Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Nazioni unite e Fao: tragedia alimentare per guerra e sanzioni
SIRIA. Il World Food Programme dell'Onu insieme alla Red Crescent siriana con i suoi novemila volontari e a 110 Ong locali sono impegnati in Siria a distribuire cibo ai due milioni e mezzo di...



Autoriduciamo le bollette per rispettare il referendum
Tra questo e il prossimo week end, con mobilitazioni diffuse, azioni comunicative e presenza in tutti i territori, il Forum italiano dei movimenti per l'acqua lancerà ufficialmente in tutto il Paese...



L'OUTSIDER CHE CAMBIA TUTTO
Roma, piazza San Pietro, alle 7,06 del pomeriggio. Folla enorme, grida, bandiere. Un cielo cupo, una pioggia fitta e sottile, un delirio di voci e di colori. Poi la pioggia si calma, mentre scende...



Le mille e una notte della coca in versione pulp
«Zero zero zero», l'ultimo libro di Roberto Saviano segue le piste della droga. Ossessionato dal male, lo scrittore compone un mosaico di racconti che è un torneo degli orroriSpesso chi scrive lo ...



De Masi: «Bravissimi a protestare, io toglierei il numero chiuso»
Bastano i prefabbricati, con un computer e un proiettore. Le società più avanzate sono quelle che hanno finanziato la formazione. Il nostro Paese invece è fermo al 13% di laureati. Gli 80 euro?...



Caccia al giornalista Così Grillo si ispira all'arci destra Usa
Ferito dall'intervista di Giovanni Favia a La7, colpito ancora dalle cronache di sabato scorso che hanno registrato una piazza semipiena a Parma nel giorno del suo comizio, Beppe Grillo torna a un...



OBAMA ALLA PROVA
Nel discorso per il secondo mandato il presidente Usa ha lanciato un ambizioso programma. Ma dovrà vedersela con l'ostruzione a oltranza dei repubblicaniLOS ANGELES. Certo è ancora presto per...



Uranio impo­ve­rito: «È certo il nesso tra esposizione e tumori dei soldati»
Una sen­tenza sto­rica quella di mar­tedì emessa, a carico del mini­stero della Difesa, dalla Corte d’appello di Roma in cui viene decre­tata la «ine­qui­vo­ca­bile cer­tezza» del nesso cau­sale tra...



Se il governo è gestito dalle imprese
La frase («non ha il con­senso delle per­sone one­ste») rife­rita dal segre­ta­rio della Fiom al pre­si­dente del con­si­glio non è neces­sa­ria­mente inter­pre­ta­bile come figura di...



Revolucion ciudadana, Correa non si ferma
ECUADOR Eletto presidente per la terza volta. E al primo turno, senza bisogno di ballottaggioCon oltre il 50% più uno delle preferenze, ottiene la maggioranza assoluta in Parlamento. Una svolta per...



Unhcr: «200 mila migranti in arrivo entro l’anno. Occorre supporto della UE»
Di Manifesto · creato il 09/06/2017 10:15 · vista 106 volte · POLITICA · ITALIA


«Entro fine anno ci aspettiamo un numero di arrivi complessivi di circa 200 mila persone. A oggi sono stati già accolti 180 mila. Se non funzionerà effettivamente un supporto da parte di altri Paesi europei, per l’Italia si prospetta una via in salita». Carlotta Sami, portavoce dell’agenzia Onu per i Rifugiati per il Sud Europa, ha ricordato che l’Italia è sotto pressione per il numero di arrivi, cresciuti in media negli ultimi 3 anni del 20% l’anno. La cooperazione europea sull’accoglienza è fondamentale. Sami sostiene la necessità di «intervenire anche nei paesi di origine». L’Unhcr sta gestendo un piano d’azione in Libia e Niger. «Stiamo facendo tutto il possibile – sostiene Sami – In Libia stiamo incrementando le nostre attività e speriamo di entrare con più personale internazionale«. I centri di detenzione libici »devono essere aperti e vanno migliorate le condizioni interne«. Ci sono circa «300 mila sfollati libici che vivono in condizioni difficilissime e 40 mila rifugiati di cui si parla pochissimo. Di questi «20 mila sono siriani». Bisogna «lavorare nei punti di sbarco e nel Sud della Libia con centri di assistenza», ma «la sicurezza sul terreno va migliorata». Ieri al museo Maxxi di Roma Sami ha presentato la giornata mondiale del rifugiato prevista il prossimo 20 giugno e si è soffermata sulle ragioni delle migrazioni. «La violenza e il terrorismo sono proprio i due aspetti da cui fuggono i rifugiati perché hanno paura e cercano sicurezza – ha detto – sarebbe davvero paradossale imputare proprio a loro l’accusa di alimentare il terrorismo». «L’approvazione in Parlamento, prima della fine della legislatura, della legge sulla cittadinanza in base allo “ius soli” è uno dei tasselli più importanti per favorire l’integrazione – ha aggiunto – Ogni giorno, nelle scuole dei nostri bambini, vediamo e verifichiamo che quelli che i nostri figli considerano italiani come loro a tutti gli effetti non possiedono ancora dei documenti che lo attestano da un punto di vista amministrativo, con tutti i diritti e le tutele che ne conseguono». L’agenzia Onu per i rifugiati ha lanciato la campagna #WithRefugees per «mettere insieme chi scappa e chi accoglie». Il 18 giugno allo Stadio Tre Fontane di Roma, Unhcr organizza un’amichevole tra una squadra di stelle del calcio e dello spettacolo e la Liberi Nantes, una squadra di richiedenti asilo e rifugiati. Dal 16 al 29 giugno è previsto il Refugee Food Festival con quattro tappe, organizzate insieme a Eataly. Dal 20 al 25 Il Maxxi ospiterà un’installazione “S.O.S. – Save Our Souls” di Achilleas Souras, un progetto per recuperare i giubbotti di salvataggio usati da rifugiati e migranti durante le traversate del Mediterraneo e trasformarli in igloo-rifugio. Con la rete Sprar (sistema di protezione per i richiedenti asilo e rifugiati), Arci, Caritas e Centro Astalli Unhcr promuove anche una giornata di «porte aperte nei centri di accoglienza». SEGUI SUL MANIFESTO di Mario Pierro



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011