Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Ricordare ma che cosa?
Per la prima volta Per la prima volta la Farnesina ha organizzato un convegno sulla dittatura argentina Meglio tardi che mai. Ieri il Ministero degli esteri (Mae) ha organizzato alla Farnesina un...



Dopo gli esodati, arriva il disastro sulle partite Iva
Dopo il disastro sugli esodati, è arrivato il turno delle partite Iva. L'ex ministro del Welfare Elsa Fornero aveva puntato una buona parte delle sue fiches sulla roulette dei «giovani» ...



IL POPOLO COME PLEBE
Renata Polverini vinse le elezioni regionali nel Lazio grazie al voto di quelle province che hanno spedito in Consiglio regionale i vari Fiorito, Battistoni, Abruzzese, De Romanis. Gli stessi...



«Yo soy 132», l'irruzione di un movimento contro il potere di un caudillo populista
Una scadenza elettorale in cui è in gioco la democrazia del paeseCome un fatto del tutto inaspettato, l'irruzione di un nuovo movimento giovanile ha trasformato il panorama delle elezioni messicane...



La battaglia di Kisimaio
SOMALIA · L'esercito keniota entra nell'importante città portuale del sudAssalto all'ultima roccaforte urbana dei ribelli islamisti. Le forze dell'Unione africana mettono in fuga gli Shabaab, ma...



Putin canta sempre vittoria
RUSSIA UNITA Nuovo exploit elettorale alle amministrative, ma con il 75% di astensionismoL'opposizione paga l'essere "contro" senza proposte. In Lituania invece il centrosinistra va C'è poco da...



Israele accoglie le salme
«Non in nostro nome»: il premier dell'Anp Fayyad ha respinto con forza l'uso terroristico della causa palestineseGERUSALEMME - In una atmosfera di dolore, mentre in Francia le forze speciali...



La morte di una madre in guerra con il mondo
Angelo Morino, docente di letteratura ispanoamericana e prolifico traduttore, ha creduto tardi al proprio talento narrativo, ma nei suoi ultimi anni ha pubblicato due romanzi, e altri due sono...



Ue-Londra: eserciti schierati in vista del Brexit
Siamo in fase pre-bellica, gli eserciti si schierano: alla premier britannica, Theresa May, che al congresso dei Tories a Birmingham ha abbracciato l’ipotesi di un “hard Brexit”, ieri la cancelliera...



Sì alla lista Ingroia Ma dai fondatori arriva il passo indietro
CAMBIARE SI PUÒE alla fine, dopo le tonnellate di assemblee e iniziative, e poi le polemiche e le rotture, Cambiare si può dice sì alla partecipazione alla lista di Ingroia. Lo ha fatto con una ...



Monti fino al 2013, poi arrivederci
Di Manifesto · creato il 26/02/2012 14:15 · ultima modifica 26/02/2012 15:17 · vista 901 volte · POLITICA · ITALIA


Il dopo Monti non è Monti. Ieri lo ha detto, chiaro come mai, il segretario del Pd Bersani. Fino al 2013 a questo governo il suo partito assicura lealtà e sostegno. Quanto al dopo, invece, «non immagino che si possa andare alle elezioni proponendo eccezionalità. Spero che si possa andare al voto pretendendo una democrazia normale, dove ci siano progetti alternativi». Messaggio chiaro ai suoi democratici. Amici e non. E i non amici, le minoranze veltronian-centriste, non fanno mistero di voler costruire un «partito di Monti» non solo o non tanto per candidare l’attuale premier a succedere a se stesso, quanto per costruire un’area a trazione centrista da presentare unita («federata», dice l’ex Ppi Beppe Fioroni) alla prossima scadenza elettorale, senza l’ala sinistra costituita dagli alleati di Vasto del Pd. Un progetto da realizzare con un’apposita legge elettorale. E che non potrebbe essere guidato dall’attuale leader Pd, fautore di alleanze centriste ma anche garante, fin qui, della coalizione con Idv e Sel. Per questo futuribile caravanserraglio di centro-sinistra-destra ci vorrebbe invece «un federatore», meglio se fintamente tecnico, meglio se ministro di questo governo. E se Monti ripete ormai una volta al dì che non vuole succedere a se stesso (ieri lo ha detto alla Bocconi, annunciano un ritorno al suo ruolo nell’Università «presto»), potrebbe essere il ministro Passera a prendere il suo posto. Un’accelerazine formidabile, in questa direzione, può venire dalla riforma del mercato del lavoro, al cui voto positivo – a prescindere dai contenuti – già si dispone un primo drappello di centristi Pd. Ma Bersani ieri ha tracciato un altra strada, di qui fino al 2013 e soprattutto oltre. Intanto professando incrollabile fede nell’accordo con le parti sociali. «La Cgil non si alzerà dal tavolo perché se fallisce quel tavolo si alzeranno tutti». E poi rivendicando una candidatura alla premiership e al governo del paese, se non ancora per sé almeno per la politica. «Nel 2013 ci sarà consentito di essere una democrazia come le altre, di vedere un sistema politico riformato? Siamo sempre in emergenza o dopo l’emergenza c’è un futuro per questo paese? Lo chiedo per l’Italia, non per il Pd. Poi le figure tecniche sceglieranno, da parte nostra c’è grande apertura: quando candidammo Prodi, lui era un tecnico; quando Ciampi era al governo era un tecnico».



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011