Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Un messaggio da "Romnyahu"
Nel suo recente attacco di intelligenza Mitt Romney ha detto che «i palestinesi» vogliono distruggere Israele. Per lui il conflitto mediorientale non ha alcuna soluzione. Proprio come sostiene...



ESPROPRIARLA E AFFIDARLA AI LAVORATORI
Colpisce non tanto il diffuso plauso che si respira a sinistra verso la sentenza sull'Ilva, ma l'atteggiamento subalterno verso la proprietà che l'intera vicenda rivela. Lo dico non dal versante di...



L'Europa col fiato sospeso: rischio di un default incontrollato
Sul tavolo debiti per oltre 206 miliardi. Soglia di adesione minima del 75%. Il governo punta al 90Stasera alle 21 si chiude lo swap greco su 206 miliardi di euro di obbligazioni detenute da...



Resistenza femminile, un filo rosso globale
«L'EREDITÀ DI ANTIGONE» DI RICCARDO MICHELUCCIAUn libro edito da Odoya che narra, in dieci storie, esistenze di donne coraggiose. Ritratti di Mairéad Farrell, Norma Parenti e Sophie Scholl«Si...



Scalfari e i civici con Monti
C'è lista civica e lista civica. C'è la civica modello Emiliano, nel senso di sindaco di Bari, fatta «solo se Bersani me lo chiede»; quella modello Alba, nel senso di Alleanza lavoro benicomuni...



Sciopero generale alle Poste contro privatizzazione e tagli
«Non si può pensare solo al profitto, tagliando i servizi essenziali e la forza lavoro, cioè noi». La manifestante al presidio fiorentino di via Pellicceria – un migliaio di partecipanti – dà voce...



Sfere di luce proiettate nel futuro
«La sfuriata di Bet» di Christian Frascella per Einaudi Tra rivolta e sconfitta, romanzo amaro di una generazione che non si rassegna a una vita senza qualitàBet è una ragazza che vive a Barriera...



L'amore per le banche
NUOVA FINANZA PUBBLICASembra proprio che i governanti non possano desistere dall'aiutare le banche con i soldi pubblici, e l'avvicinarsi di San Valentino aumenta questo fervore. A fine gennaio,...



Flaskô, una fabbrica occupata
Dal «controllo operaio» alla richiesta di statalizzazione, contestando la formazione di una cooperativa per rilevare lo stabilimento. Visita a un'azienda che, di fronte alla delocalizzazione, ha...



Dete­nuto si impicca, alcune guardie lo insultano su facebook
Il dete­nuto Ioan Gabriel Bar­buta, 39 anni, rumeno, una con­danna defi­ni­tiva all’ergastolo per omi­ci­dio, dome­nica scorsa ha deciso di met­tere fine alla sua esi­stenza. Si è impic­cato in cella...



La polizia condannata per i controlli ai «non ariani»
Di Manifesto · creato il 02/11/2012 12:15 · vista 1042 volte · POLITICA · ITALIA


GERMANIA BASTA IDENTIFICAZIONI ARBITRARIE La Corte di Coblenza: è illegale chiedere i documenti a un «sospetto» in virtù del colore della pelle C'è vita oltre la Bundesbank: dalla Germania, ogni tanto, può arrivare anche una buona notizia. Come sicuramente è la sentenza pronunciata lo scorso lunedì dalla Corte amministrativa d'appello del Land della Renania-Palatinato, con sede a Coblenza, in materia di controlli di polizia. I giudici tedeschi hanno affermato che è illegale chiedere i documenti a una «persona sospetta» solo in virtù del colore della sua pelle: è una discriminazione proibita dall'articolo 3 del Grundgesetz, la Costituzione della Repubblica federale. Un colpo durissimo all'ordinario razzismo di stato al quale, purtroppo, è facile abituarsi, in Germania come altrove. Un «non-bianco» ha molte più probabilità di essere fermato dagli agenti per la classica richiesta di documenti rispetto ad un «bianco». Per saperlo non serve leggere trattati di sociologia, basta girare per la strada. O andare in treno, come capitava al ventiseienne che ha avuto il coraggio di denunciare la polizia federale (Bundespolizei) per comportamento discriminatorio. Il protagonista della vicenda - riferisce il quotidiano di sinistra die taz - è uno studente di architettura, cittadino tedesco di origine extra-europea.  Siamo nel dicembre 2010 e il giovane è in viaggio sul regionale che collega Kassel a Francoforte (nel Land dell'Assia). Quando gli agenti che pattugliano il treno gli chiedono di esibire la carta d'identità disobbedisce: è convinto di essere stato «scelto» dagli agenti in base ai suoi tratti somatici. Non è un bianco, quindi è sospetto: di fronte a questo scandalo si ribella. E su di lui piove l'immancabile denuncia per oltraggio: nell'alterco dà dei «nazisti» ai poliziotti. Nel processo che ne segue, però, succede l'imprevisto. A precisa domanda sul perché proprio quel passeggero dovesse mostrare i documenti, uno dei poliziotti coinvolti dice tranquillamente che il colore della pelle è uno dei criteri per scegliere a chi rivolgersi: bisogna o no difendersi dal terrorismo islamista? Puro buonsenso, pensa l'agente. A quel punto, però, la vicenda si capovolge di segno. Lo studente è assolto dall'accusa di oltraggio e sul banco degli imputati - in un tribunale amministrativo - finisce la Bundespolizei, denunciata dal giovane per discriminazione.  Il caso passa per competenza alla corte di Coblenza e, in prima istanza, al ventiseienne viene dato torto: i controlli effettuati «sulla base della fisionomia esteriore» sono dichiarati ammissibili. Una decisione che suscita scandalo e contro la quale alzano la voce le organizzazioni per la tutela dei diritti umani. Il nostro studente non demorde e fa appello. E pochi giorni fa, finalmente, incassa la vittoria giudiziaria che mette la parola fine al contenzioso fra lui e la polizia federale. E soprattutto che dovrebbe sancire la fine una volta per tutte delle odiose pratiche discriminatorie della Bundespolizei verso tutti quelli che hanno «una fisionomia esteriore» diversa da quella considerata «normale» e ammissibile in territorio tedesco. Il caso mostra come il tema del «racial profiling» (in italiano «profilazione razziale») sia da tempo sbarcato anche in Europa. Non è più solo un tipico problema degli Stati Uniti, dove, come noto, la «linea del colore» conta moltissimo e il razzismo della polizia è all'ordine del giorno (è uno dei temi su cui Obama, per esempio, ha agito di più durante la sua presidenza, ndr).  Ora nella Repubblica federale tedesca - dove l'odio razziale è più diffuso di quanto si creda all'estero - il colore della pelle non è più un criterio legalmente valido per formulare un ragionevole sospetto che porti a fermare e identificare un individuo. Non è di per sé una garanzia che gli abusi cesseranno ma certo è un passo fondamentale.  Oltre che per l'austerità dei bilanci, il resto d'Europa imiterà la Germania anche in questo?



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011