Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Per la dignità universale. In piedi, esseri umani, la povertà è un furto
La povertà non è un fatto di natura ma il prodotto di società ingiuste perché inegualitarie e predatrici . In piedi, umanità contro il furto della vita. L’IMPOVERIMENTO La povertà è il risultato...



Cina. One Belt One Road, la nuova via alla globalizzazione
Dopo il Tpp. La «nuova via della seta» che unisce i vecchi percorsi carovanieri insieme alla «via della seta marittima» è un progetto e non un trattato: toccherà almeno 60 paesi che producono un...



Don Tonino il pacifista
RICORDO DI UN VESCOVO DISOBBEDIENTE. Il 20 aprile del '93 moriva don Bello, vescovo di Molfetta e presidente di Pax Christi. Antimilitarista e dalla parte degli oppressi, si scontrò con il mondo ...



Emergenza alluvioni, appello di Pyongyang
La Corea del nord ha lanciato un appello e chiede aiuti internazionali, dopo che una serie di inondazioni e un tifone nelle ultime settimane hanno devastato ampie zone del paese. Ieri l'agenzia...



«Linee guida» per gli artigiani, un accordo senza le categorie
Nessuna discussione interna; orario di lavoro fuori dal contratto nazionale e «flessibile» senza contropartiteL'autonomia è una bella cosa. Basta non trasformarla in «decisionismo», che in una...



Governo Tsipras. Misure sociale per Natale
Alexis Tsipras ha deciso di rafforzare la politica sociale del governo. Il leader di Syriza ha annunciato, infatti, che 617 milioni di euro verranno redistribuiti a 1 milione e 600 mila pensionati...



Quella poetica rurale sui miti della nascita
Nuova edizione per Giovan Battista Bronzini «A Craco, la sera, la ragazza recita in silenzio una breve preghiera e attende la mezzanotte: se subito dopo ode un canto o un fischio, l'avvenire si...



OBAMA È UN'ALTRA MUSICA
ARTISTI E ATTIVISTI GIUDICANO BARACK. Don Palmer, Greg Tate, JT Lewis, Angela Davis, Butch Morris. Tra delusione e realismo, ecco come l'intellighenzia radicale afroamericana a New York giudica...



Una telecamera? Solo tre minuti
Due blogger in sciopero della fame contro la nuova censura post-rivoluzionariaDurante le rivolte in Tunisia, Ramzi Bettaieb (alias Winston Smith, nella foto) ha rilanciato il tweet sul rifiuto del...



No ad Ayraultport, che brutto ambiente
FRANCIA LA FRATTURA TRA PS E VERDI SULL'AEROPORTO DA COSTRUIRE A NOTRE-DAME DES LANDES, VICINO NANTES, POTREBBE ADDIRITTURA AVERE CONSEGUENZE A PARIGI SUGLI EQUILIBRI POLITICI DEL GOVERNO...



Era bipartisan il sistema delle «rendition»
Di Manifesto · creato il 22/09/2012 13:15 · vista 979 volte · POLITICA · ITALIA


CASO ABU OMAR/NESSUNO SAPEVA Ora le responsabilità politiche dopo la conferma delle condanne agli agenti Cia Due giorni fa la quinta sezione penale della Corte di Cassazione, giudicando le conclusioni raggiunte sul caso Abu Omar dal processo d'appello (Corte di Milano) del dicembre 2010, ha emanato una sentenza le cui conseguenze andranno ben oltre il merito del caso di extaordinary rendition (17 febbraio 2003) relativo all'iman della moschea di viale Jenner a Milano. Due elementi indicano che la sentenza della sezione presieduta da Gaetanino Zecca avrà un valore storico. In primo luogo la sentenza della Cassazione ha di fatto giudicato incongrua l'apposizione del segreto di Stato nel caso Omar ed ha deciso per un nuovo processo presso la Corte d'Appello di Milano nei confronti degli ex appartenenti al Sismi, servizio segreto militare ora Aise, Nicolò Pollari, Marco Mancini, Giuseppe Ciorra, Luciano Di Gregori e Raffaele Di Troia. Nei confronti di questi ultimi si era in precedenza deciso il non luogo a procedere appunto perchè le loro responsabilità non potevano essere accertate vigente il segreto apposto inizialmente dal governo Berlusconi (2001-2006) e indi da quello Prodi (2006-2008) e ancora dal governo Berlusconi (2008-2011). Il nuovo processo dovrebbe quindi finalmente permettere di portare alla luce gli «88 documenti» di cui Pollari, al vertice del Sismi durante il rapimento di Abu Omar (Hassan Mustafa Osama Nasr), ha rivelato l'esistenza nei precedenti processi e che indicherebbero la estraneità sua, e del Servizio in quanto tale, al rapimento. Come già scrivemmo nel 2009 (manifesto del 1 ottobre), l'importanza di questi documenti è anche maggiore della prova o meno della complicità di Pollari, in quanto rivelerebbero la catena di comando segreta e incostituzionale che ha permesso una flagrante violazione del diritto nazionale e internazionale sul suolo italiano. Pollari ha sempre protestato la sua impossibilità di difendersi perchè tenuto al rispetto del segreto di Stato e i suoi avvocati hanno invocato la corte perchè chiedesse al governo di togliere quel segreto. Prova che quei documenti, se non proprio l'estraneità, potrebbero provare chi diede a Pollari un ordine o chi agiva altrove nella stessa direzione. O semplice bluff, ben sapendo che il segreto molto difficilmente sarebbe stato tolto? In ogni caso un elemento decisamente diverso tornerebbe alla ribalta: su quali uomini - al di là degli apparati cui appartengono o appartenevano - potevano e possono contare in Italia i centri di potere statunitensi quando vogliono realizzare operazioni segrete? Vi sono ancora linee di comando che più o meno informalmente partono da Washington (o da Langley) e finiscono a Roma? Quelle storiche le teneva l'ex-presidente della Repubblica Francesco Cossiga. Quelle nuove? In secondo luogo, storica la sentenza lo è già per la parte che condanna in via definitiva gli agenti della Cia e il loro capo in Italia, Robert Lady Seldon, prima sentenza definitiva al mondo a bollare inequivocabilmente le operazioni di extraordinary renditions come illegali e criminali, a testimonianza della solidità dell'apparato accusatorio dei pubblici ministeri Pomarici e Spataro. I servi di vecchia data (si definivano «patrioti», ma chissà di quale patria) e i servi nuovi che in Italia hanno fatto buon viso a cattivo gioco sostenendo che il programma era «utile», non solo non hanno mai voluto capire nulla delle ragioni vere del programm delle renditions così come si è trasformato sotto Cheney e Bush (uno strumento di terrore internazionale destinato a suscitare ondate di terrorismo e tenere in piedi la «guerra infinita»), ma nenmeno dell'abisso in cui precipitava gli stessi servizi segreti di nazioni ove la tortura, sebbene certo occasionalmente praticata, non era più un «sistema» (almeno fuori delle carceri speciali). La pratica della tortura è non solo proibita dalla Convenzione di Ginevra e dal diritto umanitario, senza eccezione alcuna - terroristi o meno - ma è anche altamente controproducente. E proprio la sentenza definitiva sul caso Omar e le vicende che sono emerse nel processo provano che gli apparati statunitensi costringevano i catturati a diventare «collaboratori» o a subire le più orrende torture, avviando il circolo vizioso tipico di tutte le procedure di tortura per cui pur di liberarsi dai tormenti o di provare la propria utilità come informatore - i malcapitati inventano accuse contro chi pensano possa essere un candidato credibile agli occhi dei persecutori. In decine e decine di casi è venuto a galla che gli uomoni degli apparati statunitensi facevano a gara ad attribuirsi la cattura di elementi «sospetti» e la loro «rendition» ai torturatori dei propri servizi o di quelli di Paesi esteri, sulla base di «prove» le più inconsistenti o manifestamente false. Ultimo caso quello dello yemenita Adnan Farhan Abdul Latif, tenuto a Guantanamo dal 2002 senza processo e tra orribili sofferenze, mortovi qualche giorno fa nonostante nel 2010 un giudice statunitense avesse ordinato la sua scarcerazione per l'assoluta inconsistenza delle prove contro di lui. Ma in Italia nessuno ne sapeva niente, naturalmente, e Pollari e il suo «network» bipartisan non erano i soli. Altri «network» - misteriosamente bipartisan pure loro - non ne sapevano niente. L'allora capo della polizia di Stato (2000-2007), Giovanni De Gennaro, grande tessitore delle relazioni tra apparati investigativi italiani e statunitensi, non ne sapeva niente, mentre 26 aerei (al minimo) delle renditions atterravano, nel periodo, 80 volte negli aeroporti italiani sotto la sorveglianza della polizia di Stato (il manifesto del 24 gennaio e 3 marzo 2006). E Prodi, presidente della Commissione Europea dal 1999 al 2004 non ne sapeva niente nemmeno lui, mentre i cieli e gli aeroporti d'Europa - ben monitorati da agenzie sotto la sua responsabilità - erano attraversati dagli aerei e dai prigionieri degli apparati statunitensi, per non parlare delle prigioni segrete istituite in quegli anni in Romania, in Polonia, in Lituania, al servizio degli statunitensi. Il nuovo processo agli uomini del Sismi potrebbe approdare in moltre altre spiagge.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011