Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Per la dignità universale. In piedi, esseri umani, la povertà è un furto
La povertà non è un fatto di natura ma il prodotto di società ingiuste perché inegualitarie e predatrici . In piedi, umanità contro il furto della vita. L’IMPOVERIMENTO La povertà è il risultato...



Cina. One Belt One Road, la nuova via alla globalizzazione
Dopo il Tpp. La «nuova via della seta» che unisce i vecchi percorsi carovanieri insieme alla «via della seta marittima» è un progetto e non un trattato: toccherà almeno 60 paesi che producono un...



Don Tonino il pacifista
RICORDO DI UN VESCOVO DISOBBEDIENTE. Il 20 aprile del '93 moriva don Bello, vescovo di Molfetta e presidente di Pax Christi. Antimilitarista e dalla parte degli oppressi, si scontrò con il mondo ...



Emergenza alluvioni, appello di Pyongyang
La Corea del nord ha lanciato un appello e chiede aiuti internazionali, dopo che una serie di inondazioni e un tifone nelle ultime settimane hanno devastato ampie zone del paese. Ieri l'agenzia...



«Linee guida» per gli artigiani, un accordo senza le categorie
Nessuna discussione interna; orario di lavoro fuori dal contratto nazionale e «flessibile» senza contropartiteL'autonomia è una bella cosa. Basta non trasformarla in «decisionismo», che in una...



Governo Tsipras. Misure sociale per Natale
Alexis Tsipras ha deciso di rafforzare la politica sociale del governo. Il leader di Syriza ha annunciato, infatti, che 617 milioni di euro verranno redistribuiti a 1 milione e 600 mila pensionati...



Quella poetica rurale sui miti della nascita
Nuova edizione per Giovan Battista Bronzini «A Craco, la sera, la ragazza recita in silenzio una breve preghiera e attende la mezzanotte: se subito dopo ode un canto o un fischio, l'avvenire si...



OBAMA È UN'ALTRA MUSICA
ARTISTI E ATTIVISTI GIUDICANO BARACK. Don Palmer, Greg Tate, JT Lewis, Angela Davis, Butch Morris. Tra delusione e realismo, ecco come l'intellighenzia radicale afroamericana a New York giudica...



Una telecamera? Solo tre minuti
Due blogger in sciopero della fame contro la nuova censura post-rivoluzionariaDurante le rivolte in Tunisia, Ramzi Bettaieb (alias Winston Smith, nella foto) ha rilanciato il tweet sul rifiuto del...



No ad Ayraultport, che brutto ambiente
FRANCIA LA FRATTURA TRA PS E VERDI SULL'AEROPORTO DA COSTRUIRE A NOTRE-DAME DES LANDES, VICINO NANTES, POTREBBE ADDIRITTURA AVERE CONSEGUENZE A PARIGI SUGLI EQUILIBRI POLITICI DEL GOVERNO...



Obama ritira i «rinforzi»
Di Manifesto · creato il 22/09/2012 14:15 · vista 919 volte · POLITICA · ITALIA


AFGHANISTAN/VIA 33MILA MARINE Diminuiti gli attacchi sul terreno, sono aumentate le bombe sulle strade e gli attentati suicidi La notizia viene dal Pentagono: l'esercito degli Stati uniti annuncia che il ritiro dei 33mila soldati addizionali inviati dal presidente Obama in Afghanistan due anni fa è stato completato, con una settimana di anticipo sulla tabella di marcia prevista. È dunque conclusa quella che fu chiamata surge: la strategia di dispiegare una considerevole forza militare per un certo periodo, una «marea montante» (letteralmente, «surge») di soldati che avrebbe dato un colpo decisivo ai ribelli. Così aveva detto il presidente Barack Obama nel dicembre 2009, quando ha autorizzato il dispiegamento: «Dobbiamo invertire il momentum dei Taleban e togliergli la capacità di minacciare il governo» (quello di Hamid Karzai); le truppe addizionali furono mandate nelle province del sud e est del paese dove i Taleban stavano rafforzando la loro influenza. A distanza di due anni però sembra che l'obiettivo di quella «marea» sia stato ridimensionato retroattivamente: il segretario Usa alla difesa Leon Panetta, che ha annunciato il completato ritiro durante una visita in Nuova Zelanda, ha affermato che «la surge ha raggiunto il suo obiettivo di fermare l'avanzata dei Taleban sul terreno e permettere di rafforzare le forze di sicurezza nazionali afghane», e così cominciare il processo di transizione (cioè trasferire alle forze afghane la responsabilità della sicurezza). Restano in ombra alcuni dettagli. Uno è che rimangono pur sempre 68mila soldati americani in Afghanistan : oltre il doppio di quando il presidente Obama è entrato in carica nel gennaio 2009 (allora erano 32mila). Infatti, dispiegamenti addizionali erano già stati autorizzati, sempre su richiesta dei comandi militari. Con la «surge» gli effettivi americani erano arrivati a 101mila, oltre a circa 50mila soldati degli altri contingenti Isaf-Nato. Secondo dettaglio: la notizia del ritiro di quei 33mila soldati è passata quasi sotto silenzio a Kabul. Nessuna dichiarazione del presidente Karzai, né dal comandante delle truppe Usa in Afghanistan, generale John Allen, né dei comandi Isaf-Nato. Il New York Times però riferiva ieri il commento anonimo di un alto ufficiale americano a Kabul che diceva: «Ora tocca a Karzai». La polizia e le forze di sicurezza afghane sono in effetti più che raddoppiate quest'anno e contano circa 300mila uomini. Ma notevoli dubbi restano sul loro addestramento e sulla loro «fedeltà», come si dice con un eufemismo, tanto più non essendo chiaro il futuro assetto dei poteri nell'Afghanistan dopo il definitivo ritiro delle truppe occidentali nel 2014. Solo tre giorni fa i comandi della Isaf-Nato hanno sospeso ogni pattugliamento comune di forze straniere e afghane (dopo un'ondata di casi in cui i soldati occidentali sono stati attaccati da uomini con le divise militari afghane). In ogni caso, a Kabul il ritiro di quei 33mila americani non cambia nulla sul terreno, nell'immediato. Il bilancio? L'attività militare dei Taleban nelle tradizionali roccaforti nel sud e est è relativamente calata negli ultimi due anni, ma è aumentata in zone da cui erano assenti nel nord. Diminuiti gli attacchi diretti sul terreno, sono aumentati quelli con bombe sulle strade e soprattutto gli attacchi suicidi, che fanno un maggior numero di vittime civili. Così, il livello generale di violenza oggi è più alto di prima della «surge»: nei primi 6 mesi del 2012 sono morti 1.145 civili, contro 1.267 nello stesso periodo del 2010. Ma, come dice l'anonimo ufficiale Usa, «ora sono affari di Karzai». di Paola Desai



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011