Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Ricordare ma che cosa?
Per la prima volta Per la prima volta la Farnesina ha organizzato un convegno sulla dittatura argentina Meglio tardi che mai. Ieri il Ministero degli esteri (Mae) ha organizzato alla Farnesina un...



Dopo gli esodati, arriva il disastro sulle partite Iva
Dopo il disastro sugli esodati, è arrivato il turno delle partite Iva. L'ex ministro del Welfare Elsa Fornero aveva puntato una buona parte delle sue fiches sulla roulette dei «giovani» ...



IL POPOLO COME PLEBE
Renata Polverini vinse le elezioni regionali nel Lazio grazie al voto di quelle province che hanno spedito in Consiglio regionale i vari Fiorito, Battistoni, Abruzzese, De Romanis. Gli stessi...



«Yo soy 132», l'irruzione di un movimento contro il potere di un caudillo populista
Una scadenza elettorale in cui è in gioco la democrazia del paeseCome un fatto del tutto inaspettato, l'irruzione di un nuovo movimento giovanile ha trasformato il panorama delle elezioni messicane...



La battaglia di Kisimaio
SOMALIA · L'esercito keniota entra nell'importante città portuale del sudAssalto all'ultima roccaforte urbana dei ribelli islamisti. Le forze dell'Unione africana mettono in fuga gli Shabaab, ma...



Putin canta sempre vittoria
RUSSIA UNITA Nuovo exploit elettorale alle amministrative, ma con il 75% di astensionismoL'opposizione paga l'essere "contro" senza proposte. In Lituania invece il centrosinistra va C'è poco da...



Israele accoglie le salme
«Non in nostro nome»: il premier dell'Anp Fayyad ha respinto con forza l'uso terroristico della causa palestineseGERUSALEMME - In una atmosfera di dolore, mentre in Francia le forze speciali...



La morte di una madre in guerra con il mondo
Angelo Morino, docente di letteratura ispanoamericana e prolifico traduttore, ha creduto tardi al proprio talento narrativo, ma nei suoi ultimi anni ha pubblicato due romanzi, e altri due sono...



Ue-Londra: eserciti schierati in vista del Brexit
Siamo in fase pre-bellica, gli eserciti si schierano: alla premier britannica, Theresa May, che al congresso dei Tories a Birmingham ha abbracciato l’ipotesi di un “hard Brexit”, ieri la cancelliera...



Sì alla lista Ingroia Ma dai fondatori arriva il passo indietro
CAMBIARE SI PUÒE alla fine, dopo le tonnellate di assemblee e iniziative, e poi le polemiche e le rotture, Cambiare si può dice sì alla partecipazione alla lista di Ingroia. Lo ha fatto con una ...



La rivolta anti-Usa non si placa
Di Manifesto · creato il 26/02/2012 14:15 · ultima modifica 26/02/2012 15:16 · vista 1046 volte · POLITICA · ITALIA


Dalle piazze e dalle strade di tutto l’Afghanistan, ieri la rabbia è entrata in uno dei luoghi più blindati di Kabul, il ministero degli interni, dove due consiglieri militari americani sono stati uccisi da un afghano, forse un poliziotto. Sono valsi a poco, gli inviti alla calma del presidente Karzai. Mentre le pubbliche scuse del generale John Allen, capo delle truppe Nato in Afghanistan, del segretario alla difesa Usa Leon Panetta e dello stesso Barack Obama sembrano semmai aver alimentato ulteriormente la tensione. Da cinque giorni in ogni angolo del paese si alternano infatti manifestazioni violente contro la profanazione di alcune copie del Corano, trovate bruciate all’inizio della settimana nella base di Bagram, uno dei più importanti nodi logistici della guerra, dove ha sede anche la «Guantanamo afghana», il Parwan Detention Center, la prigione gestita dagli americani al cui interno sono rinchiusi senza accuse formali circa tremila detenuti, di cui a gennaio Karzai ha chiesto il passaggio di responsabilità, dando origine a un complicato braccio di ferro con Washington. La dinamica dei fatti di Kabul non è chiara, ma l’episodio è stato confermato dal portavoce del ministro degli interni, Siddiq Siddiqi, e da quelli del comando Isaf-Nato. L’attacco, a due giorni dall’uccisione di altri due soldati Usa da parte di un militare afghano nella provincia di Nangarhar, è stato fortemente condannato dal generale Allen, che con una misura senza precedenti, esemplare delle forti preoccupazioni degli occidentali, ha immediatamente richiamato tutto il personale Isaf impiegato nei ministeri locali. Anche se per Carsten Jacobson, portavoce delle forze Isaf, non c’è alcuna prova del legame tra l’uccisione dei due americani e le proteste di questi giorni, sul sito ufficiale dell’Emirato islamico d’Afghanistan i Taleban si sono affrettati a rivendicare l’attacco. Parlano di quattro «americani invasori» (non due) uccisi dal «valoroso mujaheddin Abdur-Rahman» e dal suo aiutante, e ricordano uno degli appelli resi pubblici due giorni fa, in cui chiedevano agli afghani che lavorano per il «regime fantoccio» di Karzai di «riconoscere il vero nemico e puntare a tutti gli stranieri invasori nel paese». Ieri gli stranieri sono stati presi di mira anche al di fuori della capitale: nel nord del paese, a Kunduz, centinaia di manifestanti hanno assaltato e dato alle fiamme un compound di Unama, la missione delle Nazioni unite, prima di essere respinti dalla polizia locale. Nel corso degli scontri di Kunduz tra i manifestanti e la polizia, sono morte almeno quattro persone, altre tre invece nella provincia di Logar, mentre nel Laghman è finita sotto assedio la casa del governatore provinciale, Mohammad Iqbal Azizi, e altre manifestazioni si sono svolte nelle province di Sari Pul e Paktia. Se l’Afghanistan continua a essere in fiamme, e le cancellerie occidentali si fanno sempre più preoccupate della diffusione capillare delle manifestazioni, che finora hanno portato a trenta morti circa, la diplomazia continua il suo corso. Ieri il premier pakistano Reza Gilani ha rilasciato una dichiarazione importante, sostenendo che «è ormai tempo di girare pagina e aprire un nuovo capitolo nella storia dell’Afghanistan», per poi appellarsi «alla leadership taleban così come agli altri gruppi afghani, incluso l’Hezb-e-Islami, per partecipare a un processo interno afghano per la riconciliazione nazionale e per la pace». Mentre gli analisti si chiedono se le parole di Gilani si tradurranno in azioni politiche conseguenti da parte di Islamabd, le piazze afghane continuano a bruciare.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011