Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Flaskô, una fabbrica occupata
Dal «controllo operaio» alla richiesta di statalizzazione, contestando la formazione di una cooperativa per rilevare lo stabilimento. Visita a un'azienda che, di fronte alla delocalizzazione, ha...



Un messaggio da "Romnyahu"
Nel suo recente attacco di intelligenza Mitt Romney ha detto che «i palestinesi» vogliono distruggere Israele. Per lui il conflitto mediorientale non ha alcuna soluzione. Proprio come sostiene...



L'amore per le banche
NUOVA FINANZA PUBBLICASembra proprio che i governanti non possano desistere dall'aiutare le banche con i soldi pubblici, e l'avvicinarsi di San Valentino aumenta questo fervore. A fine gennaio,...



Sciopero generale alle Poste contro privatizzazione e tagli
«Non si può pensare solo al profitto, tagliando i servizi essenziali e la forza lavoro, cioè noi». La manifestante al presidio fiorentino di via Pellicceria – un migliaio di partecipanti – dà voce...



ESPROPRIARLA E AFFIDARLA AI LAVORATORI
Colpisce non tanto il diffuso plauso che si respira a sinistra verso la sentenza sull'Ilva, ma l'atteggiamento subalterno verso la proprietà che l'intera vicenda rivela. Lo dico non dal versante di...



L'Europa col fiato sospeso: rischio di un default incontrollato
Sul tavolo debiti per oltre 206 miliardi. Soglia di adesione minima del 75%. Il governo punta al 90Stasera alle 21 si chiude lo swap greco su 206 miliardi di euro di obbligazioni detenute da...



Resistenza femminile, un filo rosso globale
«L'EREDITÀ DI ANTIGONE» DI RICCARDO MICHELUCCIAUn libro edito da Odoya che narra, in dieci storie, esistenze di donne coraggiose. Ritratti di Mairéad Farrell, Norma Parenti e Sophie Scholl«Si...



Sfere di luce proiettate nel futuro
«La sfuriata di Bet» di Christian Frascella per Einaudi Tra rivolta e sconfitta, romanzo amaro di una generazione che non si rassegna a una vita senza qualitàBet è una ragazza che vive a Barriera...



Dete­nuto si impicca, alcune guardie lo insultano su facebook
Il dete­nuto Ioan Gabriel Bar­buta, 39 anni, rumeno, una con­danna defi­ni­tiva all’ergastolo per omi­ci­dio, dome­nica scorsa ha deciso di met­tere fine alla sua esi­stenza. Si è impic­cato in cella...



Scalfari e i civici con Monti
Di Manifesto · creato il 03/06/2012 16:45 · vista 840 volte · POLITICA · ITALIA


C'è lista civica e lista civica. C'è la civica modello Emiliano, nel senso di sindaco di Bari, fatta «solo se Bersani me lo chiede»; quella modello Alba, nel senso di Alleanza lavoro benicomuni ambiente, «antiliberista e alteromondista»; e quella di Repubblica , costruita intorno «al governo Monti e al suo operato», copyright Scalfari sul Fatto . Insomma i civici non sono ancora scesi in campo, ma già sono divisi. Quelli di destra e quelli di sinistra, viene da dire. Oppure, dicendola meglio, sotto il titolo 'lista civica' in questi giorni finisce rubricata un po' la qualsiasi, anche cose opposte: per esempio le ambizioni di un imprenditore-editore di farsi partito (già sentito?, ma stavolta è De Benedetti); per esempio l'autolesionista desiderio di Bersani di suscitare una società civile per rinfrescare il brand del centrosinistra («innovazione in outsourcing », l'ha definito non amichevolmente Matteo Orfini sul manifesto ). Per esempio, con l'evocazione dello scrittore-conduttore Saviano, la tentazione di tornare alla stagione tardodiessina in cui si sperava di combattere l'astensionismo - oggi si chiama grillismo - con i volti televisivi: furono candidati in diverse competizioni Michele Santoro, Lilli Gruber, Piero Marrazzo. Storie diverse, ma se parli di quella stagione in un circolo Pd anche il più demomoderato mette mano alla pistola. Altra storia quella del 'nuovo soggetto politico' Alba, che riunirà i suoi il 30 giugno e il primo luglio, con ogni probabilità sceglierà la sede nella martoriata Emilia Romagna. Fra gli animatori Luciano Gallino, Marco Revelli, Alberto Lucarelli, Paul Ginsborg, Stefano Rodotà. Quest'ultimo è stato arruolato da Scalfari tra i 'suoi' civici, ricevendone un 'no grazie'. Quelli di Alba non hanno ancora deciso se si costituiranno in lista nazionale e devono farsi due conti seri anche sulla possibilità concreta di raccogliere le firme per le liste. Ma una cosa ce l'hanno chiara: «Noi siamo all'opposizione del governo Monti. Che ha aggiuntonuovi danni sociali ed economici ai danni della crisi: i nuovi seicentomila disoccupati sono gli effetti della lettera Bce dell'estate scorsa», spiega Massimo Torelli, colonna organizzativa del movimento. «E se anche cercheremo alleanze, partiremo dai contenuti: su e giù per l'Italia ci sono migliaia di persone, anche militanti Pd, che del rigore di Monti non ne possono più». di DANIELA PREZIOSI



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011