Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Nazioni unite e Fao: tragedia alimentare per guerra e sanzioni
SIRIA. Il World Food Programme dell'Onu insieme alla Red Crescent siriana con i suoi novemila volontari e a 110 Ong locali sono impegnati in Siria a distribuire cibo ai due milioni e mezzo di...



Autoriduciamo le bollette per rispettare il referendum
Tra questo e il prossimo week end, con mobilitazioni diffuse, azioni comunicative e presenza in tutti i territori, il Forum italiano dei movimenti per l'acqua lancerà ufficialmente in tutto il Paese...



L'OUTSIDER CHE CAMBIA TUTTO
Roma, piazza San Pietro, alle 7,06 del pomeriggio. Folla enorme, grida, bandiere. Un cielo cupo, una pioggia fitta e sottile, un delirio di voci e di colori. Poi la pioggia si calma, mentre scende...



Le mille e una notte della coca in versione pulp
«Zero zero zero», l'ultimo libro di Roberto Saviano segue le piste della droga. Ossessionato dal male, lo scrittore compone un mosaico di racconti che è un torneo degli orroriSpesso chi scrive lo ...



De Masi: «Bravissimi a protestare, io toglierei il numero chiuso»
Bastano i prefabbricati, con un computer e un proiettore. Le società più avanzate sono quelle che hanno finanziato la formazione. Il nostro Paese invece è fermo al 13% di laureati. Gli 80 euro?...



Caccia al giornalista Così Grillo si ispira all'arci destra Usa
Ferito dall'intervista di Giovanni Favia a La7, colpito ancora dalle cronache di sabato scorso che hanno registrato una piazza semipiena a Parma nel giorno del suo comizio, Beppe Grillo torna a un...



OBAMA ALLA PROVA
Nel discorso per il secondo mandato il presidente Usa ha lanciato un ambizioso programma. Ma dovrà vedersela con l'ostruzione a oltranza dei repubblicaniLOS ANGELES. Certo è ancora presto per...



Uranio impo­ve­rito: «È certo il nesso tra esposizione e tumori dei soldati»
Una sen­tenza sto­rica quella di mar­tedì emessa, a carico del mini­stero della Difesa, dalla Corte d’appello di Roma in cui viene decre­tata la «ine­qui­vo­ca­bile cer­tezza» del nesso cau­sale tra...



Se il governo è gestito dalle imprese
La frase («non ha il con­senso delle per­sone one­ste») rife­rita dal segre­ta­rio della Fiom al pre­si­dente del con­si­glio non è neces­sa­ria­mente inter­pre­ta­bile come figura di...



Revolucion ciudadana, Correa non si ferma
ECUADOR Eletto presidente per la terza volta. E al primo turno, senza bisogno di ballottaggioCon oltre il 50% più uno delle preferenze, ottiene la maggioranza assoluta in Parlamento. Una svolta per...



Ucraina, il parlamento vota l’adesione alla Nato, ma ora l’Ue frena
Di Manifesto · creato il 09/06/2017 10:45 · vista 98 volte · POLITICA · ITALIA


KIEV. Ieri mattina la Rada, il parlamento ucraino, con un’ampia maggioranza di 276 voti a favore (il quorum era fissato a 226) ha approvato la richiesta di adesione del paese alla Nato. Nella direttiva presa in esame dal parlamento di Kiev si afferma di «voler prendere tutte le misure per approfondire i legami con l’Alleanza, al fine di adempiere ai criteri per aderire a tale organizzazione». UN PASSO SIMBOLICO ma decisivo al fine di creare una nuova, più avanzata, cortina di ferro tra la Russia e il resto dell’Europa. Tuttavia la strada verso l’adesione all’Alleanza atlantica dell’Ucraina, è tutta meno che in discesa. Intervenendo nel dibattito, la deputata del blocco di Poroshenko Irina Gherashenko, ha affermato che nel 2014 il referendum sull’adesione alla Nato venne messo con nonchalance da parte perché tutti i sondaggi davano in minoranza i fautori del sì al blocco difensivo occidentale. E malgrado sia cresciuto – anche grazie a una propaganda martellante e agli errori di Putin – il sostegno alla guerra nel Donbass anche in regioni orientali tradizionalmente filorusse come Dnepro, Kharkov, Krivoy Rog, ora sono i paesi europei a frenare. Per una serie di motivi, tutti molto seri. In primo luogo gli standard degli eserciti della Nato sono molti alti, e per adeguarsi Kiev dovrebbe mettere mano a un portafoglio che resta tristemente vuoto. Un problema che si potrebbe anche risolvere, visto che il Fondo monetario internazionale deve versare ancora al paese slavo 18 miliardi di dollari di prestiti. Tuttavia, almeno per ora, viste le crescenti tensioni con Trump, gli europei non sembrano avere fretta di aggiungere alla famiglia atlantica un parente povero e che porta in dote solo grattacapi. LA RICHIESTA DI ADESIONE dell’Ucraina potrebbe essere afferrata dai partner europei della Nato come strumento di pressione su Putin per riaprire la partita degli adempimenti agli accordi di Minsk. Il Cremlino ha reagito con durezza alla decisione della Rada. ll portavoce ufficiale del Cremlino, Dmitry Peskov, ha affermato di osservare con «preoccupazione al processo di espansione della Nato verso i nostri confini. Crediamo che ciò minacci la nostra sicurezza e gli equilibri nella regione eurasiatica. La Russia, quindi, prenderà tutte le misure necessarie per riequilibrare la situazione e proteggere i propri interessi e la propria sicurezza». E non senza una punta di sarcasmo, Peskov ha sottolineato che sarebbe sorprendente se Bruxelles accettasse l’adesione «di un paese in cui sono in corso una guerra civile e delle dispute territoriali». LA CLAMOROSA DECISIONE di Kiev conclude una settimana di escalation nella guerra dei nervi tra i due paesi ex-sovietici. Nei giorni scorsi il ministero dei trasporti ucraino ha preannunciato l’interruzione dei collegamenti ferroviari con la Russia (che fa seguito alle analoghe misure per i voli aerei di 2 anni fa), ma soprattutto il governo ucraino ha confermato la volontà di reintrodurre del regime dei visti tra i due paesi. Una misura che allenterebbe ancora più di quanto non lo siano già i legami tra Ucraina e Russia, mettendo purtroppo a rischio le condizioni di vita di oltre due milioni di migranti ucraini in Russia (un esercito di forza lavoro composto soprattutto da badanti e baby sitters) che verrebbero a trovarsi improvvisamente in condizione di illegalità. Intanto, anche la «guerra calda» prosegue sottotraccia. Ieri le milizie delle Repubbliche popolari hanno annunciato di aver ucciso 11 soldati ucraini non lontano da Donetsk dopo un intenso scontro a fuoco. SEGUI SUL MANIFESTO di Yurii Colombo



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011