Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Storie parallele in una Milano ridotta a discarica
La lettura di un noir può generare ansia. Se questo accade, il noir sta svolgendo il suo compito, perché sta destabilizzando una visione pacificata della realtà. Il sasso dentro di Ivan Della...



Una montagna di poveri per fare un solo ricco
La crisi ha aumentato le diseguaglianze sociali e di reddito. Per questo serve un rinnovato intervento pubblico in economiaL'attuale crisi economica è stata oggetto di molte analisi, a partire dal...



Beppe Sala, l’autosospeso che tutti vogliono al suo posto
MILANO. Il sindaco si prende una pausa di riflessione prima di chiarire con i magistrati la sua posizione in merito all’inchiesta sulla Piastra di Expo per cui è indagato. Nel frattempo cresce...



Federalismo insalubre
Fiore all'occhiello o tragedia italiana? Il Ssn in controluce. A confronto, in questa puntata, i modelli lombardo e laziale. Intervista al presidente dell'Agenas, Giovanni Bissoni Il prossimo...



Europa-Ecologia: 70% «no» al Fiscal Compact
I VERDI FRANCESI A MAGGIORANZA CONTRO IL RIGOREPARIGI . Daniel Cohn-Bendit sotto accusa perché denuncia l'«incoerenza» del movimento La maggioranza di Hollande vacilla. Il consiglio federale di...



Assange unisce il Sud America
Il «big stick» riesumato dal governo britannico fa di un complicato caso diplomatico una crisi politica internazionale che non è più soltanto bilateraleQuello che era cominciato - il 19 giugno...



L'autorappresentanza necessaria
SINISTRE. Dove ci stiamo ri-infognando? Qual è la maledizione che perseguita le sinistre impedendo loro di presentare una "offerta elettorale" appetibile da nemmeno il 4% degli elettori?Certo, ...



Thys­sen­krupp, pene ridotte. Esplode la rabbia dei parenti
«A ogni sen­tenza, que­sta è la quarta, tol­gono un pez­zet­tino di pena». Anto­nio Boc­cuzzi, unico ope­raio soprav­vis­suto alle fiamme della Thys­sen­krupp, com­menta così il ver­detto della Corte...



Così la scuola ha vinto tre volte
BOLOGNA Il referendum ha rilanciato l'art. 33 della CostituzioneLa vittoria conseguita dal comitato referendario della città di Bologna è netta. Il 59% dei votanti contro il 37%, scegliendo...



Due suicidi, Di Pietro li attribuisce a Monti
Due morti a Roma e Milano. Il leader dell'Idv: «Il premier li ha sulla coscienza». E scoppia la buferaNon passa giorno senza che un lavoratore, un pensionato, un imprenditore non si suicidino in...



Un esercito dotato di superpoteri
Di Manifesto · creato il 09/12/2012 13:15 · vista 883 volte · POLITICA · ITALIA


EGITTO · Il decreto presidenziale in vigore da ieri non pone limiti al ruolo giuridico, economico e politico dei militari IL CAIRO. I generali si sfilano dal governo per riprodurre il proprio controllo sulla società egiziana Il governo egiziano ha approvato nella notte di venerdì il decreto presidenziale sui poteri speciali all'esercito. Secondo il quotidiano filo-governativo al-Ahram , il testo è stato scritto insieme ad alcuni generali. La nuova legge, immediatamente operativa in base alla dichiarazione costituzionale dello scorso 22 novembre, prevede per l'esercito il compito di mantenere e proteggere la sicurezza del paese fino all'approvazione della nuova Costituzione. Non solo, l'esercito deve intervenire a difesa delle istituzioni su richiesta del presidente. Una delle principali critiche di decine di esponenti dell'Assemblea costituente, movimenti liberali e attivisti laici alla nuova Carta costituzionale egiziana riguarda proprio i poteri della giustizia militare. Chi si oppone all'indipendenza delle corti militari dalla giustizia ordinaria chiede che venga riconosciuto agli imputati in processi militari il diritto di fare appello alla giustizia civile. In più, gli attivisti spingono per la supervisione dei giudici sulle corti militari. Questa controversia cruciale e la legge approvata ieri dimostrano come il peso dei militari nella gestione politica in Egitto sia solo apparentemente ridimensionato.  La relazione tra élite militari e politiche ha sempre corrisposto a una più o meno evidente influenza dei militari sulle istituzioni pubbliche. Infatti, il potere dell'esercito in Egitto deriva dalla commistione tra élite militare e civile. Prima, Gamal Abdel Nasser, quando è diventato presidente, ha scambiato la sua uniforme militare con abiti civili. Poi, solo in pochi percepivano ancora l'ex presidente, Hosni Mubarak, come un militare prima delle sue dimissioni. Per questo, in occasione di scioperi e movimenti popolari, l'esercito egiziano è intervenuto per ristabilire l'ordine e cooptare nelle istituzioni pubbliche i gruppi percepiti come una minaccia alla sua autorità. E così i militari hanno operato come difensori dell'élite politica al potere facendo un uso relativamente marginale della violenza. Non solo, i militari, come conseguenza del ritrarsi dello stato per politiche di liberalizzazione economica ( infitah ), hanno operato in difesa delle loro conquiste corporative. Se, da una parte, come effetto delle politiche di infitah , i militari si sono trasformati in élite imprenditoriale, dando a ufficiali, o a civili a loro connessi, ruoli di gestione economica, dall'altra, per la minaccia di guerre regionali, l'esercito egiziano ha controllato una quantità sempre maggiore di spesa pubblica e di aiuti militari internazionali. I militari egiziani sono così diventati editori dei maggiori quotidiani, hanno acquisito il controllo delle industrie di produzione di prodotti per uso civile dalle lavatrici ai medicinali, al di fuori delle tradizionali industrie di armamenti e tecnologia militare. L'esercito controlla in Egitto anche industrie che producono o lavorano beni di prima necessità dal latte alla carne fino al pane. Non solo, l'esercito è impegnato nell'industria turistica con il controllo diretto di alberghi e grandi resort . Per finire, i militari sono amministratori delegati di grandi aziende private e sono coinvolti nel mercato nero e nel contrabbando. Contemporaneamente, l'esercito ha accresciuto il suo peso come attore parassitario grazie ai vantaggi accordati ai militari dall'élite politica: manodopera a basso costo, esenzioni fiscali e nelle regole per la costruzione di immobili, sussidi e privilegi monopolistici. In Egitto, come risultato delle politiche di liberalizzazione e di capitalismo clientelare, élite politiche e militari sono diventate sempre più interconnesse e mutualmente dipendenti. In seguito alle rivolte del 2011, l'esercito egiziano ha adottato la Fratellanza musulmana come delegato per ristabilire la divisione di poteri tra politici e militari. Esistono tuttavia divisioni strutturali (gruppi paramilitari, forze speciali, polizia militare) e politiche (islamisti, salafiti, nasseristi) interne all'esercito. Questa frammentazione non necessariamente corrisponde a una minore o maggiore influenza politica dei militari, ma ha determinato, ad esempio, la cancellazione di candidati anti-sistema dalle competizioni elettorali e il sostegno a leader islamisti o nasseristi in base a calcoli di convenienza politica. Per questo, l'abbandono della gestione diretta del governo da parte della giunta militare sembra servire all'esercito per riprodurre il proprio controllo sulla società egiziana. La nuova Costituzione e la legge in vigore da ieri non pongono limiti al ruolo economico, giuridico e politico dei militari. di Giuseppe Acconcia



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011