Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Per la dignità universale. In piedi, esseri umani, la povertà è un furto
La povertà non è un fatto di natura ma il prodotto di società ingiuste perché inegualitarie e predatrici . In piedi, umanità contro il furto della vita. L’IMPOVERIMENTO La povertà è il risultato...



Cina. One Belt One Road, la nuova via alla globalizzazione
Dopo il Tpp. La «nuova via della seta» che unisce i vecchi percorsi carovanieri insieme alla «via della seta marittima» è un progetto e non un trattato: toccherà almeno 60 paesi che producono un...



Don Tonino il pacifista
RICORDO DI UN VESCOVO DISOBBEDIENTE. Il 20 aprile del '93 moriva don Bello, vescovo di Molfetta e presidente di Pax Christi. Antimilitarista e dalla parte degli oppressi, si scontrò con il mondo ...



Emergenza alluvioni, appello di Pyongyang
La Corea del nord ha lanciato un appello e chiede aiuti internazionali, dopo che una serie di inondazioni e un tifone nelle ultime settimane hanno devastato ampie zone del paese. Ieri l'agenzia...



«Linee guida» per gli artigiani, un accordo senza le categorie
Nessuna discussione interna; orario di lavoro fuori dal contratto nazionale e «flessibile» senza contropartiteL'autonomia è una bella cosa. Basta non trasformarla in «decisionismo», che in una...



Governo Tsipras. Misure sociale per Natale
Alexis Tsipras ha deciso di rafforzare la politica sociale del governo. Il leader di Syriza ha annunciato, infatti, che 617 milioni di euro verranno redistribuiti a 1 milione e 600 mila pensionati...



Quella poetica rurale sui miti della nascita
Nuova edizione per Giovan Battista Bronzini «A Craco, la sera, la ragazza recita in silenzio una breve preghiera e attende la mezzanotte: se subito dopo ode un canto o un fischio, l'avvenire si...



OBAMA È UN'ALTRA MUSICA
ARTISTI E ATTIVISTI GIUDICANO BARACK. Don Palmer, Greg Tate, JT Lewis, Angela Davis, Butch Morris. Tra delusione e realismo, ecco come l'intellighenzia radicale afroamericana a New York giudica...



Una telecamera? Solo tre minuti
Due blogger in sciopero della fame contro la nuova censura post-rivoluzionariaDurante le rivolte in Tunisia, Ramzi Bettaieb (alias Winston Smith, nella foto) ha rilanciato il tweet sul rifiuto del...



No ad Ayraultport, che brutto ambiente
FRANCIA LA FRATTURA TRA PS E VERDI SULL'AEROPORTO DA COSTRUIRE A NOTRE-DAME DES LANDES, VICINO NANTES, POTREBBE ADDIRITTURA AVERE CONSEGUENZE A PARIGI SUGLI EQUILIBRI POLITICI DEL GOVERNO...



Il Brasile ora protesta «è guerra delle valute»
Di Manifesto · creato il 22/09/2012 12:45 · vista 788 volte · POLITICA · ITALIA


Bce e Fed stanno svalutando In natura, spiegano a scuola, ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria. Anche in economia, non solo in fisica. E la reazione che arriva dal Brasile, per bocca del ministro delle finanze Guido Mantega, è inequivocabile: «è riesplosa la guerra delle valute». Si riferisce alle decisioni prese dalle principali banche centrali del pianeta nelle scorse settimane, quando prima la Bce guidata da Mario Draghi ha annunciato «acquisti illimitati» di titoli di stato dei paesi europei con problemi di rifinanziamento sui mercati, per ridurre lo spread con gli equivalenti titoli tedeschi. Successivamente la Federal Reserve presieduta da Ben Bernanke ha annunciato una nuova ondata di «iniezioni di liquidità» nel sistema, ricorrendo a ben tre diversi strumenti per un totale di 85 miliardi al mese da qui alla fine dell'anno; e comunque anche oltre, fin quando «sarà necessario» per risollevare l'occupazione interna agli Stati Uniti. A stretto giro ha fatto qualcosa di simile anche la Banca del Giappone (acquisti di titoli di stato per quasi 100 miliardi di euro). Ci si aspetta un'analoga iniziativa da parte della Banca di Inghilterra e anche quella cinese continua dall'inizio dell'estate a «pompare» denaro per sostenere il ciclo. La Turchia ha abbassato i tassi di interesse. Perché il Brasile protesta? Per un ottimo motivo, sottaciuto da tutti coloro - «mercati »in testa - hanno brindato ai quantitative easing delle banche centrali come «soluzione» alla crisi finanziaria: le iniezioni di liquidità altro non sono che stampare moneta supplementare. La conseguenza è ovvia: si favorisce il deprezzamento della moneta che viene stampata e il corrispondente aumento di valore delle altre monete. Sul piano mercantile, le merci Usa (ed europee o giapponesi) diventano più competitive sui mercati esteri, mentre quelle dei paesi che non hanno stampato nuova moneta diventano istantaneamente più costose. È insomma una vera e propria «svalutazione competitiva», come quelle cui era solita ricorrere l'Italietta democristiana con la liretta ballerina. Ma su una scala planetaria, perché Usa, Europa e Giappone costituiscono quasi il 50% del Pil mondiale; colossi che cercano di scaricare parte della loro crisi sugli «emergenti». Proprio il Brasile ha smesso di crescere vertiginosamente dall'inizio della crisi del 2007-2008. Fin lì aveva tenuto un passo quasi cinese (oltre il 7% annuo), il che gli ha consentito - prima con Lula, poi con Roussef - di far sviluppare anche i consumi interni, facendo salire anche i salari. Nel 2012 si fermerà presumibilmente a un modesto +1,6%. E non sembra una boutade che qualche «osservatore» europeo abbia colto al balzo l'occasione per suggerire anche oltreoceano una terapia fatta di «ridisegno del modello economico, in questo momento pieno di rigidità». Salariali. La reazione brasiliana non si ferma però alle parole. «Non accetteremo un eccessivo apprezzamento del real», dice Mantega, che annuncia «una tassazione sui capitali a breve» che si riversano sul suo paese (non è una benedizione: si tratta di capitali che fuggono da titoli di stato a tasso quasi zero e ambiscono ai tassi molto più elevati che paesi con alta inflazione debbono mantenere). Di fatto, una «tassazione delle operazioni finanziarie» che altrove è solo argomento di discussione. Più preoccupante ancora, per gli Stati uniti, la decisione di Brasilia di imporre dazi doganali su 100 prodotti statunitensi che vengono importati. Che ha ovviamente provocato a sua volta una reazione yankee contro il «protezionismo» brasiliano che «danneggia le esportazioni Usa». Dobbiamo tener presente che finora le «iniezioni di liquidità» sono solo materia di annunci. Sia la Bce che la Fed hanno potuto verificare quanto le proprie parole abbiano avuto effetti «calmanti» sui mercati, senza dover mettere in moto nemmeno una rotativa della Zecca. Ma, come dicono gli operatori, ««prima o poi dovranno passare ai fatti» e stampare soldi virtuali, perché l'euro o il dollaro troppo forti impediscono la «ripresa» proprio là dove potrebbe avere ricadute sistemiche più ampie. Alla fin fine, nessuna causa vera della crisi sembra esser stata fin qui rimossa. Si continua a spalare denaro che finisce sotto il tappeto. prima o poi si inciampa... di Francesco Piccioni



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011