Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Un messaggio da "Romnyahu"
Nel suo recente attacco di intelligenza Mitt Romney ha detto che «i palestinesi» vogliono distruggere Israele. Per lui il conflitto mediorientale non ha alcuna soluzione. Proprio come sostiene...



ESPROPRIARLA E AFFIDARLA AI LAVORATORI
Colpisce non tanto il diffuso plauso che si respira a sinistra verso la sentenza sull'Ilva, ma l'atteggiamento subalterno verso la proprietà che l'intera vicenda rivela. Lo dico non dal versante di...



L'Europa col fiato sospeso: rischio di un default incontrollato
Sul tavolo debiti per oltre 206 miliardi. Soglia di adesione minima del 75%. Il governo punta al 90Stasera alle 21 si chiude lo swap greco su 206 miliardi di euro di obbligazioni detenute da...



Resistenza femminile, un filo rosso globale
«L'EREDITÀ DI ANTIGONE» DI RICCARDO MICHELUCCIAUn libro edito da Odoya che narra, in dieci storie, esistenze di donne coraggiose. Ritratti di Mairéad Farrell, Norma Parenti e Sophie Scholl«Si...



Scalfari e i civici con Monti
C'è lista civica e lista civica. C'è la civica modello Emiliano, nel senso di sindaco di Bari, fatta «solo se Bersani me lo chiede»; quella modello Alba, nel senso di Alleanza lavoro benicomuni...



Sciopero generale alle Poste contro privatizzazione e tagli
«Non si può pensare solo al profitto, tagliando i servizi essenziali e la forza lavoro, cioè noi». La manifestante al presidio fiorentino di via Pellicceria – un migliaio di partecipanti – dà voce...



Sfere di luce proiettate nel futuro
«La sfuriata di Bet» di Christian Frascella per Einaudi Tra rivolta e sconfitta, romanzo amaro di una generazione che non si rassegna a una vita senza qualitàBet è una ragazza che vive a Barriera...



L'amore per le banche
NUOVA FINANZA PUBBLICASembra proprio che i governanti non possano desistere dall'aiutare le banche con i soldi pubblici, e l'avvicinarsi di San Valentino aumenta questo fervore. A fine gennaio,...



Flaskô, una fabbrica occupata
Dal «controllo operaio» alla richiesta di statalizzazione, contestando la formazione di una cooperativa per rilevare lo stabilimento. Visita a un'azienda che, di fronte alla delocalizzazione, ha...



Dete­nuto si impicca, alcune guardie lo insultano su facebook
Il dete­nuto Ioan Gabriel Bar­buta, 39 anni, rumeno, una con­danna defi­ni­tiva all’ergastolo per omi­ci­dio, dome­nica scorsa ha deciso di met­tere fine alla sua esi­stenza. Si è impic­cato in cella...



Il miraggio dell'olio «sostenibile»
Di Manifesto · creato il 02/11/2012 14:15 · vista 1186 volte · POLITICA · ITALIA


E' un elenco istruttivo, quello presentato alla «Tavola rotonda sull'olio di palma sostenibile» che si riunisce a Singapore questo fine settimana. Si tratta di un elenco di piantagioni commerciali di palma da olio in Liberia, Camerun, Repubblica Democratica del Congo, Malaysia, Indonesia, Filippine e altri paesi: dove al nome delle località interessate si affiancano i nomi di grandi aziende dell'agro-business (soprattutto asiatiche, ma non solo) - e quelli di popolazioni locali che protestano a vario titolo.  L'elenco è il risultato di un'analisi condotta dalla rete internazionale Forest Peoples Programme insieme all'organizzazione indonesiana SawitWatch e altre organizzazioni della società civile dei paesi citati: hanno passato in rivista le operazioni di una 15ina di aziende del settore dell'olio di palma che dichiarano di aderite al codice di condotta della Tavola rotonda (che indicheremo con l'acronimo Rspo, Roundtable on Sustainable Palm Oil). E ne hanno tratto una nuova mappa di casi di land grab, accaparramenti di terre.  Il primo dato che se ne ricava è che le maggiori aziende asiatiche - in particolare di Indonesia e Malaysia, i due paesi al primo posto per l'export di olio di palma - stanno attivamente «colonizzando» la regione tropicale africana. Prendiamo il caso di Sinar Mas, la più grande impresa indonesiana in questo business: con la sua sussidiaria Golden Veroleum, di cui ha la proprietà indiretta, ha preso in concessione 33 mila ettari di terra in Liberia, nel distretto di Butaw, provincia di Sinoe. Ma sta violando tutte le procedure della Rspo, a cui pure ha aderito, dice Alfred Brownell, avvocato dell'organizzazione non governativa Green Advocates che rappresenta le popolazioni Kru scacciate dalle loro terre da quel progetto: si tratta di tagliare la foresta esistente per piantare palme della varietà da olio, ma l'azienda «non ha chiariro i suoi progetti» né predisposto un piano di conservazione: sta solo tagliando a manbassa. Secondo quel «codice di condotta» dovrebbe sospendere tutto, avviare consultazioni con la popolazione locale, ottenere il loro «consenso libero e informato». Invece, «gli abitanti temono che le loro terre saranno prese senza il loro consenso, senza neppure informarli», dice Brownell - che è andato a Singapore per esporre la situazione. Questo è il secondo conflitto, in Liberia, che coinvolge un'azienda aderente alla «Tavola rotonda per l'olio di palma sostenibile». Sime Darby, sussidiaria del più grande consorzio di produttori di olio di palma in Malaysia, ha ottenuto nel 2009 dal governo liberiano una mega concessione (220mila ettari) nel distretto di Garwula, nella parte occidentale del paese, e ha suscitato proteste l'anno scorso con un progetto di espansione che non rispetta i diritti della popolazione. Un gruppo di ricercatori locali, riuniti nel Sustainable Development Institute, ha documentato che gli abitanti di quella zone «si trovano ora con la piantagione davanti a casa, i loro campi e le loro fattorie inglobale dall'impresa, e poche o nulle alternative per sopravvivere» (così scrivono nel rapporto Uncertain Future, futuro incerto, diffuso alla fine di settembre). Gli agricoltori locali lamentano di aver ricevuto risarcimenti minimi per i raccolti distrutti nell'espansione di Sime Darby, e che le zone di foresta comune sono state spianate e ripiantate. Va riconosciuto che qui l'azienda ha cominciato a negoziare con le comunità locali, riferisce il Forest Peoples Programme. I casi elencati sono numerosi. Ma tutto questo solelva un problema di fondo: è credibile quel «codice di condotta» per «l'olio di palma sostenibile»? Mica tanto, a giudicare da cosa fanno sul terreno le imprese che pure si fanno belle dando la loro adesione. Per questo l'organizzazione indonesiana SawitWatch ha deciso di uscire dal consiglio direttivo della «tavola rotonda»: non si presteranno a fare da foglia di fico «sostenibile» per coprire l'ultima corsa ad arraffare terre.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011