Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Un messaggio da "Romnyahu"
Nel suo recente attacco di intelligenza Mitt Romney ha detto che «i palestinesi» vogliono distruggere Israele. Per lui il conflitto mediorientale non ha alcuna soluzione. Proprio come sostiene...



ESPROPRIARLA E AFFIDARLA AI LAVORATORI
Colpisce non tanto il diffuso plauso che si respira a sinistra verso la sentenza sull'Ilva, ma l'atteggiamento subalterno verso la proprietà che l'intera vicenda rivela. Lo dico non dal versante di...



L'Europa col fiato sospeso: rischio di un default incontrollato
Sul tavolo debiti per oltre 206 miliardi. Soglia di adesione minima del 75%. Il governo punta al 90Stasera alle 21 si chiude lo swap greco su 206 miliardi di euro di obbligazioni detenute da...



Resistenza femminile, un filo rosso globale
«L'EREDITÀ DI ANTIGONE» DI RICCARDO MICHELUCCIAUn libro edito da Odoya che narra, in dieci storie, esistenze di donne coraggiose. Ritratti di Mairéad Farrell, Norma Parenti e Sophie Scholl«Si...



Scalfari e i civici con Monti
C'è lista civica e lista civica. C'è la civica modello Emiliano, nel senso di sindaco di Bari, fatta «solo se Bersani me lo chiede»; quella modello Alba, nel senso di Alleanza lavoro benicomuni...



Sciopero generale alle Poste contro privatizzazione e tagli
«Non si può pensare solo al profitto, tagliando i servizi essenziali e la forza lavoro, cioè noi». La manifestante al presidio fiorentino di via Pellicceria – un migliaio di partecipanti – dà voce...



Sfere di luce proiettate nel futuro
«La sfuriata di Bet» di Christian Frascella per Einaudi Tra rivolta e sconfitta, romanzo amaro di una generazione che non si rassegna a una vita senza qualitàBet è una ragazza che vive a Barriera...



L'amore per le banche
NUOVA FINANZA PUBBLICASembra proprio che i governanti non possano desistere dall'aiutare le banche con i soldi pubblici, e l'avvicinarsi di San Valentino aumenta questo fervore. A fine gennaio,...



Flaskô, una fabbrica occupata
Dal «controllo operaio» alla richiesta di statalizzazione, contestando la formazione di una cooperativa per rilevare lo stabilimento. Visita a un'azienda che, di fronte alla delocalizzazione, ha...



Dete­nuto si impicca, alcune guardie lo insultano su facebook
Il dete­nuto Ioan Gabriel Bar­buta, 39 anni, rumeno, una con­danna defi­ni­tiva all’ergastolo per omi­ci­dio, dome­nica scorsa ha deciso di met­tere fine alla sua esi­stenza. Si è impic­cato in cella...



La scomparsa di Gae Aulenti, signora dello spazio unico
Di Manifesto · creato il 02/11/2012 13:45 · vista 1214 volte · POLITICA · ITALIA


ADDII È MORTA A 85 ANNI LA GRANDE ARCHITETTA MILANESE Un'intensa attività che spaziava con felice e rigorosa flessibilità dal design all'architettura museale Raffinata e politicamente impegnata, cercava soluzioni «locali» alla prima crisi globale del modernismo È morta nella notte scorsa Gae Aulenti, nata nel 1927 in provincia di Udine ma milanese di studi e di cultura, per lungo tempo tra i pochi architetti italiani riconosciuti nel mondo. Aulenti si era laureata nel 1953 al Politecnico, coetanea di Gregotti, allieva di Samonà e Rogers, di qualche anno più anziana dei futuri protagonisti - Rossi, Grassi, Canella - del secondo razionalismo milanese. Era insomma pienamente all'interno di quell'ambiente milanese raffinato, inquieto e (politicamente) impegnato che cercava soluzioni sottilmente «locali» alla prima crisi globale del modernismo.  Inquietudine e sensibilità che trovano alla fine sbocco nella «Casabella-Continuità» di Rogers, che diventa appunto la palestra intellettuale perfetta per la costruzione di un'egemonia politica e culturale di lungo corso. Aulenti comincia a collaborare alla rivista come grafico e si conquista lentamente il proprio spazio in una redazione popolata da figure terribilmente carismatiche. In quel quadro d'insieme Gae, prima progettista donna ad affermarsi nell'architettura italiana del dopoguerra, comincia anche a definire un profilo professionale e creativo autonomo. La passione architettonica di Gregotti, Rossi e degli altri giovani «continuatori critici» del moderno si accende infatti mano a mano che la scala aumenta, dall'edificio alla città, dalla città al territorio, dando il senso di una specie di inebriante egemonia politica del progetto architettonico. La Aulenti si posiziona invece all'estremo opposto, verso la scala più piccola, vale a dire dall'edificio agli interni, dall'allestimento all'oggetto, quasi a trarre vantaggio, con ironia, del suo essere «architetta». Mentre gli altri si rivolgono quasi esclusivamente all'interlocutore pubblico lei apre un dialogo discreto e rigoroso con la nuova classe dirigente industriale, vogliosa di innovazione: disegna spettacolari oggetti di design, allestisce mostre importanti in Triennale, progetta alcuni dei più famosi interni milanesi anni Sessanta per la famiglia Agnelli. Con queste premesse la carriera di Aulenti si consolida negli anni Sessanta e Settanta, sviluppandosi nei decenni successivi lungo tre linee principali: il design, gli allestimenti espositivi e teatrali, le grandi architetture museali. Nel design trova forse la sua produzione di maggior successo: la lampada Pipistrello, il Tavolino Gae, il Tour e numerosissimi altri oggetti di grande diffusione contribuiscono sia ad allargare il pubblico del disegno industriale d'autore che a mantenere salda una tradizione di design milanese solido e moderno, poco sensibile alle mode. Aulenti individua un campo d'azione nel quale lo stile moderno, con le opportune divagazioni verso il pop e il concettuale, può continuare a operare senza quei ripensamenti e quelle crisi d'identità che nella seconda metà del secolo incombono sull'architettura. Le sottili lastre di vetro dei tavoli, l'uso insistito di dettagli presi dalla produzione di massa, la presenza/citazione delle ruote di bicicletta di duchampiana memoria, l'insistenza sulla «mobilità dei mobili» (su ruote) come espressione di una flessibilità tutta modernista dello spazio residenziale sono l'espressione coerente di un atteggiamento fedele alle avanguardie del Novecento, e un patrimonio industriale destinato a vivere molto più a lungo della sua autrice.  Sul piano dell'architettura Aulenti è invece molto più sensibile allo «spirito del tempo». Aiutata dalla sensibilità per la piccola scala, si ritrova molto a suo agio nel clima «neoliberty» (vale a dire poco fedele all'ortodossia modernista e molto incline a ricominciare a imparare dalla storia) dell'architettura milanese anni Cinquanta. Alla fine degli anni Settanta la sua disinvoltura nel trattare i materiali del passato fa sì che venga scelta per uno dei primi grandi interventi museali contemporanei, la Gare D'Orsay di Parigi. Per la complicata collezione di impressionisti e postimpressionisti Aulenti allestisce uno spazio ricco e articolato, che diventa ben presto un'architettura-manifesto di tutti i pregi (la libertà nel dialogo con la storia) e di tutti i difetti (l'eccesso di citazioni) del postmodernismo. Con la Gare d'Orsay l'architetta milanese consolida la sua particolare inclinazione per l'architettura museale e lavora all'architettura interna del Beaubourg, alla sistemazione iniziale di Palazzo Grassi (1985) ai musei di Arte Catalana (Barcellona 2004) e di Arte Asiatica (San Francisco 2003). Lo «stile aulentiano» nei musei, applicato nella maggior parte dei casi a edifici preesistenti, prevede molto spesso l'identificazione di un'architettura dentro l'architettura, un nuovo edificio dentro l'edificio destinato alla collezione e all'allestimento.  Le architetture di Gae Aulenti non si limitano però ai progetti museali. Dagli anni Ottanta in poi si susseguono una serie di progetti su alcuni tra gli spazi pubblici più attraversati del Paese: Piazza Cadorna a Milano, l'ala della stazione di Firenze, le stazioni Museo e Dante della metropolitana di Napoli. Anche nello spazio urbano però la chiave concettuale del progetto è nella sua doppia vita di infrastruttura e luogo di contemplazione artistica: le opere degli artisti a Napoli, il famoso «ago e filo» di Cadorna. Nel campo delle «architetture effimere» vale la pena soprattutto ricordare i suoi importantissimi allestimenti teatrali e lirici, la collaborazione stabile con Ronconi. Era evidente, osservando i suoi allestimenti e le sue scenografie, come la professione fosse in quel caso l'espressione felice di una amore per la cultura e per il teatro tipico della sua generazione e della sua formazione. Premiata solo due settimane fa con una Medaglia d'Oro alla carriera della Triennale di Milano, più che per la scena architettonica internazionale Aulenti aveva manifestato negli ultimi tempi interesse e passione per il destino dei giovani architetti italiani, approfondito in una serie di convegni e ricerche sviluppate insieme alla Fondazione del Corriere della Sera.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011