Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Un premier che marcia spedito verso l’800
È evi­dente che, con i decreti attua­tivi della fami­ge­rata carta di espro­pria­zione dei diritti deno­mi­nato Jobs Act, la Costi­tu­zione non è più la stessa. La prima parte, quella dei valori...



Angela Merkel. Una candidatura alla prova dell’Europa
Se vi è una costante, saldamente radicata nella mentalità e nell’opinione dei cittadini tedeschi, questa è il timore delle avventure politiche. I lunghi cancellierati di Adenauer e Kohl ne sono...



Il voto olandese spaventa l’Unione europea
Per l’Europa è il calcio d’inizio di una partita dall’esito incerto. Domani l’Olanda va alle urne e il risultato del voto potrebbe condizionare pesantemente il futuro stesso dell’Unione europea....



Londra, scintille alla manifestazione di Anonymous
Nel 2011 erano cin­quanta per­sone, nel 2012 più di due­mila e ieri più di quat­tro­mila. Non il milione vagheg­giato: ma la mani­fe­sta­zione orga­niz­zata da Anonymous davanti ai palazzi del potere...



Finale Emilia, la memoria storica in calcinacci
Non sappiamo se gli altari del giovane Guercino o quelli di Marcantonio Franceschini, abbiano subito danniL'angoscia che ti prende all'istante mentre dalla stanza accanto arriva un urlo e hai già...



I mille volti dello sciopero sociale, oggi prove generali di coalizione
L’ambizione dello scio­pero sociale, orga­niz­zato oggi in ven­ti­cin­que città dai sin­da­cati di base (Cobas, Usb Cub e Adl Cobas), dai cen­tri sociali, dagli stu­denti (Rete della Cono­scenza)...



Sel e Rivoluzione civile, le radici della divisione
Tra le due forze ci sono numerosi obiettivi condivisi. A partire da quello di poter avere come interlocutore in Parlamento una forza a sinistra. E di non consegnare l'Italia a Berlusconi o Monti ...



Contro il muro della differenza
Palestina La barriera di separazione di 700 km che Tel Aviv ha voluto in Cisgiordania è quasi ultimata. E il tracciato coincide con i piani israeliani sui confini futuri. A cosa sono serviti 10...



Le comiche del Settecento
Il primo volume dell'edizione completa delle opere dell'autore veneziano, uno dei maggiori esponenti della commedia dell'arteIl ritrovamento dell'archivio personale di uno scrittore di teatro del...



In Francia 1,2 miliardi l'anno di fondi pubblici alla stampa
Crisi / UN RAPPORTO DEL PARLAMENTO AFFONDA IL SOSTEGNO AI GRANDI GRUPPIPARIGI. I quotidiani in Francia sono in difficoltà: oggi hanno in tutto 7,8 milioni di lettori ma qui la stampa regionale è...



Regno Unito: cresce Corbyn, May è senza maggioranza. Parlamento bloccato
Di Manifesto · creato il 09/06/2017 09:45 · vista 501 volte · POLITICA · ITALIA


LONDRA. Al momento della chiusura delle urne, alle 23 di ieri sera ora italiana, gli exit poll commissionati da Bbc, Sky e Itv prefigurano quanto segue: dalle 30.450 dichiarazioni di voto emergerebbe una tellurica batosta per Theresa May, la premier, un parlamento «appeso» in cui non c’è la maggioranza assoluta necessaria di 326 seggi e la possibilità – non del tutto remota – di un’altra elezione non troppo distante nel futuro. SU UNA TOTALITÀ DI 650 SEGGI , tanti sono quelli della Camera dei Comuni, i Tories si ritrovano con 314 seggi, (– 17) da 331 pur rimanendo il maggiore partito. Ma il Labour di Corbyn cresce di 34 seggi arrivando a 266, confermando la leadership trascinante sfoderata da Corbyn nella sua esemplare campagna elettorale, con 266 seggi (+ 34). Il Snp, i nazionalisti scozzesi che nel 2015 aveva conquistato tutta la Scozia si ritrova ridimensionato probabilmente per un’incursione dei Tories che proprio in Scozia erano un animale raro: Snp 34 (- 22). I Libdem dello sbiadito Farron salgono di sei seggi a 14. Seguono i gallesi del Plaid Cymru invariati a 3 seggi, i Verdi a 1, sparisce l’unico seggio dell’Ukip 0 (-1) e Altri a 0. Sono risultati che, al momento di scrivere, vanno presi con delle molle meticolosamente impugnate coi guanti: ma sembrano confermare i sondaggi meno favorevoli nei confronti della campagna di Theresa May, che ha voluto a tutti i costi queste elezioni. Tenendo dunque presente che lo spoglio finisce alle quattro di stamattina (ora italiana), e che le cose potrebbero comunque imboccare altre direzioni. Anche perché, stando alle immediate reazioni degli addetti ai lavori di ambedue i maggiori partiti, questi exit poll non rispecchiano affatto le loro proiezioni. Tuttavia, a voler analizzare quello che abbiamo davanti, emerge quanto segue. THERESA MAY , che nella migliore delle ipotesi consentite da questi dati finirebbe con una maggioranza ancora più esigua, ha perso la scommessa, ha inflitto al paese una elezione inutile. JEREMY CORBYN , invece, ha potuto cementare la sua posizione alla leadership, reintroducendo nel lessico politico idee e programmi socialisti che erano stati espunti dalla dialettica politica nazionale. Si aprirebbe così uno scenario possibile di coalizione Labour/Snp (i Libdem ci hanno già provato nel 2010 con i Tories e sappiamo com’e finita). A meno che stamattina non ci si risvegli con un quadro capovolto, queste elezioni appaiono convocate per un opportunismo politico in un periodo i cui non c’era affatto desiderio di tornare alle urne a due anni appena di legislatura e Theresa May le ha perse pur vincendole. QUESTO DATO APRE LA PORTA a una negoziazione con Bruxelles (i colloqui cominciano fra una decina di giorni). Al momento la sterlina scende rispetto al dollaro e all’euro, fatto che rimbalza nella prima pagina del Financial Times (la cui posizione anti Brexit ha allontanato da May dopo la svolta euroscettica imboccata dalla premier). Insomma, se tutto questo sarà confermato, si tratta di una scommessa perduta per May, che ha imposto al paese queste elezioni – convocate dopo aver detto che non lo avrebbe fatto – combattute male in una campagna sciatta e irta di errori e vinte inutilmente nel nome della Brexit. Un appuntamento elettorale che potrebbe finire per «indebolire la mano» della premier e produrre un esito assai più soft di quanto minacciato dalla sua retorica patriottarda. SEGUI SUL MANIFESTO di Leonardo Clausi



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011