Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Grecia, un com­pro­messo «dignitoso»
Alle 7.30 di ieri sera dal Megaro Maxi­mou, sede del governo greco, è arri­vata la buona noti­zia: «Sem­bra ci sia un accordo alla riu­nione dell’Eurogruppo». Il con­te­nuto non era ancora noto,...



Gli ex operai Fiat caricati e inseguiti negli stabilimenti
Dall'Alfa all'omega. Quello che è successo ieri alle portinerie di ciò che resta degli stabilimenti dell'Alfa Romeo di Arese è solo l'ultimo episodio di una lunga storia che fu gloriosa e che invece...



Un erede di Orazio negli Usa anni '50
Nei suoi versi non si accontenta mai del quotidiano, ma lo osserva con incisiva delicatezzaIn una raccolta di ricordi e divagazioni letterarie sulla Riviera ligure, apparsa anni fa e intitolata...



Il commissariato degli orrori
La morte di Alina rivela una gestione gravissima e omertosa della Questura. A casa del capo un altare al Duce, il Mein Kampf e tutti i testi antisemiti  Targa nazi sulla porta: Ufficio epurazioni....



Marchionne mette sotto il governo
IL VERTICE Il gruppo non «ha chiesto soldi per la cassa in deroga»Dopo quasi 6 ore di incontro, un comunicato congiunto che ribadisce in pieno la linea del Lingotto: «Fiat ha confermato la...



Silvio fa il burlesque
Che burlone. E chi se lo aspettava? E invece eccolo lì. Silvio Berlusconi è in piedi di fronte alla gabbia degli imputati. A braccia conserte aspetta che avvocati, giudici e carabinieri preparino le...



La guerra globale delle public relation
BenOld Nell'arco di una settimana i due fondatori di Google, Larry Page e Sergej Brin, hanno svolto un'intensa campagna di pubbliche relazioni. Larry Page ha esposto al settimanale «Business Week» il...



Il primo sciopero dopo Cristo
I lavoratori riprendono a incrociare le braccia: a Torino parte lo stop contro i ritmi imposti da Marchionne, nelle campagne la fermata dei bracciantiSi fermano spontaneamente le ex Meccaniche per...



La favola americana
Ieri la scomparsa dello scrittore. Acclamato autore di fantascienza, ha sempre sostenuto di narrare sogni e incubi del mondo «irreale»«Non sono uno scrittore di fantascienza», diceva di se stesso...



Vicenza. Hit Show, la fiera delle armi aperta ai minori
Si è chiusa ieri la terza edizione della fiera delle armi Hit Show a Vicenza: oltre 400 espositori, «l’eccellenza della produzione Made in Italy accanto ai più famosi marchi internazionali, in...



Pyongyang: altro lancio di missili. Seul fa un favore a Pechino e blocca il Thaad
Di Manifesto · creato il 09/06/2017 11:15 · vista 805 volte · POLITICA · ITALIA


Crisi coreana. Pechino aveva impostato tutti i suoi avvicinamenti a Pyongyang, sottolineando sempre come una soluzione non poteva che essere generale, prevedendo dunque un disimpegno nucleare da parte della Corea del Nord, unitamente alla rinuncia del dispiegamento del Thaad da parte degli Usa in Corea del Sud Dopo che il neo presidente sud coreano Moon Jae-in aveva sostanzialmente bloccato lo sviluppo del Thaad, il sistema di difesa missilistico piazzato dagli Usa in Corea del sud, Kim Jong-un ha effettuato un altro lancio di missili, in risposta alle recenti nuove sanzioni delle Nazioni unite e in disprezzo di una situazione che dopo la decisione di Seul sembrava volgere al meglio. A QUESTO PUNTO è lecito un po’ per tutti chiedersi a cosa miri Kim, in queste reiterate dimostrazioni di forza e di esuberanza, anche di fronte a uno scenario che pare poter mutare. La scelta di Moon, coerente con quanto detto in campagna elettorale a proposito della possibilità di «dire dei no» a Washington, è chiaramente un segnale molto rilevante nei confronti tanto della Cina quanto della Corea del Nord. DI FRONTE AL NUOVO LANCIO di Pyongyang, però, il neo presidente sud coreano ha nuovamente chiesto una riunione del consiglio di sicurezza dell’Onu. Trump è impegnato in serie questioni interne e non si è fatto sentire, mentre Pechino ha reagito a entrambi gli eventi. A proposito del lancio multiplo di missili anti-nave fatto ieri dalla Corea del Nord, la portavoce del ministero degli esteri cinese Hua Chunying, ha commentato che «nelle attuali circostanze i paesi preoccupati non dovrebbero provocarsi l’un l’altro o fare azioni che facciano salire la tensione. Tutti dovrebbero fare sforzi congiunti e lavorare alla stabilità della regione», aggiungendo che «le risoluzioni Onu vietano lo sviluppo di tecnologie missilistiche e le relative attività». ANCHE IL CONSIGLIO UE si è schierato contro questo genere di attività aggiungendo 14 persone e 4 entità all’elenco delle persone e delle entità soggette a congelamento dei beni e a restrizioni di viaggio, recependo così la risoluzione 2.356 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite. La risoluzione è stata adottata il 2 giugno scorso in risposta alle attività di sviluppo di missili balistici e di armi nucleari in corso in Corea del Nord. Secondo una nota del Consiglio, Pyongyang «ha violato e disatteso in modo flagrante le precedenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite». La decisione del Consiglio porta il numero totale delle persone e delle entità soggette a misure restrittive rispettivamente a 53 e a 46, come inserite in elenco dalle Nazioni unite. La nota precisa inoltre che l’Unione europea sta attuando tutte le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite adottate in risposta ai programmi della Corea del Nord in materia di nucleare, di armi nucleari, di altre armi di distruzione di massa e di missili balistici. IL BLOCCO DEL THAAD ha visto – naturalmente – anche una reazione cinese. Tutti gli analisti hanno interpretato la decisione di Seul come un «favore» proprio alla Cina. Pechino aveva impostato tutti i suoi avvicinamenti a Pyongyang, sottolineando sempre come una soluzione non poteva che essere generale, prevedendo dunque un disimpegno nucleare da parte della Corea del Nord, unitamente alla rinuncia del dispiegamento del Thaad da parte degli Usa in Corea del Sud. Per questo ieri Pechino ha reagito ribadendo la sua posizione: il Thaad non è un progetto che può andare avanti. Per ora Seul ha bloccato tutto per varie ragioni: intanto perché il governo non era stato avvisato dell’arrivo di quattro nuovi missili intercettori. IL NEO PRESIDENTE MOON ha quindi impedito l’installazione dei nuovi missili, richiedendo inoltre uno studio più generale su utilità del Thaad e il suo impatto ambientale che dovrà svolgersi nell’arco di un anno. Non si tratta dunque del rifiuto completo del sistema di difesa antimissilistico, ma di un intoppo che probabilmente l’amministrazione americana non si aspettava di dover affrontare. Tanto meno ora con Trump impegnato nella lotta per la sua sopravvivenza. SEGUI SUL MANIFESTO di Simone Pieranni



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011