Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Un messaggio da "Romnyahu"
Nel suo recente attacco di intelligenza Mitt Romney ha detto che «i palestinesi» vogliono distruggere Israele. Per lui il conflitto mediorientale non ha alcuna soluzione. Proprio come sostiene...



ESPROPRIARLA E AFFIDARLA AI LAVORATORI
Colpisce non tanto il diffuso plauso che si respira a sinistra verso la sentenza sull'Ilva, ma l'atteggiamento subalterno verso la proprietà che l'intera vicenda rivela. Lo dico non dal versante di...



L'Europa col fiato sospeso: rischio di un default incontrollato
Sul tavolo debiti per oltre 206 miliardi. Soglia di adesione minima del 75%. Il governo punta al 90Stasera alle 21 si chiude lo swap greco su 206 miliardi di euro di obbligazioni detenute da...



Resistenza femminile, un filo rosso globale
«L'EREDITÀ DI ANTIGONE» DI RICCARDO MICHELUCCIAUn libro edito da Odoya che narra, in dieci storie, esistenze di donne coraggiose. Ritratti di Mairéad Farrell, Norma Parenti e Sophie Scholl«Si...



Scalfari e i civici con Monti
C'è lista civica e lista civica. C'è la civica modello Emiliano, nel senso di sindaco di Bari, fatta «solo se Bersani me lo chiede»; quella modello Alba, nel senso di Alleanza lavoro benicomuni...



Sciopero generale alle Poste contro privatizzazione e tagli
«Non si può pensare solo al profitto, tagliando i servizi essenziali e la forza lavoro, cioè noi». La manifestante al presidio fiorentino di via Pellicceria – un migliaio di partecipanti – dà voce...



Sfere di luce proiettate nel futuro
«La sfuriata di Bet» di Christian Frascella per Einaudi Tra rivolta e sconfitta, romanzo amaro di una generazione che non si rassegna a una vita senza qualitàBet è una ragazza che vive a Barriera...



L'amore per le banche
NUOVA FINANZA PUBBLICASembra proprio che i governanti non possano desistere dall'aiutare le banche con i soldi pubblici, e l'avvicinarsi di San Valentino aumenta questo fervore. A fine gennaio,...



Flaskô, una fabbrica occupata
Dal «controllo operaio» alla richiesta di statalizzazione, contestando la formazione di una cooperativa per rilevare lo stabilimento. Visita a un'azienda che, di fronte alla delocalizzazione, ha...



Dete­nuto si impicca, alcune guardie lo insultano su facebook
Il dete­nuto Ioan Gabriel Bar­buta, 39 anni, rumeno, una con­danna defi­ni­tiva all’ergastolo per omi­ci­dio, dome­nica scorsa ha deciso di met­tere fine alla sua esi­stenza. Si è impic­cato in cella...



Psicostimolanti anti crimine
Di Manifesto · creato il 19/12/2012 12:15 · vista 1244 volte · POLITICA · ITALIA


La sindrome da deficit di attenzione e iperattività (Adhd) - quella per la quale sono indicati, pur con una serie di limitazioni, i trattamenti con psicostimolanti amfetaminici di bambini e adolescenti - sta allargando passo passo la sua area di influenza. Infatti, numerosi studi tendono a mostrare il rapporto tra Adhd in età scolare e vari disturbi, soprattutto di tipo «sociopatico», successivi al raggiungimento della maturità. E con le crescenti difficoltà del nostro sistema scolastico e la scarsità di risorse per gli interventi psicologici e di sostegno, che dovrebbero avere la priorità assoluta, il farmaco rischia di assumere un ruolo assai più pesante di quello previsto nel protocollo per la diagnosi e la terapia del disturbo, varato dall'Istituto superiore di sanità e dall'Agenzia del farmaco. Infine, non sappiamo in che misura gli anfetaminici prescritti vadano a finire sul mercato grigio come droghe d'abuso, il che è sempre più frequente negli Usa. Un ulteriore problema: l'adolescente o il giovane adulto sociopatico (con o senza virgolette), soprattutto se di condizioni socioeconomiche disagiate, è a maggior rischio di violazioni penalmente rilevanti. Da qui l'ampia risonanza di una ricerca svedese recentemente pubblicata sul New England Journal of Medicine (P. Lichtenstein et al, v. 367, p. 2006-2014, 12.11.2012), che ha valutato in oltre 25.000 soggetti con diagnosi di Adhd i rapporti tra trattamenti farmacologici - per lo più, ma non solo, con metilfenidato (Ritalin) - e frequenza di condanne penali. La riduzione di tali condanne, sia tra soggetti trattati e non trattati, sia tra periodi di trattamento e di non trattamento nei primi, è apparentemente notevole (30-40%). Gli autori subito avvertono che i risultati vanno presi con cautela: cioè dopo aver ricordato che il rapporto beneficio-rischio di questi trattamenti resta dopo decenni ancora sub judice (per gli effetti collaterali, per la possibilità di tolleranza, dipendenza e abuso), essi sottolineano che il suddetto effetto si è rivelato transitorio (i trattati nel 2006, per es., non avevano riduzione delle condanne nel 2009). Inoltre, mentre alcuni fattori confondenti si sono potuti controllare (per esempio, nei confronti tra periodi di trattamento e di non trattamento degli stessi soggetti, non possono creare confondimenti i fattori genetici e ambientali precoci), in questo tipo di studi altri fattori almeno altrettanto importanti sfuggono a ogni possibile controllo. Tra questi, i motivi per i quali un dato terapeuta ha deciso di trattare o meno un dato soggetto; gli usi e abusi di altri farmaci e droghe; il tipo di sostegno ricevuto o meno dai servizi o da parenti e conoscenti. Tuttavia dobbiamo chiederci: che ascolto avranno questi avvertimenti? In molti curanti, insegnanti, famigliari e altre parti in causa, a fronte della scarsa disponibilità di risorse per altre misure, si stimolerà ulteriormente l'aspettativa di una soluzione semplice ed efficace per un problema spinoso, scontando il noto avvertimento di Henry Louis Mencken («per ogni questione complessa vi è una risposta chiara, semplice e sbagliata»). E così la tendenza alla medicalizzazione rischia di conquistare un'altra fetta consistente dei problemi comportamentali e sociali, magari proponendo le amfetamine per lo sfollamento delle carceri. di Giorgio Bignami



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011