Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Per la dignità universale. In piedi, esseri umani, la povertà è un furto
La povertà non è un fatto di natura ma il prodotto di società ingiuste perché inegualitarie e predatrici . In piedi, umanità contro il furto della vita. L’IMPOVERIMENTO La povertà è il risultato...



Cina. One Belt One Road, la nuova via alla globalizzazione
Dopo il Tpp. La «nuova via della seta» che unisce i vecchi percorsi carovanieri insieme alla «via della seta marittima» è un progetto e non un trattato: toccherà almeno 60 paesi che producono un...



Don Tonino il pacifista
RICORDO DI UN VESCOVO DISOBBEDIENTE. Il 20 aprile del '93 moriva don Bello, vescovo di Molfetta e presidente di Pax Christi. Antimilitarista e dalla parte degli oppressi, si scontrò con il mondo ...



Emergenza alluvioni, appello di Pyongyang
La Corea del nord ha lanciato un appello e chiede aiuti internazionali, dopo che una serie di inondazioni e un tifone nelle ultime settimane hanno devastato ampie zone del paese. Ieri l'agenzia...



«Linee guida» per gli artigiani, un accordo senza le categorie
Nessuna discussione interna; orario di lavoro fuori dal contratto nazionale e «flessibile» senza contropartiteL'autonomia è una bella cosa. Basta non trasformarla in «decisionismo», che in una...



Governo Tsipras. Misure sociale per Natale
Alexis Tsipras ha deciso di rafforzare la politica sociale del governo. Il leader di Syriza ha annunciato, infatti, che 617 milioni di euro verranno redistribuiti a 1 milione e 600 mila pensionati...



Quella poetica rurale sui miti della nascita
Nuova edizione per Giovan Battista Bronzini «A Craco, la sera, la ragazza recita in silenzio una breve preghiera e attende la mezzanotte: se subito dopo ode un canto o un fischio, l'avvenire si...



OBAMA È UN'ALTRA MUSICA
ARTISTI E ATTIVISTI GIUDICANO BARACK. Don Palmer, Greg Tate, JT Lewis, Angela Davis, Butch Morris. Tra delusione e realismo, ecco come l'intellighenzia radicale afroamericana a New York giudica...



Una telecamera? Solo tre minuti
Due blogger in sciopero della fame contro la nuova censura post-rivoluzionariaDurante le rivolte in Tunisia, Ramzi Bettaieb (alias Winston Smith, nella foto) ha rilanciato il tweet sul rifiuto del...



No ad Ayraultport, che brutto ambiente
FRANCIA LA FRATTURA TRA PS E VERDI SULL'AEROPORTO DA COSTRUIRE A NOTRE-DAME DES LANDES, VICINO NANTES, POTREBBE ADDIRITTURA AVERE CONSEGUENZE A PARIGI SUGLI EQUILIBRI POLITICI DEL GOVERNO...



Se ne va Coutinho, studioso di Gramsci
Di Manifesto · creato il 22/09/2012 14:45 · vista 921 volte · POLITICA · ITALIA


Un grande intellettuale brasiliano Aveva saputo usare le categorie teoriche del comunista sardo per interpretare la storia del suo paese Si è spento a Rio de Janeiro Carlos Nelson Coutinho, uno dei più noti intellettuali del suo paese, tra i principali studiosi di Gramsci nel mondo. Nato a Bahia nel 1943, aveva iniziato la sua attività di studioso nell'ambito della critica letteraria, ben presto affascinato dalla figura e dall'opera di Lukács. Aveva lavorato come traduttore, per divenire solo molto più tardi docente di Filosofia politica. In mezzo vi era stato un intenso e non facile periodo di attività politica, vissuta anche come professione. A lungo militante del Partito comunista brasiliano, negli anni '70 Coutinho era stato costretto all'esilio dalla dittatura militare e aveva trascorso un lungo periodo in Europa - e anche in Italia, a Bologna. L'incontro con la storia e l'elaborazione teorica dei comunisti italiani aveva cambiato la sua concezione della lotta per il socialismo. Particolarmente interessato al pensiero e alla politica di Enrico Berlinguer e Pietro Ingrao e all'esperienza dell'«eurocomunismo», come testimonia il saggio A democracia como valor universal, Coutinho aveva iniziato nel Pcb una lotta per la valorizzazione delle istanze democratiche. Anche per questa vicinanza ai comunisti italiani, si pronuncerà in modo molto critico verso la Bolognina e la decisione di porre fine al Pci. Tornato in Brasile nei primi anni '80, Coutinho aderì poi al Pt (fu «ministro»nel primo «governo ombra»di Lula) - partito che abbandonerà, con la piccola scissione di sinistra del Psol, quando Lula, divenuto presidente, deluderà le promesse di profonda trasformazione sociale che avevano accompagnato la sua ascesa politica e il partito era scosso da scandali ed episodi di autoritarismo. Coutinho è stato il maggiore interprete e traduttore di Gramsci in Brasile, curando nel suo paese la pubblicazione di tutte le principali opere del comunista sardo. Un suo bel libro - Il pensiero politico di Gramsci (Unicopli) - è tradotto anche in Italia e molti sono i saggi pubblicati sulla rivista Critica marxista. L'importanza, non solo brasiliana, dell'opera di Coutinho, sta anche nel fatto che egli ha saputo utilizzare alcune delle principali categorie teoriche gramsciane per interpretare la storia politica e culturale del suo paese negli ultimi decenni, più e meglio di quanto abbiano saputo fare gli intellettuali italiani. Oltre che un grande intellettuale, Carlos è stato una persona di eccezionale simpatia e umanità. Fin dall'inizio è stato tra i dirigenti della International Gramsci Society e ha saputo instaurare con studiose e studiosi di diverse generazioni, nazionalità e sensibilità un rapporto basato sulla comprensione umana, sulla accettazione delle differenze (sia pure nel mantenimento vigile delle proprie idee e del proprio punto di vista), sull'ironia, sul senso del limite. Non ha mai perso la sua profonda convinzione delle ragioni di un comunismo democratico, portatore di libertà per tutti. Lo salutiamo come lui era solito salutare: ciao, compagno. di Guido Liguori



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011