Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Un messaggio da "Romnyahu"
Nel suo recente attacco di intelligenza Mitt Romney ha detto che «i palestinesi» vogliono distruggere Israele. Per lui il conflitto mediorientale non ha alcuna soluzione. Proprio come sostiene...



ESPROPRIARLA E AFFIDARLA AI LAVORATORI
Colpisce non tanto il diffuso plauso che si respira a sinistra verso la sentenza sull'Ilva, ma l'atteggiamento subalterno verso la proprietà che l'intera vicenda rivela. Lo dico non dal versante di...



L'Europa col fiato sospeso: rischio di un default incontrollato
Sul tavolo debiti per oltre 206 miliardi. Soglia di adesione minima del 75%. Il governo punta al 90Stasera alle 21 si chiude lo swap greco su 206 miliardi di euro di obbligazioni detenute da...



Resistenza femminile, un filo rosso globale
«L'EREDITÀ DI ANTIGONE» DI RICCARDO MICHELUCCIAUn libro edito da Odoya che narra, in dieci storie, esistenze di donne coraggiose. Ritratti di Mairéad Farrell, Norma Parenti e Sophie Scholl«Si...



Scalfari e i civici con Monti
C'è lista civica e lista civica. C'è la civica modello Emiliano, nel senso di sindaco di Bari, fatta «solo se Bersani me lo chiede»; quella modello Alba, nel senso di Alleanza lavoro benicomuni...



Sciopero generale alle Poste contro privatizzazione e tagli
«Non si può pensare solo al profitto, tagliando i servizi essenziali e la forza lavoro, cioè noi». La manifestante al presidio fiorentino di via Pellicceria – un migliaio di partecipanti – dà voce...



Sfere di luce proiettate nel futuro
«La sfuriata di Bet» di Christian Frascella per Einaudi Tra rivolta e sconfitta, romanzo amaro di una generazione che non si rassegna a una vita senza qualitàBet è una ragazza che vive a Barriera...



L'amore per le banche
NUOVA FINANZA PUBBLICASembra proprio che i governanti non possano desistere dall'aiutare le banche con i soldi pubblici, e l'avvicinarsi di San Valentino aumenta questo fervore. A fine gennaio,...



Flaskô, una fabbrica occupata
Dal «controllo operaio» alla richiesta di statalizzazione, contestando la formazione di una cooperativa per rilevare lo stabilimento. Visita a un'azienda che, di fronte alla delocalizzazione, ha...



Dete­nuto si impicca, alcune guardie lo insultano su facebook
Il dete­nuto Ioan Gabriel Bar­buta, 39 anni, rumeno, una con­danna defi­ni­tiva all’ergastolo per omi­ci­dio, dome­nica scorsa ha deciso di met­tere fine alla sua esi­stenza. Si è impic­cato in cella...



Il passaggio del testimone
Di Manifesto · creato il 02/11/2012 11:15 · vista 933 volte · POLITICA · ITALIA


GRILLO/DI PIETRO Hanno camminato lungo la stessa strada. Per molto tempo Antonio Di Pietro ha guardato Beppe Grillo dall'alto in basso, trattandolo con guardinga presunzione. Dei due capipopolo lui era il primo arrivato su piazza. Non lo ha mai sfidato. E Grillo ha trovato sempre il modo di ripagare la cortesia, salvando solo Di Pietro dal suo generale crucifige. Quando ancora l'ex comico faceva eccezioni, queste erano tutte per le feste dell'Idv, i candidati dell'Idv, i referendum dell'Idv. Poi, molto presto, Di Pietro ha dovuto trattarlo da pari a pari. «Lo sento tutti i giorni», confessò. Il partito di Di Pietro è stato la prima forma organizzata della protesta anti Palazzo, il primo a crescere con il racconto della «casta». Poi il Movimento 5 stelle ha cominciato a occupare il terreno che l'Idv aveva preparato. Sei mesi fa, intorno alle amministrative di primavera, c'è stato il primo e unico scontro pubblico tra Di Pietro e Grillo. L'ex pm ha provato ha mettere in riga l'ex comico ricordandogli le primogeniture. Ma era già Grillo il più forte. Le elezioni siciliane - con i 5 stelle vincitori morali e Idv sotto la soglia di sbarramento - hanno messo il sigillo sulla vittoria. Adesso la relazione tra i due campioni del messaggio semplice è su basi diverse. E Grillo può permettersi di candidare Di Pietro alla pensione. Adesso è lui il superbo che si fa comprensivo, perdonando i molti errori di Tonino e così ricordandoli uno a uno. Del resto nel momento del bisogno si vedono gli amici. E i contendenti. Di Pietro è in grande difficoltà, tanto da dare il suo partito per «finito» dopo l'inchiesta di Report. Una volta raccontata in televisione, la natura privatistica dell'Idv non può più essere ignorata da chi ha dato fiducia a quel partito evitando di soffermarsi sulle già documentatissime magagne. Che sono poi quelle inevitabili nei partiti personali. E nei movimenti, perché Beppe Grillo non naviga in acque molto diverse. I lati oscuri, naturalmente, non riguardano i militanti. Eppure non sarebbe male se anche loro riuscissero a porsi per tempo qualche domanda. Coltivassero un po' il dubbio. Avrebbero potuto già farlo se il codice di condotta nelle rispettive «ditte» lo avesse permesso. Invece nell'Idv le perplessità sulle mosse di Di Pietro sono state nascoste e giustificate dalle scandalose prove dei parlamentari alla Scilipoti. E in casa Grillo la regola è anche più dura. Non serve il dissenso, basta la sola esistenza in video per essere messi all'indice. «Lo sento ogni giorno». Quando la dialettica politica è ridotta a dialogo privato tra personalità assolute si può solo contemplarne l'esito. L'impressione è che dentro la crisi dell'Idv non ci sia più Di Pietro che sceglie Grillo, ma Grillo che decide di recuperare Di Pietro. E i suoi elettori. Per i 5 stelle educati al solipsismo la mossa di Grillo è comunque una grande novità. Di primo acchito non tutti hanno capito, ma non sarà un problema digerire Di Pietro. Non per la parte del movimento più realista che non disdegna le alleanze, tantomeno per chi ha delegato a Grillo tutte le ragioni. Per gli altri, per la sinistra, sarà bene evitare abbagli: non potrà certo essere l'isola governata dall'ex comico l'approdo finale di chi è fuori dal centrosinistra. Perché le leadership personali non prevedono condivisione. Anzi, si può già prevedere la prossima puntata della saga. Grillo infatti un compagno di avventura ce l'ha e anche assai ambizioso. Per il momento è nell'ombra. Ma prima o poi Gianroberto Casaleggio verrà fuori.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011