Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Per la dignità universale. In piedi, esseri umani, la povertà è un furto
La povertà non è un fatto di natura ma il prodotto di società ingiuste perché inegualitarie e predatrici . In piedi, umanità contro il furto della vita. L’IMPOVERIMENTO La povertà è il risultato...



Cina. One Belt One Road, la nuova via alla globalizzazione
Dopo il Tpp. La «nuova via della seta» che unisce i vecchi percorsi carovanieri insieme alla «via della seta marittima» è un progetto e non un trattato: toccherà almeno 60 paesi che producono un...



Don Tonino il pacifista
RICORDO DI UN VESCOVO DISOBBEDIENTE. Il 20 aprile del '93 moriva don Bello, vescovo di Molfetta e presidente di Pax Christi. Antimilitarista e dalla parte degli oppressi, si scontrò con il mondo ...



Emergenza alluvioni, appello di Pyongyang
La Corea del nord ha lanciato un appello e chiede aiuti internazionali, dopo che una serie di inondazioni e un tifone nelle ultime settimane hanno devastato ampie zone del paese. Ieri l'agenzia...



«Linee guida» per gli artigiani, un accordo senza le categorie
Nessuna discussione interna; orario di lavoro fuori dal contratto nazionale e «flessibile» senza contropartiteL'autonomia è una bella cosa. Basta non trasformarla in «decisionismo», che in una...



Governo Tsipras. Misure sociale per Natale
Alexis Tsipras ha deciso di rafforzare la politica sociale del governo. Il leader di Syriza ha annunciato, infatti, che 617 milioni di euro verranno redistribuiti a 1 milione e 600 mila pensionati...



Quella poetica rurale sui miti della nascita
Nuova edizione per Giovan Battista Bronzini «A Craco, la sera, la ragazza recita in silenzio una breve preghiera e attende la mezzanotte: se subito dopo ode un canto o un fischio, l'avvenire si...



OBAMA È UN'ALTRA MUSICA
ARTISTI E ATTIVISTI GIUDICANO BARACK. Don Palmer, Greg Tate, JT Lewis, Angela Davis, Butch Morris. Tra delusione e realismo, ecco come l'intellighenzia radicale afroamericana a New York giudica...



Una telecamera? Solo tre minuti
Due blogger in sciopero della fame contro la nuova censura post-rivoluzionariaDurante le rivolte in Tunisia, Ramzi Bettaieb (alias Winston Smith, nella foto) ha rilanciato il tweet sul rifiuto del...



No ad Ayraultport, che brutto ambiente
FRANCIA LA FRATTURA TRA PS E VERDI SULL'AEROPORTO DA COSTRUIRE A NOTRE-DAME DES LANDES, VICINO NANTES, POTREBBE ADDIRITTURA AVERE CONSEGUENZE A PARIGI SUGLI EQUILIBRI POLITICI DEL GOVERNO...



ATTENTI AI FORCONI
Di Manifesto · creato il 22/09/2012 10:15 · vista 840 volte · POLITICA · ITALIA


Si fa fatica ad arrivare in fondo agli articoli di cronaca che raccontano lo sperpero di soldi pubblici, che insistono sulla volgarità dei comportamenti dei consiglieri governati dalla presidente del Lazio, Renata Polverini. A leggere i particolari della corruzione, le richieste assillanti di denaro, il sistema delle fatture false, il dettaglio dei diecimila euro per i tre giorni in albergo del capogruppo del Pdl si resta tramortiti, soprattutto se si hanno davanti agli occhi gli operai dell'Alcoa aggrappati alla torre. Fanno ancora più impressione quei trentamila euro netti di stipendio mensile del consigliere Fiorito, l'ufficiale pagatore della famelica famiglia berlusconiana della Pisana. Trentamila più i centomila l'anno per la cosiddetta "attività politica" sua e di ogni singolo consigliere regionale, di maggioranza o di opposizione. Un fiume di denaro autorizzato, legale, di fronte al quale la malversazione è quasi una conseguenza scontata. E del resto sono soldi necessari per ripagare in qualche modo i costi di un'elezione allo scranno consigliare. Soldi, tanti, per farsi eleggere, soldi per mantenere il posto. Come la cosa più naturale del mondo. L'altra sera negli studi di Piazza Pulita (La7) è stata proprio Renata Polverini a dichiarare, senza vergogna, senza ritegno, senza rispetto anche nei confronti dei suoi elettori, di aver speso dai sei agli otto milioni di euro per diventare presidente della regione, tanto è costata la sua campagna elettorale (un milione quella di Emma Bonino). Anzi era seduta davanti alle telecamere (prossimamente l'aspettiamo per la gran festa a Ballarò, il suo trampolino di lancio) come una Giovanna d'Arco pronta a infilzare il drago del malaffare. Che non si sarebbe dimessa era evidente, come il fatto che per non affondare sarebbe rimasta a galla dando in pasto al popolo una manciata di briciole (abolizione di qualche commissione). Di fronte allo spettacolo da basso impero è miracoloso che non esploda una protesta popolare (populista?). Anche se quando parli con il barista le parole non sono lievi («bisognerebbe andarli a prendere sotto casa con i forconi, tutti nessuno escluso»). Quei forconi si materializzeranno se non nelle piazze (e non è detto: la crisi sta peggiorando), certamente nelle urne. Gli effetti elettorali della corruzione saranno dirompenti. Predicare contro il populismo, chiedere il rispetto delle istituzioni, esortare a distinguere tra chi è al governo e chi ne è fuori, è come cercare di svuotare il mare con il secchiello. Perché se è vero che dal sistema Formigoni al sistema Polverini, è della catastrofe berlusconiana che stiamo parlando, è altrettanto provato che a sollevare il velo del malcostume politico non è stato il principale partito di opposizione (vogliamo dimenticare il caso Penati?), ma, in Lombardia come nel Lazio, il piccolo drappello dei radicali con la loro inesausta battaglia sulla trasparenza (la chiamano anagrafe) degli eletti. Nulla in questi mesi di governo tecnico è stato fatto dai partiti sui costi della politica. Nessuna riforma del finanziamento pubblico, nessuna riforma della legge elettorale (e quella che si intravede potrebbe essere addirittura peggiore dell'attuale), neppure un'assunzione di responsabilità per il pauroso arretramento della morale pubblica. Credono o sperano di usare la prossima campagna elettorale come un lavacro propagandistico di tutti i peccati. Non vedono che, per la profondità della crisi, andremo alle urne nelle condizioni peggiori di sempre, senza il pane e tantomeno le rose. di Norma Rangeri



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011