Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


«Viaggio nell'Italia dei beni comuni», un libro collettivo
 Appunti per meglio conoscere il paese ignoto della buona vitaÈ la prima volta che leggo direttamente in rete un libro, che nella sua composizione, caratteristiche di costruzione, modalità...



La corsa ad aprire la partita Iva per sfuggire alla trappola di Renzi
Per evi­tare il nuovo regime fiscale di Renzi, prima dell’approvazione della riforma sui minimi nel mese di novem­bre 2014 sono state aperte 38.351 par­tite iva in Ita­lia. L’aumento è cla­mo­roso,...



Nelle carte spuntano le cliniche del Vaticano
Non solo Tanzania. Secondo gli investigatori Bonet e Belsito avrebbero riciclato soldi anche nell'Est Europa e in alcune strutture sanitarie cattolicheÈ una rete di mediatori, imprenditori con...



Usa/Israele/Territori occupati. Ai palestinesi Trump non offre nulla
Prima di partire ha ribadito che gli Usa saranno sempre dalla parte di Israele BETLEMME. Funzionari della Casa Bianca ieri hanno mantenuto il presidente americano Donald Trump aggiornato in tempo...



Un «esperimento» da stroncare, insieme al futuro delle riforme
La sconvolgente vicenda del leader punito svela per un istante i giochi segreti del potereDopo quasi un mese di dicerie incontrollate e illazioni assurde, la verità ufficiale sulla rovinosa caduta...



Silvio fa il burlesque
Che burlone. E chi se lo aspettava? E invece eccolo lì. Silvio Berlusconi è in piedi di fronte alla gabbia degli imputati. A braccia conserte aspetta che avvocati, giudici e carabinieri preparino le...



Nuova ondata di arresti in Turchia
Erdogan risponde agli europei: pronto a rinunciare all’adesione Convitato di pietra del referendum turco del 16 aprile, l’Europa viene chiamata in causa dalle opposizioni, da un progetto di...



La favola americana
Ieri la scomparsa dello scrittore. Acclamato autore di fantascienza, ha sempre sostenuto di narrare sogni e incubi del mondo «irreale»«Non sono uno scrittore di fantascienza», diceva di se stesso...



“Basta tagli”, via allo sciopero Cgil
La legge di sta­bi­lità è entrata nel vivo – ieri il pas­sag­gio degli emen­da­menti alla Com­mis­sione Bilan­cio della Camera – ma emerge sem­pre più chiaro il rischio dei tagli. Soprat­tutto agli...



«Un aiuto politico contro Assad»
In Siria la feroce repressione della rivoluzione continua, un anno dopo le prime manifestazioni. Il Consiglio nazionale siriano calcola in 20 mila le vittime, tra morti e scomparsi, mentre ogni...



Pyongyang: altro lancio di missili. Seul fa un favore a Pechino e blocca il Thaad
Di Manifesto · creato il 09/06/2017 11:15 · vista 952 volte · POLITICA · ITALIA


Crisi coreana. Pechino aveva impostato tutti i suoi avvicinamenti a Pyongyang, sottolineando sempre come una soluzione non poteva che essere generale, prevedendo dunque un disimpegno nucleare da parte della Corea del Nord, unitamente alla rinuncia del dispiegamento del Thaad da parte degli Usa in Corea del Sud Dopo che il neo presidente sud coreano Moon Jae-in aveva sostanzialmente bloccato lo sviluppo del Thaad, il sistema di difesa missilistico piazzato dagli Usa in Corea del sud, Kim Jong-un ha effettuato un altro lancio di missili, in risposta alle recenti nuove sanzioni delle Nazioni unite e in disprezzo di una situazione che dopo la decisione di Seul sembrava volgere al meglio. A QUESTO PUNTO è lecito un po’ per tutti chiedersi a cosa miri Kim, in queste reiterate dimostrazioni di forza e di esuberanza, anche di fronte a uno scenario che pare poter mutare. La scelta di Moon, coerente con quanto detto in campagna elettorale a proposito della possibilità di «dire dei no» a Washington, è chiaramente un segnale molto rilevante nei confronti tanto della Cina quanto della Corea del Nord. DI FRONTE AL NUOVO LANCIO di Pyongyang, però, il neo presidente sud coreano ha nuovamente chiesto una riunione del consiglio di sicurezza dell’Onu. Trump è impegnato in serie questioni interne e non si è fatto sentire, mentre Pechino ha reagito a entrambi gli eventi. A proposito del lancio multiplo di missili anti-nave fatto ieri dalla Corea del Nord, la portavoce del ministero degli esteri cinese Hua Chunying, ha commentato che «nelle attuali circostanze i paesi preoccupati non dovrebbero provocarsi l’un l’altro o fare azioni che facciano salire la tensione. Tutti dovrebbero fare sforzi congiunti e lavorare alla stabilità della regione», aggiungendo che «le risoluzioni Onu vietano lo sviluppo di tecnologie missilistiche e le relative attività». ANCHE IL CONSIGLIO UE si è schierato contro questo genere di attività aggiungendo 14 persone e 4 entità all’elenco delle persone e delle entità soggette a congelamento dei beni e a restrizioni di viaggio, recependo così la risoluzione 2.356 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite. La risoluzione è stata adottata il 2 giugno scorso in risposta alle attività di sviluppo di missili balistici e di armi nucleari in corso in Corea del Nord. Secondo una nota del Consiglio, Pyongyang «ha violato e disatteso in modo flagrante le precedenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite». La decisione del Consiglio porta il numero totale delle persone e delle entità soggette a misure restrittive rispettivamente a 53 e a 46, come inserite in elenco dalle Nazioni unite. La nota precisa inoltre che l’Unione europea sta attuando tutte le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite adottate in risposta ai programmi della Corea del Nord in materia di nucleare, di armi nucleari, di altre armi di distruzione di massa e di missili balistici. IL BLOCCO DEL THAAD ha visto – naturalmente – anche una reazione cinese. Tutti gli analisti hanno interpretato la decisione di Seul come un «favore» proprio alla Cina. Pechino aveva impostato tutti i suoi avvicinamenti a Pyongyang, sottolineando sempre come una soluzione non poteva che essere generale, prevedendo dunque un disimpegno nucleare da parte della Corea del Nord, unitamente alla rinuncia del dispiegamento del Thaad da parte degli Usa in Corea del Sud. Per questo ieri Pechino ha reagito ribadendo la sua posizione: il Thaad non è un progetto che può andare avanti. Per ora Seul ha bloccato tutto per varie ragioni: intanto perché il governo non era stato avvisato dell’arrivo di quattro nuovi missili intercettori. IL NEO PRESIDENTE MOON ha quindi impedito l’installazione dei nuovi missili, richiedendo inoltre uno studio più generale su utilità del Thaad e il suo impatto ambientale che dovrà svolgersi nell’arco di un anno. Non si tratta dunque del rifiuto completo del sistema di difesa antimissilistico, ma di un intoppo che probabilmente l’amministrazione americana non si aspettava di dover affrontare. Tanto meno ora con Trump impegnato nella lotta per la sua sopravvivenza. SEGUI SUL MANIFESTO di Simone Pieranni



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011