Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Storie parallele in una Milano ridotta a discarica
La lettura di un noir può generare ansia. Se questo accade, il noir sta svolgendo il suo compito, perché sta destabilizzando una visione pacificata della realtà. Il sasso dentro di Ivan Della...



Una montagna di poveri per fare un solo ricco
La crisi ha aumentato le diseguaglianze sociali e di reddito. Per questo serve un rinnovato intervento pubblico in economiaL'attuale crisi economica è stata oggetto di molte analisi, a partire dal...



Beppe Sala, l’autosospeso che tutti vogliono al suo posto
MILANO. Il sindaco si prende una pausa di riflessione prima di chiarire con i magistrati la sua posizione in merito all’inchiesta sulla Piastra di Expo per cui è indagato. Nel frattempo cresce...



Federalismo insalubre
Fiore all'occhiello o tragedia italiana? Il Ssn in controluce. A confronto, in questa puntata, i modelli lombardo e laziale. Intervista al presidente dell'Agenas, Giovanni Bissoni Il prossimo...



Europa-Ecologia: 70% «no» al Fiscal Compact
I VERDI FRANCESI A MAGGIORANZA CONTRO IL RIGOREPARIGI . Daniel Cohn-Bendit sotto accusa perché denuncia l'«incoerenza» del movimento La maggioranza di Hollande vacilla. Il consiglio federale di...



Assange unisce il Sud America
Il «big stick» riesumato dal governo britannico fa di un complicato caso diplomatico una crisi politica internazionale che non è più soltanto bilateraleQuello che era cominciato - il 19 giugno...



L'autorappresentanza necessaria
SINISTRE. Dove ci stiamo ri-infognando? Qual è la maledizione che perseguita le sinistre impedendo loro di presentare una "offerta elettorale" appetibile da nemmeno il 4% degli elettori?Certo, ...



Thys­sen­krupp, pene ridotte. Esplode la rabbia dei parenti
«A ogni sen­tenza, que­sta è la quarta, tol­gono un pez­zet­tino di pena». Anto­nio Boc­cuzzi, unico ope­raio soprav­vis­suto alle fiamme della Thys­sen­krupp, com­menta così il ver­detto della Corte...



Così la scuola ha vinto tre volte
BOLOGNA Il referendum ha rilanciato l'art. 33 della CostituzioneLa vittoria conseguita dal comitato referendario della città di Bologna è netta. Il 59% dei votanti contro il 37%, scegliendo...



Due suicidi, Di Pietro li attribuisce a Monti
Due morti a Roma e Milano. Il leader dell'Idv: «Il premier li ha sulla coscienza». E scoppia la buferaNon passa giorno senza che un lavoratore, un pensionato, un imprenditore non si suicidino in...



Ilva, chi torna al lavoro su una gru
Di Manifesto · creato il 09/12/2012 11:15 · vista 1004 volte · POLITICA · ITALIA


TARANTO A breve la decisione del gip di impugnare il decreto. Spento un altoforno, difficile ripresa dopo il tornado Ci sono materiali da scaricare, gli operai chiedono verifiche di sicurezza TARANTO. Alle 5.50 di ieri l'Ilva ha fermato l'altoforno 1. Un intervento annunciato mesi addietro dall'azienda, inserito come novità nel piano di risanamento da 400 milioni del 18 settembre e bocciato da custodi giudiziari, procura e gip, ed in ultimo inserito come prescrizione nell'Autorizzazione integrata ambientale (AIA) rilasciata all'Ilva lo scorso 26 ottobre dal ministero dell'Ambiente. Con l'AFO 1, sono state fermate anche le batterie 5 e 6 che alimentano i 90 forni dell'impianto. La ristrutturazione dovrebbe durare 18 mesi per una spesa totale di 270 milioni. Intanto, in queste ore l'Ilva è alle prese con l'emergenza dovuta al mancato scarico delle materie prime per i parchi minerali: impasse che qualora non dovesse essere risolta, costringerà l'azienda ad interrompere le attività entro il giorno 13. Lo stato di emergenza è scattato dopo gli ingenti danni provocati dal tornado abbattutosi su Taranto la scorsa settimana sugli impianti Ilva, presenti sui due sporgenti del porto in dotazione all'azienda. Delle otto gru adibite allo scarico del minerale, soltanto una, venerdì sera, ha ripreso a funzionare attraverso l'ausilio di un radiocomando arrivato dalla Svezia. Una seconda gru ha ripreso a funzionare ieri pomeriggio sempre attraverso il radiocomando, mentre una terza dovrebbe ripartire domani. Il ricorso ai radiocomandi da terra si è reso necessario perché le cabine delle gru sono state divelte dal tornado mentre altre risultano inagibili. Sulle altre gru, invece, l'azienda sta provando a convincere il personale a riprendere le attività: ma dopo l'incidente mortale causato dal tornado - vittima il gruista Francesco Zaccaria - i lavoratori hanno fatto sapere ai sindacati che risaliranno sulle gru soltanto dopo precise garanzie di sicurezza. Nella giornata di ieri, fonti sindacali parlavano di dieci unità che avrebbero dato la loro disponibilità a risalire sulle gru, dopo che l'azienda ha dichiarato di aver fatto eseguire sulle gru diverse verifiche tecniche e strumentali, anche da società esterne, che non avrebbero segnalato alcun problema specifico sulle parti strutturali e sui dispositivi degli impianti. Attraverso l'utilizzo del radiocomando, la scorsa notte sono state scaricate appena 3mila tonnellate di materie prime: con la macchina tornata in attività ieri però, dotata di una portata maggiore, l'Ilva conta di incrementare il rifornimento dei parchi, che al momento contengono poco più di 600mila tonnellate di minerali. L'Ilva ha dichiarato di dover scaricare tra le 40 e le 50mila tonnellate di materie prime giornaliere per garantire la regolare marcia degli altiforni, che dopo il fermo di AFO 1 sono scesi a tre, il 2, il 4 e il 5, essendo il 3 da tempo inattivo. Ma sono giorni di grande tensione anche sul fronte giudiziario. Domani il gip del Tribunale Patrizia Todisco potrebbe depositare la decisione sull'istanza di dissequestro del prodotto finito e semilavorato (un milione e 700mila tonnellate di acciaio, valore 1 miliardo di euro) al quale sono stati posti i sigilli il 26 novembre. La procura ha dato parere negativo, sostenendo che la produzione è stata realizzata con gli impianti sotto sequestro senza facoltà d'uso e quindi "contra legem". Di conseguenza, per i pm non si può invocare il decreto legge del governo per tornare in possesso di quei beni perché il provvedimento è entrato in vigore il 3 dicembre e non avendo la legge effetto retroattivo, solo dal 4 dicembre la produzione è legittima. Sulle aree Ilva rischiano dunque di restare bloccati dai sigilli giudiziari semilavorati, coils e lamiere (già venduti) destinati ai siti Ilva di Genova e di Novi Ligure, che senza questi prodotti rischiano di fermarsi a Natale. Ma sempre domani, il gip potrebbe decidere di non esprimersi sul dissequestro impugnando il decreto legge sollevando l'eccezione di incostituzionalità, mentre la Procura potrebbe fare ricorso sollevando il conflitto di attribuzione fra poteri dello Stato. In attesa di conoscere le sorti del vice presidente di Riva Fire, Fabio Riva, che da giovedì a disposizione delle autorità inglesi, ma di fatto ricercato dal 26 novembre, per il quale potrebbe scattare il mandato di arresto europeo. di Gianmario Leone



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011