Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Un messaggio da "Romnyahu"
Nel suo recente attacco di intelligenza Mitt Romney ha detto che «i palestinesi» vogliono distruggere Israele. Per lui il conflitto mediorientale non ha alcuna soluzione. Proprio come sostiene...



ESPROPRIARLA E AFFIDARLA AI LAVORATORI
Colpisce non tanto il diffuso plauso che si respira a sinistra verso la sentenza sull'Ilva, ma l'atteggiamento subalterno verso la proprietà che l'intera vicenda rivela. Lo dico non dal versante di...



L'Europa col fiato sospeso: rischio di un default incontrollato
Sul tavolo debiti per oltre 206 miliardi. Soglia di adesione minima del 75%. Il governo punta al 90Stasera alle 21 si chiude lo swap greco su 206 miliardi di euro di obbligazioni detenute da...



Resistenza femminile, un filo rosso globale
«L'EREDITÀ DI ANTIGONE» DI RICCARDO MICHELUCCIAUn libro edito da Odoya che narra, in dieci storie, esistenze di donne coraggiose. Ritratti di Mairéad Farrell, Norma Parenti e Sophie Scholl«Si...



Scalfari e i civici con Monti
C'è lista civica e lista civica. C'è la civica modello Emiliano, nel senso di sindaco di Bari, fatta «solo se Bersani me lo chiede»; quella modello Alba, nel senso di Alleanza lavoro benicomuni...



Sciopero generale alle Poste contro privatizzazione e tagli
«Non si può pensare solo al profitto, tagliando i servizi essenziali e la forza lavoro, cioè noi». La manifestante al presidio fiorentino di via Pellicceria – un migliaio di partecipanti – dà voce...



Sfere di luce proiettate nel futuro
«La sfuriata di Bet» di Christian Frascella per Einaudi Tra rivolta e sconfitta, romanzo amaro di una generazione che non si rassegna a una vita senza qualitàBet è una ragazza che vive a Barriera...



L'amore per le banche
NUOVA FINANZA PUBBLICASembra proprio che i governanti non possano desistere dall'aiutare le banche con i soldi pubblici, e l'avvicinarsi di San Valentino aumenta questo fervore. A fine gennaio,...



Flaskô, una fabbrica occupata
Dal «controllo operaio» alla richiesta di statalizzazione, contestando la formazione di una cooperativa per rilevare lo stabilimento. Visita a un'azienda che, di fronte alla delocalizzazione, ha...



Dete­nuto si impicca, alcune guardie lo insultano su facebook
Il dete­nuto Ioan Gabriel Bar­buta, 39 anni, rumeno, una con­danna defi­ni­tiva all’ergastolo per omi­ci­dio, dome­nica scorsa ha deciso di met­tere fine alla sua esi­stenza. Si è impic­cato in cella...



Il campo profughi palestinese di Yarmouk diventa esplosivo
Di Manifesto · creato il 19/12/2012 09:45 · vista 1080 volte · POLITICA · ITALIA


SIRIA La spaccatura fra fedelissimi a Assad e sostenitori dei ribelli Le violenze si sono intensificate, aerei da guerra siriani hanno bombardato i «combattenti» Il campo profughi palestinese di Yarmouk, a Damasco, è diventato teatro di guerra. Da giorni proseguono gli scontri tra palestinesi pro-Assad e gruppi armati di opposizione, un'escalation di violenze che sta provocando la fuga di moltissime famiglie palestinesi. Se nei primi mesi della guerra civile siriana, i rifugiati palestinesi e le loro fazioni politiche hanno tentato di restare fuori dalla lotta per il potere, oggi il loro intervento è palese. Nei campi profughi si è registrata una vera e propria spaccatura: da una parte i fedelissimi al presidente Bashar al-Assad (in primis il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina - Commando Generale), dall'altra i sostenitori dei ribelli, per lo più giovani slegati dalle fazioni storiche. Nei giorni scorsi le violenze si sono intensificate: domenica aerei da guerra siriani hanno bombardato Yarmouk, provocando otto vittime e decine di feriti. Ieri pomeriggio i tank dell'esercito regolare sono stati dispiegati all'ingresso del campo: le truppe non sono entrate, ma la stampa siriana riporta l'intenzione del governo di avviare un'operazione per «ripulire» Yarmouk dai gruppi di ribelli. Secondo le stesse opposizioni, i ribelli avrebbero assunto il controllo del campo profughi: «Tutto il campo è sotto il controllo dell'Esercito Libero Siriano», ha raccontato alla Reuters un attivista palestinese di Yarmouk, aggiungendo che molti combattenti del PFLP-GC hanno abbandonato il campo e si sono uniti alle truppe siriane. Testimoni raccontano di continue esplosioni e colpi d'arma da fuoco: entrambe le parti stanno utilizzando ogni tipo di arma, danneggiando seriamente abitazioni ed edifici e mettendo in grave pericolo la vita della comunità palestinese. La situazione è particolarmente tesa nella zona della moschea di Abdul-Qader al-Husseini: la moschea è stata colpita domenica dalle bombe sganciate dall'aviazione siriana, uccidendo otto palestinesi rifugiatisi all'interno. Il tentativo di stabilire un cessate il fuoco è saltato dopo che le opposizioni hanno occupato la sede del Comune del campo profughi, prima in mano ai sostenitori di Assad. Da lunedì automobili con a bordo gruppi di ribelli o combattenti palestinesi del PFLP-GC attraversano i quartieri di Yarmouk. E proprio il leader del Fronte, Ahmad Jibril, è stato ieri espulso dal Consiglio Nazionale Palestinese dell'Olp. L'accusa, aver preso parte in prima linea agli scontri, nonostante la decisione dell'Organizzazione per la Liberazione della Palestina di non intervenire negli affari interni del paese. Ad esprimere maggiore preoccupazione è l'Unrwa, agenzia Onu per i rifugiati palestinesi: i 150mila profughi di Yarmouk «stanno subendo un intenso assedio armato». Tanto da preferire la fuga verso Damasco o fuori dal paese, direzione Libano. Sotto assedio anche lo stesso staff dell'Unrwa che non riesce a consegnare medicinali e cibo alla comunità. La Siria ospita oltre 500mila rifugiati palestinesi, discendenti dei profughi del 1948: durante la Nakba, la catastrofe del popolo palestinese, le truppe israeliane cacciarono dalle proprie terre e dalle loro case oltre 750mila palestinesi (due terzi della popolazione dell'epoca). Le famiglie in fuga si rifugiarono nei paesi vicini, Libano, Siria e Giordania. Seppur costretta nei campi profughi e mai totalmente integratasi nella società siriana, la comunità palestinese - circa il 2% della popolazione siriana - ha sempre goduto di diritti simili a quelli dei cittadini siriani (a differenza del Libano, dove i profughi palestinesi sono completamente esclusi dalla società) e si è sempre dimostrata fedele al presidente Bashar al-Assad. Al trattamento relativamente favorevole riservato alle comunità palestinesi si è accompagnato il tentativo del regime siriano di controllare e usare come strumento politico la resistenza palestinese: una politica che ha permesso di evitare la creazione di un potere indipendente palestinese all'interno dello Stato siriano. Nel tempo, le diverse fazioni palestinesi in Siria sono diventate «sottoposte» del regime siriano, dimostrando a Damasco maggiore fedeltà di quella riservata all'Olp. Ma con l'intensificarsi della guerra civile, sono giunte le defezioni: i campi profughi del paese - Al Ramel Al Philistini, Yarmouk, A'ideen, Latakia - si sono divisi in due e molti attivisti si sono uniti alle file dei ribelli, per lo più giovani rifugiati attirati dalle sirene della rivoluzione. E se fino ad ora i campi palestinesi non erano mai stati diretti protagonisti delle violenze, oggi ne diventano teatro: negli ultimi mesi, sono state decine le vittime del fuoco dell'esercito regolare o di quello dei gruppi di opposizione. di Emma Mancini



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011