Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Nazioni unite e Fao: tragedia alimentare per guerra e sanzioni
SIRIA. Il World Food Programme dell'Onu insieme alla Red Crescent siriana con i suoi novemila volontari e a 110 Ong locali sono impegnati in Siria a distribuire cibo ai due milioni e mezzo di...



Autoriduciamo le bollette per rispettare il referendum
Tra questo e il prossimo week end, con mobilitazioni diffuse, azioni comunicative e presenza in tutti i territori, il Forum italiano dei movimenti per l'acqua lancerà ufficialmente in tutto il Paese...



L'OUTSIDER CHE CAMBIA TUTTO
Roma, piazza San Pietro, alle 7,06 del pomeriggio. Folla enorme, grida, bandiere. Un cielo cupo, una pioggia fitta e sottile, un delirio di voci e di colori. Poi la pioggia si calma, mentre scende...



Le mille e una notte della coca in versione pulp
«Zero zero zero», l'ultimo libro di Roberto Saviano segue le piste della droga. Ossessionato dal male, lo scrittore compone un mosaico di racconti che è un torneo degli orroriSpesso chi scrive lo ...



De Masi: «Bravissimi a protestare, io toglierei il numero chiuso»
Bastano i prefabbricati, con un computer e un proiettore. Le società più avanzate sono quelle che hanno finanziato la formazione. Il nostro Paese invece è fermo al 13% di laureati. Gli 80 euro?...



Caccia al giornalista Così Grillo si ispira all'arci destra Usa
Ferito dall'intervista di Giovanni Favia a La7, colpito ancora dalle cronache di sabato scorso che hanno registrato una piazza semipiena a Parma nel giorno del suo comizio, Beppe Grillo torna a un...



OBAMA ALLA PROVA
Nel discorso per il secondo mandato il presidente Usa ha lanciato un ambizioso programma. Ma dovrà vedersela con l'ostruzione a oltranza dei repubblicaniLOS ANGELES. Certo è ancora presto per...



Uranio impo­ve­rito: «È certo il nesso tra esposizione e tumori dei soldati»
Una sen­tenza sto­rica quella di mar­tedì emessa, a carico del mini­stero della Difesa, dalla Corte d’appello di Roma in cui viene decre­tata la «ine­qui­vo­ca­bile cer­tezza» del nesso cau­sale tra...



Se il governo è gestito dalle imprese
La frase («non ha il con­senso delle per­sone one­ste») rife­rita dal segre­ta­rio della Fiom al pre­si­dente del con­si­glio non è neces­sa­ria­mente inter­pre­ta­bile come figura di...



Revolucion ciudadana, Correa non si ferma
ECUADOR Eletto presidente per la terza volta. E al primo turno, senza bisogno di ballottaggioCon oltre il 50% più uno delle preferenze, ottiene la maggioranza assoluta in Parlamento. Una svolta per...



Pyongyang: altro lancio di missili. Seul fa un favore a Pechino e blocca il Thaad
Di Manifesto · creato il 09/06/2017 11:15 · vista 97 volte · POLITICA · ITALIA


Crisi coreana. Pechino aveva impostato tutti i suoi avvicinamenti a Pyongyang, sottolineando sempre come una soluzione non poteva che essere generale, prevedendo dunque un disimpegno nucleare da parte della Corea del Nord, unitamente alla rinuncia del dispiegamento del Thaad da parte degli Usa in Corea del Sud Dopo che il neo presidente sud coreano Moon Jae-in aveva sostanzialmente bloccato lo sviluppo del Thaad, il sistema di difesa missilistico piazzato dagli Usa in Corea del sud, Kim Jong-un ha effettuato un altro lancio di missili, in risposta alle recenti nuove sanzioni delle Nazioni unite e in disprezzo di una situazione che dopo la decisione di Seul sembrava volgere al meglio. A QUESTO PUNTO è lecito un po’ per tutti chiedersi a cosa miri Kim, in queste reiterate dimostrazioni di forza e di esuberanza, anche di fronte a uno scenario che pare poter mutare. La scelta di Moon, coerente con quanto detto in campagna elettorale a proposito della possibilità di «dire dei no» a Washington, è chiaramente un segnale molto rilevante nei confronti tanto della Cina quanto della Corea del Nord. DI FRONTE AL NUOVO LANCIO di Pyongyang, però, il neo presidente sud coreano ha nuovamente chiesto una riunione del consiglio di sicurezza dell’Onu. Trump è impegnato in serie questioni interne e non si è fatto sentire, mentre Pechino ha reagito a entrambi gli eventi. A proposito del lancio multiplo di missili anti-nave fatto ieri dalla Corea del Nord, la portavoce del ministero degli esteri cinese Hua Chunying, ha commentato che «nelle attuali circostanze i paesi preoccupati non dovrebbero provocarsi l’un l’altro o fare azioni che facciano salire la tensione. Tutti dovrebbero fare sforzi congiunti e lavorare alla stabilità della regione», aggiungendo che «le risoluzioni Onu vietano lo sviluppo di tecnologie missilistiche e le relative attività». ANCHE IL CONSIGLIO UE si è schierato contro questo genere di attività aggiungendo 14 persone e 4 entità all’elenco delle persone e delle entità soggette a congelamento dei beni e a restrizioni di viaggio, recependo così la risoluzione 2.356 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite. La risoluzione è stata adottata il 2 giugno scorso in risposta alle attività di sviluppo di missili balistici e di armi nucleari in corso in Corea del Nord. Secondo una nota del Consiglio, Pyongyang «ha violato e disatteso in modo flagrante le precedenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite». La decisione del Consiglio porta il numero totale delle persone e delle entità soggette a misure restrittive rispettivamente a 53 e a 46, come inserite in elenco dalle Nazioni unite. La nota precisa inoltre che l’Unione europea sta attuando tutte le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite adottate in risposta ai programmi della Corea del Nord in materia di nucleare, di armi nucleari, di altre armi di distruzione di massa e di missili balistici. IL BLOCCO DEL THAAD ha visto – naturalmente – anche una reazione cinese. Tutti gli analisti hanno interpretato la decisione di Seul come un «favore» proprio alla Cina. Pechino aveva impostato tutti i suoi avvicinamenti a Pyongyang, sottolineando sempre come una soluzione non poteva che essere generale, prevedendo dunque un disimpegno nucleare da parte della Corea del Nord, unitamente alla rinuncia del dispiegamento del Thaad da parte degli Usa in Corea del Sud. Per questo ieri Pechino ha reagito ribadendo la sua posizione: il Thaad non è un progetto che può andare avanti. Per ora Seul ha bloccato tutto per varie ragioni: intanto perché il governo non era stato avvisato dell’arrivo di quattro nuovi missili intercettori. IL NEO PRESIDENTE MOON ha quindi impedito l’installazione dei nuovi missili, richiedendo inoltre uno studio più generale su utilità del Thaad e il suo impatto ambientale che dovrà svolgersi nell’arco di un anno. Non si tratta dunque del rifiuto completo del sistema di difesa antimissilistico, ma di un intoppo che probabilmente l’amministrazione americana non si aspettava di dover affrontare. Tanto meno ora con Trump impegnato nella lotta per la sua sopravvivenza. SEGUI SUL MANIFESTO di Simone Pieranni



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011