Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Grillo e la scrofa. Alza i toni eprende il centro della scena
Dopo aver definito i sostenitori del Sì al referendum come «i serial killer dei nostri figli», Beppe Grillo ieri ha alzato la posta e si è lanciato in un’allegoria destinata a lasciare il segno:...



Sull'art. 18 si abbatte la fiducia
Il governo impone l'«aut aut» sul ddl Fornero e il Senato dice sì. A larga maggioranza Contrarie Cgil e Fiom, che scendono in piazza. No di Idv e sinistra: unica risorsa i volantiniIl ddl lavoro...



Grande attesa a mani disgiunte
LOMBARDIA Cresce l'ansia per il risultato in bilico tra il possibile exploit grillino e la caccia spasmodica al voto utileMatteo Renzi sale a Milano per sostenere Ambrosoli e fa appello anche a...



Così la scuola ha vinto tre volte
BOLOGNA Il referendum ha rilanciato l'art. 33 della CostituzioneLa vittoria conseguita dal comitato referendario della città di Bologna è netta. Il 59% dei votanti contro il 37%, scegliendo...



Manovra elettorale da 26,5 miliardi. Piatto forte per le imprese
«Questa è una sede istituzionale, quindi non parlerò di referendum», spiega il presidente del consiglio Matteo Renzi illustrando in conferenza stampa a Palazzo Chigi la legge di Bilancio 2017. Ma in...



Vendola: «Torniamo alla civiltà del lavoro»
Capodarco/ IL FORUM ANTI-CERNOBBIO DI SBILANCIAMOCI! Oltre 400 persone hanno accolto il presidente della regione Puglia Nichi Vendola al X Forum di Sbilanciamoci! in corso a Capodarco...



Balena gialla il ritorno
Il Giappone torna a votare: il premier Noda scioglie la Camera e convoca elezioni anticipate. Liberaldemocratici ed estrema destra favoriti. E la Confidustria esulta: scelta antinucleare a...



Codice identificativo, la trasparenza fa paura
SOPRA LA DIVISA LEGGE SUL RICONOSCIMENTO DEGLI AGENTIIl Pd rompe il fronte del no. Andrea Orlando: «Si discuta con i sindacati, riforma necessaria»Promettono indagini serie e «rigorose» sul...



Le mappe cinesi di un potere imperiale
Può una nazione entrata nell’era «dell’ambizione» – una tra le tante epo­che della sua mil­le­na­ria sto­ria — svi­lup­parsi in modo paci­fico, senza entrare in con­tra­sto con altri paesi nella sua...



Povertà, l’Italia ha rinunciato a combatterla
Domani, 17 ottobre, è la giornata mondiale per l’eliminazione della povertà, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite. Povertà e disuguaglianze sono oggi i principali problemi del nostro Paese e del...



Regno Unito: cresce Corbyn, May è senza maggioranza. Parlamento bloccato
Di Manifesto · creato il 09/06/2017 09:45 · vista 223 volte · POLITICA · ITALIA


LONDRA. Al momento della chiusura delle urne, alle 23 di ieri sera ora italiana, gli exit poll commissionati da Bbc, Sky e Itv prefigurano quanto segue: dalle 30.450 dichiarazioni di voto emergerebbe una tellurica batosta per Theresa May, la premier, un parlamento «appeso» in cui non c’è la maggioranza assoluta necessaria di 326 seggi e la possibilità – non del tutto remota – di un’altra elezione non troppo distante nel futuro. SU UNA TOTALITÀ DI 650 SEGGI , tanti sono quelli della Camera dei Comuni, i Tories si ritrovano con 314 seggi, (– 17) da 331 pur rimanendo il maggiore partito. Ma il Labour di Corbyn cresce di 34 seggi arrivando a 266, confermando la leadership trascinante sfoderata da Corbyn nella sua esemplare campagna elettorale, con 266 seggi (+ 34). Il Snp, i nazionalisti scozzesi che nel 2015 aveva conquistato tutta la Scozia si ritrova ridimensionato probabilmente per un’incursione dei Tories che proprio in Scozia erano un animale raro: Snp 34 (- 22). I Libdem dello sbiadito Farron salgono di sei seggi a 14. Seguono i gallesi del Plaid Cymru invariati a 3 seggi, i Verdi a 1, sparisce l’unico seggio dell’Ukip 0 (-1) e Altri a 0. Sono risultati che, al momento di scrivere, vanno presi con delle molle meticolosamente impugnate coi guanti: ma sembrano confermare i sondaggi meno favorevoli nei confronti della campagna di Theresa May, che ha voluto a tutti i costi queste elezioni. Tenendo dunque presente che lo spoglio finisce alle quattro di stamattina (ora italiana), e che le cose potrebbero comunque imboccare altre direzioni. Anche perché, stando alle immediate reazioni degli addetti ai lavori di ambedue i maggiori partiti, questi exit poll non rispecchiano affatto le loro proiezioni. Tuttavia, a voler analizzare quello che abbiamo davanti, emerge quanto segue. THERESA MAY , che nella migliore delle ipotesi consentite da questi dati finirebbe con una maggioranza ancora più esigua, ha perso la scommessa, ha inflitto al paese una elezione inutile. JEREMY CORBYN , invece, ha potuto cementare la sua posizione alla leadership, reintroducendo nel lessico politico idee e programmi socialisti che erano stati espunti dalla dialettica politica nazionale. Si aprirebbe così uno scenario possibile di coalizione Labour/Snp (i Libdem ci hanno già provato nel 2010 con i Tories e sappiamo com’e finita). A meno che stamattina non ci si risvegli con un quadro capovolto, queste elezioni appaiono convocate per un opportunismo politico in un periodo i cui non c’era affatto desiderio di tornare alle urne a due anni appena di legislatura e Theresa May le ha perse pur vincendole. QUESTO DATO APRE LA PORTA a una negoziazione con Bruxelles (i colloqui cominciano fra una decina di giorni). Al momento la sterlina scende rispetto al dollaro e all’euro, fatto che rimbalza nella prima pagina del Financial Times (la cui posizione anti Brexit ha allontanato da May dopo la svolta euroscettica imboccata dalla premier). Insomma, se tutto questo sarà confermato, si tratta di una scommessa perduta per May, che ha imposto al paese queste elezioni – convocate dopo aver detto che non lo avrebbe fatto – combattute male in una campagna sciatta e irta di errori e vinte inutilmente nel nome della Brexit. Un appuntamento elettorale che potrebbe finire per «indebolire la mano» della premier e produrre un esito assai più soft di quanto minacciato dalla sua retorica patriottarda. SEGUI SUL MANIFESTO di Leonardo Clausi



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011