Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Un premier che marcia spedito verso l’800
È evi­dente che, con i decreti attua­tivi della fami­ge­rata carta di espro­pria­zione dei diritti deno­mi­nato Jobs Act, la Costi­tu­zione non è più la stessa. La prima parte, quella dei valori...



Angela Merkel. Una candidatura alla prova dell’Europa
Se vi è una costante, saldamente radicata nella mentalità e nell’opinione dei cittadini tedeschi, questa è il timore delle avventure politiche. I lunghi cancellierati di Adenauer e Kohl ne sono...



Il voto olandese spaventa l’Unione europea
Per l’Europa è il calcio d’inizio di una partita dall’esito incerto. Domani l’Olanda va alle urne e il risultato del voto potrebbe condizionare pesantemente il futuro stesso dell’Unione europea....



Londra, scintille alla manifestazione di Anonymous
Nel 2011 erano cin­quanta per­sone, nel 2012 più di due­mila e ieri più di quat­tro­mila. Non il milione vagheg­giato: ma la mani­fe­sta­zione orga­niz­zata da Anonymous davanti ai palazzi del potere...



Finale Emilia, la memoria storica in calcinacci
Non sappiamo se gli altari del giovane Guercino o quelli di Marcantonio Franceschini, abbiano subito danniL'angoscia che ti prende all'istante mentre dalla stanza accanto arriva un urlo e hai già...



I mille volti dello sciopero sociale, oggi prove generali di coalizione
L’ambizione dello scio­pero sociale, orga­niz­zato oggi in ven­ti­cin­que città dai sin­da­cati di base (Cobas, Usb Cub e Adl Cobas), dai cen­tri sociali, dagli stu­denti (Rete della Cono­scenza)...



Sel e Rivoluzione civile, le radici della divisione
Tra le due forze ci sono numerosi obiettivi condivisi. A partire da quello di poter avere come interlocutore in Parlamento una forza a sinistra. E di non consegnare l'Italia a Berlusconi o Monti ...



Contro il muro della differenza
Palestina La barriera di separazione di 700 km che Tel Aviv ha voluto in Cisgiordania è quasi ultimata. E il tracciato coincide con i piani israeliani sui confini futuri. A cosa sono serviti 10...



Le comiche del Settecento
Il primo volume dell'edizione completa delle opere dell'autore veneziano, uno dei maggiori esponenti della commedia dell'arteIl ritrovamento dell'archivio personale di uno scrittore di teatro del...



In Francia 1,2 miliardi l'anno di fondi pubblici alla stampa
Crisi / UN RAPPORTO DEL PARLAMENTO AFFONDA IL SOSTEGNO AI GRANDI GRUPPIPARIGI. I quotidiani in Francia sono in difficoltà: oggi hanno in tutto 7,8 milioni di lettori ma qui la stampa regionale è...



Unhcr: «200 mila migranti in arrivo entro l’anno. Occorre supporto della UE»
Di Manifesto · creato il 09/06/2017 10:15 · vista 511 volte · POLITICA · ITALIA


«Entro fine anno ci aspettiamo un numero di arrivi complessivi di circa 200 mila persone. A oggi sono stati già accolti 180 mila. Se non funzionerà effettivamente un supporto da parte di altri Paesi europei, per l’Italia si prospetta una via in salita». Carlotta Sami, portavoce dell’agenzia Onu per i Rifugiati per il Sud Europa, ha ricordato che l’Italia è sotto pressione per il numero di arrivi, cresciuti in media negli ultimi 3 anni del 20% l’anno. La cooperazione europea sull’accoglienza è fondamentale. Sami sostiene la necessità di «intervenire anche nei paesi di origine». L’Unhcr sta gestendo un piano d’azione in Libia e Niger. «Stiamo facendo tutto il possibile – sostiene Sami – In Libia stiamo incrementando le nostre attività e speriamo di entrare con più personale internazionale«. I centri di detenzione libici »devono essere aperti e vanno migliorate le condizioni interne«. Ci sono circa «300 mila sfollati libici che vivono in condizioni difficilissime e 40 mila rifugiati di cui si parla pochissimo. Di questi «20 mila sono siriani». Bisogna «lavorare nei punti di sbarco e nel Sud della Libia con centri di assistenza», ma «la sicurezza sul terreno va migliorata». Ieri al museo Maxxi di Roma Sami ha presentato la giornata mondiale del rifugiato prevista il prossimo 20 giugno e si è soffermata sulle ragioni delle migrazioni. «La violenza e il terrorismo sono proprio i due aspetti da cui fuggono i rifugiati perché hanno paura e cercano sicurezza – ha detto – sarebbe davvero paradossale imputare proprio a loro l’accusa di alimentare il terrorismo». «L’approvazione in Parlamento, prima della fine della legislatura, della legge sulla cittadinanza in base allo “ius soli” è uno dei tasselli più importanti per favorire l’integrazione – ha aggiunto – Ogni giorno, nelle scuole dei nostri bambini, vediamo e verifichiamo che quelli che i nostri figli considerano italiani come loro a tutti gli effetti non possiedono ancora dei documenti che lo attestano da un punto di vista amministrativo, con tutti i diritti e le tutele che ne conseguono». L’agenzia Onu per i rifugiati ha lanciato la campagna #WithRefugees per «mettere insieme chi scappa e chi accoglie». Il 18 giugno allo Stadio Tre Fontane di Roma, Unhcr organizza un’amichevole tra una squadra di stelle del calcio e dello spettacolo e la Liberi Nantes, una squadra di richiedenti asilo e rifugiati. Dal 16 al 29 giugno è previsto il Refugee Food Festival con quattro tappe, organizzate insieme a Eataly. Dal 20 al 25 Il Maxxi ospiterà un’installazione “S.O.S. – Save Our Souls” di Achilleas Souras, un progetto per recuperare i giubbotti di salvataggio usati da rifugiati e migranti durante le traversate del Mediterraneo e trasformarli in igloo-rifugio. Con la rete Sprar (sistema di protezione per i richiedenti asilo e rifugiati), Arci, Caritas e Centro Astalli Unhcr promuove anche una giornata di «porte aperte nei centri di accoglienza». SEGUI SUL MANIFESTO di Mario Pierro



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011