Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Per la dignità universale. In piedi, esseri umani, la povertà è un furto
La povertà non è un fatto di natura ma il prodotto di società ingiuste perché inegualitarie e predatrici . In piedi, umanità contro il furto della vita. L’IMPOVERIMENTO La povertà è il risultato...



Cina. One Belt One Road, la nuova via alla globalizzazione
Dopo il Tpp. La «nuova via della seta» che unisce i vecchi percorsi carovanieri insieme alla «via della seta marittima» è un progetto e non un trattato: toccherà almeno 60 paesi che producono un...



Don Tonino il pacifista
RICORDO DI UN VESCOVO DISOBBEDIENTE. Il 20 aprile del '93 moriva don Bello, vescovo di Molfetta e presidente di Pax Christi. Antimilitarista e dalla parte degli oppressi, si scontrò con il mondo ...



Emergenza alluvioni, appello di Pyongyang
La Corea del nord ha lanciato un appello e chiede aiuti internazionali, dopo che una serie di inondazioni e un tifone nelle ultime settimane hanno devastato ampie zone del paese. Ieri l'agenzia...



«Linee guida» per gli artigiani, un accordo senza le categorie
Nessuna discussione interna; orario di lavoro fuori dal contratto nazionale e «flessibile» senza contropartiteL'autonomia è una bella cosa. Basta non trasformarla in «decisionismo», che in una...



Governo Tsipras. Misure sociale per Natale
Alexis Tsipras ha deciso di rafforzare la politica sociale del governo. Il leader di Syriza ha annunciato, infatti, che 617 milioni di euro verranno redistribuiti a 1 milione e 600 mila pensionati...



Quella poetica rurale sui miti della nascita
Nuova edizione per Giovan Battista Bronzini «A Craco, la sera, la ragazza recita in silenzio una breve preghiera e attende la mezzanotte: se subito dopo ode un canto o un fischio, l'avvenire si...



OBAMA È UN'ALTRA MUSICA
ARTISTI E ATTIVISTI GIUDICANO BARACK. Don Palmer, Greg Tate, JT Lewis, Angela Davis, Butch Morris. Tra delusione e realismo, ecco come l'intellighenzia radicale afroamericana a New York giudica...



Una telecamera? Solo tre minuti
Due blogger in sciopero della fame contro la nuova censura post-rivoluzionariaDurante le rivolte in Tunisia, Ramzi Bettaieb (alias Winston Smith, nella foto) ha rilanciato il tweet sul rifiuto del...



No ad Ayraultport, che brutto ambiente
FRANCIA LA FRATTURA TRA PS E VERDI SULL'AEROPORTO DA COSTRUIRE A NOTRE-DAME DES LANDES, VICINO NANTES, POTREBBE ADDIRITTURA AVERE CONSEGUENZE A PARIGI SUGLI EQUILIBRI POLITICI DEL GOVERNO...



Più tasse ai poveri, Iva «salvata»
Di Manifesto · creato il 22/09/2012 11:45 · vista 858 volte · POLITICA · ITALIA


Sul manifesto di luglio avevo scritto: «L'Italia ha subito 5 manovre correttive, maggiori entrate e tagli alla spesa pubblica, tra il 2011 e il 2012, per un ammontare complessivo che sfiora i 120 miliardi di euro, al netto del fiscal compact e dell'euro plus che costringerà il paese a delle misure (correttive) tra i 35-45 mld di euro. Le previsioni di crescita del Paese sono sicuramente condizionate dal contesto internazionale e, in particolare, europeo, ma le stime di crescita sono in qualche misura coerenti con il taglio della spesa pubblica e la riduzione del reddito delle famiglie via incremento della pressione fiscale. Adottando un criterio prudenziale è possibile stimare una minore crescita del Pil italiano per il 2012 del 2,5% e del 3% nel 2013. Sono ordini di grandezza che trovano una parziale conferma nelle prime proiezioni del Fmi (-2% per il 2012), mentre Confindustria si è spinta oltre (-2,4%)». La nota di aggiornamento del Def non conferma le sue proiezioni di aprile, piuttosto queste altre. Ora il Def chiarisce che il Pil per il 2012 «crescerà» del -2,4%, che l'indebitamento netto della pubblica amministrazione peggiorerà fino a raggiungere il 2,6% del Pil, e alla fine crescerà anche il rapporto debito/Pil. Le previsioni del governo sulla «crescita» del 2013 sono del -0,2%, ma stante i provvedimenti adottati dal governo stesso, la «crescita» per il 2013 sarà tra il -2,5% e il -3% del Pil. Su questo possiamo anche scommettere un euro, nella speranza di sbagliare. Ma la parte più fastidiosa è la capacità di mentire del governo: non aumenteremo l'Iva. Siamo alla più palese presa per i fondelli. La riduzione dell'Iva (-3.280 milioni nel 2012, -6.569 nel 2013 e -9.840 nel 2014) è condizionata da un aumento delle entrate fiscali, legate alla revisione delle agevolazioni fiscali (delega fiscale Tremonti). Indubbiamente l'Iva è una imposta odiosa perché in ultima istanza si scarica su tutti i consumatori (regressiva), ma il taglio delle agevolazioni (detrazioni e deduzioni) ha contorni che sfiorano il grottesco. Tecnicamente: sono le famiglie più bisognose a beneficiare di detrazioni e deduzioni fiscali. Difatto, il mancato aumento dell'Iva si traduce in ulteriore stretta per le famiglie interessate dalle agevolazioni fiscali, che rendono quindi davvero fastidioso il pronunciamento del governo sull'Iva. Ma gli europei (gli italiani) si meritano dei dirigenti-tecnici-politici così scadenti? Ci sarà un momento in cui «la forza delle idee diventerà più forte degli interessi costituiti» (Keynes)?



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011