Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Per la dignità universale. In piedi, esseri umani, la povertà è un furto
La povertà non è un fatto di natura ma il prodotto di società ingiuste perché inegualitarie e predatrici . In piedi, umanità contro il furto della vita. L’IMPOVERIMENTO La povertà è il risultato...



Cina. One Belt One Road, la nuova via alla globalizzazione
Dopo il Tpp. La «nuova via della seta» che unisce i vecchi percorsi carovanieri insieme alla «via della seta marittima» è un progetto e non un trattato: toccherà almeno 60 paesi che producono un...



Don Tonino il pacifista
RICORDO DI UN VESCOVO DISOBBEDIENTE. Il 20 aprile del '93 moriva don Bello, vescovo di Molfetta e presidente di Pax Christi. Antimilitarista e dalla parte degli oppressi, si scontrò con il mondo ...



Emergenza alluvioni, appello di Pyongyang
La Corea del nord ha lanciato un appello e chiede aiuti internazionali, dopo che una serie di inondazioni e un tifone nelle ultime settimane hanno devastato ampie zone del paese. Ieri l'agenzia...



«Linee guida» per gli artigiani, un accordo senza le categorie
Nessuna discussione interna; orario di lavoro fuori dal contratto nazionale e «flessibile» senza contropartiteL'autonomia è una bella cosa. Basta non trasformarla in «decisionismo», che in una...



Governo Tsipras. Misure sociale per Natale
Alexis Tsipras ha deciso di rafforzare la politica sociale del governo. Il leader di Syriza ha annunciato, infatti, che 617 milioni di euro verranno redistribuiti a 1 milione e 600 mila pensionati...



Quella poetica rurale sui miti della nascita
Nuova edizione per Giovan Battista Bronzini «A Craco, la sera, la ragazza recita in silenzio una breve preghiera e attende la mezzanotte: se subito dopo ode un canto o un fischio, l'avvenire si...



OBAMA È UN'ALTRA MUSICA
ARTISTI E ATTIVISTI GIUDICANO BARACK. Don Palmer, Greg Tate, JT Lewis, Angela Davis, Butch Morris. Tra delusione e realismo, ecco come l'intellighenzia radicale afroamericana a New York giudica...



Una telecamera? Solo tre minuti
Due blogger in sciopero della fame contro la nuova censura post-rivoluzionariaDurante le rivolte in Tunisia, Ramzi Bettaieb (alias Winston Smith, nella foto) ha rilanciato il tweet sul rifiuto del...



No ad Ayraultport, che brutto ambiente
FRANCIA LA FRATTURA TRA PS E VERDI SULL'AEROPORTO DA COSTRUIRE A NOTRE-DAME DES LANDES, VICINO NANTES, POTREBBE ADDIRITTURA AVERE CONSEGUENZE A PARIGI SUGLI EQUILIBRI POLITICI DEL GOVERNO...



Il nazionalismo spinto in Catalogna toglie il sonno a Mariano Rajoy
Di Manifesto · creato il 22/09/2012 09:45 · vista 901 volte · POLITICA · ITALIA


Spagna/IN TEMPI DI CRISI VACILLA IL CENTRALISMO DI MADRID A Barcellona campeggia ovunque la scritta: «L'indipendenza è la soluzione» I tre sassolini nelle scarpe di Mariano Rajoy si chiamano Catalogna, Paese Basco e Galizia, tre territori che tolgono il sonno ai governi dalla fine della dittatura franchista a oggi. Queste tre comunità autonome sono «nazionalità storiche» che possedendo ciascuna una lingua e una cultura propria, hanno sempre goduto di uno status speciale nell'ambito dell'architettura costituzionale spagnola, che in quanto frutto dell'impossibile patto fra le forze reazionarie eredi del franchismo e le forze sociali di sinistra, lascia alcuni aspetti chiave della distribuzione dei poteri volutamente nell'ambiguità. L'unica cosa chiara è che, come recita l'articolo 2, «la costituzione si basa sull'indissolubile unità della Nazione spagnola», che però «riconosce e garantisce il diritto all'autonomia delle nazionalità e regioni che la integrano». Il risultato di questa ambiguità è stato che dal 1978 l'equilibrio di potere fra il governo centrale e le comunità autonome si è andato forgiando secondo il peso politico dei molti attori in campo. L'arrivo di Zapatero, che fece leva proprio su una idea di una Spagna plurale, implicò quello che parve a molti come un taglio netto con l'approccio centralista di Aznar. E si aprì una stagione in cui le comunità che lo hanno desiderato hanno riscritto i propri statuti autonomici. La Catalogna è stata la prima a lanciarsi, cercando di stirare il più possibile le proprie competenze, seguita da altre comunità. Ma il Pp, il partito tradizionalmente più centralista si lanciò in una battaglia all'ultimo sangue, trascinando lo statuto catalano (approvato dal Parlament di Barcellona con ampia maggioranza, dai catalani con un referendum e infine, con qualche modifica che non è mai andata giù ai catalani, dalle Cortes di Madrid a maggioranza in un ricorso al tribunale costituzionale. Nel frattempo, anche il governo basco, nelle mani di forze nazionaliste, tentò negli stessi anni una manovra simile che però non riuscì, e per la prima volta nella storia spagnola, il governo in Euskadi nel 2009 passò nelle mani di una Grosse Koalition: Psoe con appoggio esterno del Pp, i due partiti centralisti. La Galizia è un po' un caso a parte: le forze nazionaliste di sinistra sono importanti, ma, a parte una breve parentesi, il governo è sempre stato saldamente nelle mani popolari. Il momento cruciale della storia che spiega le tensioni che stanno esplodendo oggi fra le mani di Rajoy è il giugno 2010. Dopo aver temporeggiato per anni, il Tribunale Costituzionale, che in Spagna è diretta espressione dei partiti maggioritari presenti nelle Cortes, finalmente diede il via libera all'Estatut catalano, ma eliminando alcune parti che per i catalani erano particolarmente simboliche, con una disquisizione sul significato di «nazione» e «nazionalità» e sul problema dell'uso della lingua. Questo scatenò una manifestazione per le strade di Barcellona e nella mente di molti catalani si infranse l'idea che si potesse giungere a un accordo con Madrid. Subito dopo, la coalizione di sinistra perse il governo a Barcellona e i nazionalisti di destra che presero il potere con l'appoggio esterno del Pp iniziarono una stagione di tagli che poi appoggiarono anche a Madrid quando Rajoy prese il potere. Lo scontento che sta montando in tutto il paese, in Catalogna prende la forma di un nazionalismo che non era mai sembrato tanto maggioritario come oggi, dopo la manifestazione dell'11 settembre. CiU, partito in difficoltà al governo a Barcellona, è molto abile a cavalcare lo scontento e dirigerlo verso Madrid. «L'indipendenza è la soluzione», si legge per le strade, segno che la sinistra catalana ha smarrito la capacità di agglutinare le forze per combattere le iniquità sociali, le vere ferite, in Catalogna e in Spagna. Dopo un incontro tanto anticipato quanto scontato fra Rajoy e il presidente catalano Artur Mas giovedì scorso, Mas scioglierà il Parlament per indire elezioni anticipate in cui il suo partito spera di vincere a man bassa, nonostante gli spaventosi tagli a cui ha sottoposto i catalani. La perdita del controllo che il Pp poteva esercitare in Catalogna si aggiunge alla probabile sconfitta dell'attuale presidente galiziano popolare Alberto Núñez Feijóo e alla altrettanto probabile vittoria nazionalista in Euskadi nelle prossime elezioni anticipate a ottobre in queste due comunità. Comincia a vacillare il potere popolare, e come durante la Repubblica e la Transizione, le voci più alte della protesta parlano euskera, català e galego. di Luca Tancredi Barone



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011