Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Grecia, un com­pro­messo «dignitoso»
Alle 7.30 di ieri sera dal Megaro Maxi­mou, sede del governo greco, è arri­vata la buona noti­zia: «Sem­bra ci sia un accordo alla riu­nione dell’Eurogruppo». Il con­te­nuto non era ancora noto,...



Gli ex operai Fiat caricati e inseguiti negli stabilimenti
Dall'Alfa all'omega. Quello che è successo ieri alle portinerie di ciò che resta degli stabilimenti dell'Alfa Romeo di Arese è solo l'ultimo episodio di una lunga storia che fu gloriosa e che invece...



Un erede di Orazio negli Usa anni '50
Nei suoi versi non si accontenta mai del quotidiano, ma lo osserva con incisiva delicatezzaIn una raccolta di ricordi e divagazioni letterarie sulla Riviera ligure, apparsa anni fa e intitolata...



Il commissariato degli orrori
La morte di Alina rivela una gestione gravissima e omertosa della Questura. A casa del capo un altare al Duce, il Mein Kampf e tutti i testi antisemiti  Targa nazi sulla porta: Ufficio epurazioni....



Marchionne mette sotto il governo
IL VERTICE Il gruppo non «ha chiesto soldi per la cassa in deroga»Dopo quasi 6 ore di incontro, un comunicato congiunto che ribadisce in pieno la linea del Lingotto: «Fiat ha confermato la...



Silvio fa il burlesque
Che burlone. E chi se lo aspettava? E invece eccolo lì. Silvio Berlusconi è in piedi di fronte alla gabbia degli imputati. A braccia conserte aspetta che avvocati, giudici e carabinieri preparino le...



La guerra globale delle public relation
BenOld Nell'arco di una settimana i due fondatori di Google, Larry Page e Sergej Brin, hanno svolto un'intensa campagna di pubbliche relazioni. Larry Page ha esposto al settimanale «Business Week» il...



Il primo sciopero dopo Cristo
I lavoratori riprendono a incrociare le braccia: a Torino parte lo stop contro i ritmi imposti da Marchionne, nelle campagne la fermata dei bracciantiSi fermano spontaneamente le ex Meccaniche per...



La favola americana
Ieri la scomparsa dello scrittore. Acclamato autore di fantascienza, ha sempre sostenuto di narrare sogni e incubi del mondo «irreale»«Non sono uno scrittore di fantascienza», diceva di se stesso...



Vicenza. Hit Show, la fiera delle armi aperta ai minori
Si è chiusa ieri la terza edizione della fiera delle armi Hit Show a Vicenza: oltre 400 espositori, «l’eccellenza della produzione Made in Italy accanto ai più famosi marchi internazionali, in...



Ucraina, il parlamento vota l’adesione alla Nato, ma ora l’Ue frena
Di Manifesto · creato il 09/06/2017 10:45 · vista 814 volte · POLITICA · ITALIA


KIEV. Ieri mattina la Rada, il parlamento ucraino, con un’ampia maggioranza di 276 voti a favore (il quorum era fissato a 226) ha approvato la richiesta di adesione del paese alla Nato. Nella direttiva presa in esame dal parlamento di Kiev si afferma di «voler prendere tutte le misure per approfondire i legami con l’Alleanza, al fine di adempiere ai criteri per aderire a tale organizzazione». UN PASSO SIMBOLICO ma decisivo al fine di creare una nuova, più avanzata, cortina di ferro tra la Russia e il resto dell’Europa. Tuttavia la strada verso l’adesione all’Alleanza atlantica dell’Ucraina, è tutta meno che in discesa. Intervenendo nel dibattito, la deputata del blocco di Poroshenko Irina Gherashenko, ha affermato che nel 2014 il referendum sull’adesione alla Nato venne messo con nonchalance da parte perché tutti i sondaggi davano in minoranza i fautori del sì al blocco difensivo occidentale. E malgrado sia cresciuto – anche grazie a una propaganda martellante e agli errori di Putin – il sostegno alla guerra nel Donbass anche in regioni orientali tradizionalmente filorusse come Dnepro, Kharkov, Krivoy Rog, ora sono i paesi europei a frenare. Per una serie di motivi, tutti molto seri. In primo luogo gli standard degli eserciti della Nato sono molti alti, e per adeguarsi Kiev dovrebbe mettere mano a un portafoglio che resta tristemente vuoto. Un problema che si potrebbe anche risolvere, visto che il Fondo monetario internazionale deve versare ancora al paese slavo 18 miliardi di dollari di prestiti. Tuttavia, almeno per ora, viste le crescenti tensioni con Trump, gli europei non sembrano avere fretta di aggiungere alla famiglia atlantica un parente povero e che porta in dote solo grattacapi. LA RICHIESTA DI ADESIONE dell’Ucraina potrebbe essere afferrata dai partner europei della Nato come strumento di pressione su Putin per riaprire la partita degli adempimenti agli accordi di Minsk. Il Cremlino ha reagito con durezza alla decisione della Rada. ll portavoce ufficiale del Cremlino, Dmitry Peskov, ha affermato di osservare con «preoccupazione al processo di espansione della Nato verso i nostri confini. Crediamo che ciò minacci la nostra sicurezza e gli equilibri nella regione eurasiatica. La Russia, quindi, prenderà tutte le misure necessarie per riequilibrare la situazione e proteggere i propri interessi e la propria sicurezza». E non senza una punta di sarcasmo, Peskov ha sottolineato che sarebbe sorprendente se Bruxelles accettasse l’adesione «di un paese in cui sono in corso una guerra civile e delle dispute territoriali». LA CLAMOROSA DECISIONE di Kiev conclude una settimana di escalation nella guerra dei nervi tra i due paesi ex-sovietici. Nei giorni scorsi il ministero dei trasporti ucraino ha preannunciato l’interruzione dei collegamenti ferroviari con la Russia (che fa seguito alle analoghe misure per i voli aerei di 2 anni fa), ma soprattutto il governo ucraino ha confermato la volontà di reintrodurre del regime dei visti tra i due paesi. Una misura che allenterebbe ancora più di quanto non lo siano già i legami tra Ucraina e Russia, mettendo purtroppo a rischio le condizioni di vita di oltre due milioni di migranti ucraini in Russia (un esercito di forza lavoro composto soprattutto da badanti e baby sitters) che verrebbero a trovarsi improvvisamente in condizione di illegalità. Intanto, anche la «guerra calda» prosegue sottotraccia. Ieri le milizie delle Repubbliche popolari hanno annunciato di aver ucciso 11 soldati ucraini non lontano da Donetsk dopo un intenso scontro a fuoco. SEGUI SUL MANIFESTO di Yurii Colombo



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011