soldi pubblici, e l'avvicinarsi di San Valentino aumenta questo fervore. A fine gennaio,...



Flaskô, una fabbrica occupata
Dal «controllo operaio» alla richiesta di statalizzazione, contestando la formazione di una cooperativa per rilevare lo stabilimento. Visita a un'azienda che, di fronte alla delocalizzazione, ha...



Dete­nuto si impicca, alcune guardie lo insultano su facebook
Il dete­nuto Ioan Gabriel Bar­buta, 39 anni, rumeno, una con­danna defi­ni­tiva all’ergastolo per omi­ci­dio, dome­nica scorsa ha deciso di met­tere fine alla sua esi­stenza. Si è impic­cato in cella...



CALABRIA È emergenza, a furia di sgomberi
Di Manifesto · creato il 19/12/2012 15:15 · vista 921 volte · POLITICA · ITALIA


CATANZARO. La fotografia devastante che ha fornito Amnesty International nel dossier sullo sfruttamento dei lavoratori migranti nel settore agricolo trova una drammatica conferma dalla cronaca di queste ore. In Calabria è emergenza immigrazione. Dallo Jonio al Tirreno. Qualche giorno fa i carabinieri avevano sgomberato sulla spiaggia di Schiavonea, la marineria di Corigliano, una tendopoli divenuta una cittadella della disperazione migrante, un luogo simbolo dell'emarginazione e del degrado, un'istantanea di miseria, di ricoveri e tende di fortuna create sulla battigia del lungomare, prive di servizi ed esposti alle intemperie, ricavate con l'utilizzo di lamiere e teli. A 14 immigrati, privi di permesso di soggiorno, i carabinieri hanno notificato l'ordine di espulsione, mentre altri 17 sono stati denunciati. Vivevano come bestie, lavoravano da schiavi e sono stati pure espulsi. Nel mentre qualche centinaio di chilometri più a sud a San Ferdinando, a due passi da Rosarno, nella piana di Gioia Tauro, il sindaco, Domenico Madafferi, emetteva un'ordinanza di sgombero della megatendopoli per immigrati «e di quanto intorno ad essa abusivamente realizzato». La decisione fa seguito alla relazione sanitaria che aveva parlato di «condizioni igienico-sanitarie inesistenti». Una tendopoli di mille persone a fronte di una capienza di appena 200. «Sono solo - ha detto il sindaco - a gestire questa vera e propria emergenza. Ditemi voi come può un paese di 4 mila abitanti, uscito da poco da due gestioni commissariali per infiltrazioni mafiose, e con un solo vigile urbano in servizio, gestire una situazione del genere». Un grido d'allarme, una provocazione forte, un disperato sos di fronte ad uno Stato assente, a un ministro renitente, Riccardi, che dovrebbe prender atto del fallimento che si è rivelato il neonato dicastero dell'Immigrazione da lui presieduto. Al disagio dei migranti si somma infatti la lentezza degli interventi istituzionali. «Ho scritto al presidente della Repubblica, al ministro Cancellieri, al ministro Riccardi, al presidente del consiglio regionale della Calabria che è la massima autorità elettiva della Regione, al presidente Scopelliti. Se non rispondono loro, se il problema non è loro, come può un comune di 4000 abitanti sostenere la pressione di mille immigrati? È pazzesco» si è sfogato il sindaco. La situazione nella Piana è poi aggravata dalla mancanza di lavoro: molti degli immigrati che provengono in gran parte dall'Africa subsahariana non riescono a trovare occupazione nella raccolta degli agrumi per la crisi nel settore (domani pubblicheremo un reportage dalla Piana). Attorno alla tendopoli sono sorte altre 120 baracche. Ma il dramma più cogente è soprattutto di natura igienico-sanitaria in quanto il sovrannumero degli immigrati, i rifiuti maleodoranti, la mancanza di servizi igienici, le dimore abusive senza le condizioni minime di vivibilità, potrebbero essere focolaio di infezioni e sedi di animali. Un film già visto. A Rosarno, tre anni fa. di Silvio Messinetti



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011