Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Un messaggio da "Romnyahu"
Nel suo recente attacco di intelligenza Mitt Romney ha detto che «i palestinesi» vogliono distruggere Israele. Per lui il conflitto mediorientale non ha alcuna soluzione. Proprio come sostiene...



ESPROPRIARLA E AFFIDARLA AI LAVORATORI
Colpisce non tanto il diffuso plauso che si respira a sinistra verso la sentenza sull'Ilva, ma l'atteggiamento subalterno verso la proprietà che l'intera vicenda rivela. Lo dico non dal versante di...



L'Europa col fiato sospeso: rischio di un default incontrollato
Sul tavolo debiti per oltre 206 miliardi. Soglia di adesione minima del 75%. Il governo punta al 90Stasera alle 21 si chiude lo swap greco su 206 miliardi di euro di obbligazioni detenute da...



Resistenza femminile, un filo rosso globale
«L'EREDITÀ DI ANTIGONE» DI RICCARDO MICHELUCCIAUn libro edito da Odoya che narra, in dieci storie, esistenze di donne coraggiose. Ritratti di Mairéad Farrell, Norma Parenti e Sophie Scholl«Si...



Scalfari e i civici con Monti
C'è lista civica e lista civica. C'è la civica modello Emiliano, nel senso di sindaco di Bari, fatta «solo se Bersani me lo chiede»; quella modello Alba, nel senso di Alleanza lavoro benicomuni...



Sciopero generale alle Poste contro privatizzazione e tagli
«Non si può pensare solo al profitto, tagliando i servizi essenziali e la forza lavoro, cioè noi». La manifestante al presidio fiorentino di via Pellicceria – un migliaio di partecipanti – dà voce...



Sfere di luce proiettate nel futuro
«La sfuriata di Bet» di Christian Frascella per Einaudi Tra rivolta e sconfitta, romanzo amaro di una generazione che non si rassegna a una vita senza qualitàBet è una ragazza che vive a Barriera...



L'amore per le banche
NUOVA FINANZA PUBBLICASembra proprio che i governanti non possano desistere dall'aiutare le banche con i soldi pubblici, e l'avvicinarsi di San Valentino aumenta questo fervore. A fine gennaio,...



Flaskô, una fabbrica occupata
Dal «controllo operaio» alla richiesta di statalizzazione, contestando la formazione di una cooperativa per rilevare lo stabilimento. Visita a un'azienda che, di fronte alla delocalizzazione, ha...



Dete­nuto si impicca, alcune guardie lo insultano su facebook
Il dete­nuto Ioan Gabriel Bar­buta, 39 anni, rumeno, una con­danna defi­ni­tiva all’ergastolo per omi­ci­dio, dome­nica scorsa ha deciso di met­tere fine alla sua esi­stenza. Si è impic­cato in cella...



La galera di Daymani Barla
Di Manifesto · creato il 19/12/2012 11:45 · vista 943 volte · POLITICA · ITALIA


Dayamani Barla è in galera ormai da due mesi, mentre la magistratura respinge una richiesta di libertà provvisoria dopo l'altra. Attivista per i diritti delle comunità native Dayamani Barla è una figura nota nel Jharkhand, stato dell'India settentrionale, regione di montagne e altopiani nota per le sue miniere e acciaierie. Il 16 ottobre si è consegnata alle autorità che le avevano intimato di comparire in tribunale per un episodio del 2006, quando aveva guidato la protesta dei braccianti di un certo villaggio che chiedevano i pagamenti loro dovuti nel quadro di un programma di «lavoro garantito» rurale. Tre giorni dopo il tribunale ha disposto il suo rilascio su cauzione, ma frattanto la polizia le aveva appioppato un'altra incriminazione, questa volta per fatti di questi ultimi mesi: aver guidato gli abitanti di un altro villaggio, a pochi chilometri dalla capitale statale Ranchi, che il 15 agosto sono andati a dissodare e piantare riso su terre requisite dal governo. La vicenda del villaggio di Nagri è uno dei mille casi di acquisizione di terre che provocano proteste e polemiche in India: qui si tratta di 91 ettari di terra coltivata, che il governo del Jharkhand ha requisito per espandere i campus di tre istituzioni universitarie, cacciando via però 600 famiglie «tribali» che si andranno ad aggiungere alle centinaia di migliaia di famiglie cacciate dalla terra e di solito parcheggiare in qualche slum. L'anno scorso i bulldozer erano entrati nelle terre di Nagri per recintarle devastando le risaie che erano pronte per il raccolto. La battaglia di Nagri non è la prima che veda Dayamani Barla come protagonista. Dayamani è una donna energica, sulla quarantina, che ho incontrato a Ranchi un anno fa. Nata in una famiglia «tribale» (così sono chiamati i nativi, in India), ha fatto la domestica per potersi pagare gli studi dopo che al padre era stata sottratta la terra di cui viveva. Diplomata, ha scritto per alcuni giornali locali diventando una «cronista popolare». Alla fine degli anni '90 è tornata nel suo distretto per partecipare alla battaglia contro il progetto di due dighe sui fiumi Koel e Karo, che avrebbe sommerso decine di villaggi e cancellato la sopravvivenza di migliaia di persone: la rivolta contro il Koel Karo Project ha avuto molta risonanza perché è stato uno dei primi movimenti di massa che portavano alla ribalta la questione degli sfollati ambientali in questa zona dell'India - e anche perché è stato vittorioso, dato che il progetto è stato poi sospeso. Dayamani Barla ne fu protagonista e da allora è riconosciuta come una leader popolare. Nel 2005è stata protagonista di un altro movimento, quello contro una grande acciaieria progettata da Arcelor-Mittal (12mila acri di terra, 70mila persone da 45 villaggi destinate a sfollare). Nel frattempo ha sempre continuato a scrivere, ormai guardata con attenzione anche dai media nazionali in inglese. Ma ha continuato a vivere con una minuscola rivendita popolare di tè, acquistata vent'anni fa con i primi guadagni : «Per essere indipendente», mi aveva spiegato, seduta a un tavolo del suo tea shop (ora gestito dal marito Nelson). «Certo che vogliamo lo sviluppo», diceva: «Ma vogliamo che sia per tutti. Quanta gente è stata costretta a sfollare in nome dello sviluppo, dall'indipendenza a oggi?» Non si tratta solo di risarcimenti e soldi, spiegava, perché gli sfollati restano senza terra, inserimento sociale, cultura, legami. Dal carcere ha scritto ai suoi compagni di battaglia che non si arrenderà: «Protestare negli interessi e per i diritti della nostra gente è nostra responsabilità». di Marina Forti



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011