Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Ue-Londra: eserciti schierati in vista del Brexit
Siamo in fase pre-bellica, gli eserciti si schierano: alla premier britannica, Theresa May, che al congresso dei Tories a Birmingham ha abbracciato l’ipotesi di un “hard Brexit”, ieri la cancelliera...



Israele accoglie le salme
«Non in nostro nome»: il premier dell'Anp Fayyad ha respinto con forza l'uso terroristico della causa palestineseGERUSALEMME - In una atmosfera di dolore, mentre in Francia le forze speciali...



Uccisi a fucilate perché chiedevano gli stipendi
Cer­ca­vano lo sti­pen­dio, hanno tro­vato la morte. Quella del 38enne Mustafa Neo­me­dim e del 26enne Avdyli Val­det, entrambi kos­so­vari, e del loro ex padrone Gian­luca Ciferri (48 anni) sem­bra...



«Yo soy 132», l'irruzione di un movimento contro il potere di un caudillo populista
Una scadenza elettorale in cui è in gioco la democrazia del paeseCome un fatto del tutto inaspettato, l'irruzione di un nuovo movimento giovanile ha trasformato il panorama delle elezioni messicane...



La morte di una madre in guerra con il mondo
Angelo Morino, docente di letteratura ispanoamericana e prolifico traduttore, ha creduto tardi al proprio talento narrativo, ma nei suoi ultimi anni ha pubblicato due romanzi, e altri due sono...



Sì alla lista Ingroia Ma dai fondatori arriva il passo indietro
CAMBIARE SI PUÒE alla fine, dopo le tonnellate di assemblee e iniziative, e poi le polemiche e le rotture, Cambiare si può dice sì alla partecipazione alla lista di Ingroia. Lo ha fatto con una ...



Università, la Valutazione sbagliata
Il sistema introdotto dalla riforma Gelmini è discriminatorio e penalizzerà alcuni ricercatori e piccole e medie case editrici. A vantaggio di grandi editori e lobbies accademiche. Discutiamone...



Putin canta sempre vittoria
RUSSIA UNITA Nuovo exploit elettorale alle amministrative, ma con il 75% di astensionismoL'opposizione paga l'essere "contro" senza proposte. In Lituania invece il centrosinistra va C'è poco da...



La battaglia di Kisimaio
SOMALIA · L'esercito keniota entra nell'importante città portuale del sudAssalto all'ultima roccaforte urbana dei ribelli islamisti. Le forze dell'Unione africana mettono in fuga gli Shabaab, ma...



IL POPOLO COME PLEBE
Di Manifesto · creato il 26/09/2012 13:15 · vista 1045 volte · POLITICA · ITALIA


Renata Polverini vinse le elezioni regionali nel Lazio grazie al voto di quelle province che hanno spedito in Consiglio regionale i vari Fiorito, Battistoni, Abruzzese, De Romanis. Gli stessi che, ingrata e dimentica, lei oggi definisce «indegni», «malfattori», «personaggi da operetta». Gli stessi che per tutto questo tempo hanno garantito quella maggioranza che le ha permesso di governare e spadroneggiare. Certo, tutto ciò aveva un costo: un costo in senso proprio, le cospicue prebende elargite attraverso la progressiva distribuzione di finanziamenti pubblici ai gruppi consiliari. Ecco perché il tentativo di smarcamento dell'ex presidente, il suo inacidito distanziarsi dal girone della corruttela, non sembra convincere nessuno. Tutti (e lei di più) erano consapevoli che la Regione Lazio si reggeva in virtù di un rapporto di scambio, un patto non scritto ma allegramente agito: i potentati del Pdl garantivano la tenuta dell'amministrazione, a condizione di poter contare su denaro pubblico da gestire privatamente. Insomma uno schietto cacio e pepe, dove era chiaro chi metteva il pepe e chi portava il cacio. Un sistema di potere che in fondo funzionava in modo semplice: dritto per dritto. Un do ut des non proprio elegantissimo, neanche particolarmente raffinato, ma indubbiamente efficace. Del tutto coerente, peraltro, con l'impudico profilo di chi tutto questo gestiva: gente sbrigativa e disinvolta, personaggi che interpretavano il proprio ruolo istituzionale come una pura e semplice opportunità accumulatoria e l'assemblea elettiva di cui facevano parte come il cortile (o l'orto) sotto casa. C'è tuttavia qualcosa di più, in questa storiaccia laziale. C'è anche la caduta rovinosa di un modello culturale. Sguaiato e pacchiano quanto si vuole, ma pur sempre, fino a qualche tempo fa, vincente e convincente. Un insieme di suggestioni e significanti che Polverini e Alemanno hanno largamente diffuso, in sintonia con un senso comune che, a sua volta, corrispondeva positivamente. La coda alla vaccinara consumata in piazza Montecitorio era un linguaggio che raggiungeva molto più di quanto si pensasse. Così come cavalcare il parapetto della curva nord dell'Olimpico, così come cantarellare le canzoni di Lucio Battisti ai comizi o insultare gli avversari in piazza («Zecca di merda»). Uno stile politico che rifuggiva ogni intento pedagogico o di compostezza civica o di richiamo a responsabilità pubbliche. Ma direttamente confuso, anzi in amalgama, con una quotidianità sgrammaticata e rilassata, che consentiva smagliature e perfino trasgressioni. «Semo gente de borgata». Siamo come voi, ci arrangiamo come possiamo, furbastri, ignorantelli e un po' mascalzoni. Ed è in assoluta continuità con quest'impronta («antropologica», la definiva ieri Alberto Burgio) che i consiglieri regionali passavano da una cena all'altra e organizzavano feste da basso impero. E lo stesso succede ancora a Roma, con le terrificanti sfilate di centurioni e fasci littori o con quel penoso Carnevale per le vie del centro. Insomma, il popolo come plebe a cui concedere, di tanto in tanto, qualche innocuo svago. Mentre il potere, paterno e consolatorio, vede, provvede e ingoia. Come quando a Roma c'era il papa re. E a ben rifletterci è un po' così che la destra ha governato. Un ritorno a quei patetici fasti, con Francone Fiorito nei panni del Marchese del Grillo. E' già cominciata nel frattempo la lotteria politica che dovrà designare il nuovo presidente dell'ex Stato pontificio. Già in molti invocano l'arrivo del generale Cadorna a Porta Pia. Meglio sarebbe ripristinare la Repubblica Romana di Mazzini e Garibaldi.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011