Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Nazioni unite e Fao: tragedia alimentare per guerra e sanzioni
SIRIA. Il World Food Programme dell'Onu insieme alla Red Crescent siriana con i suoi novemila volontari e a 110 Ong locali sono impegnati in Siria a distribuire cibo ai due milioni e mezzo di...



Autoriduciamo le bollette per rispettare il referendum
Tra questo e il prossimo week end, con mobilitazioni diffuse, azioni comunicative e presenza in tutti i territori, il Forum italiano dei movimenti per l'acqua lancerà ufficialmente in tutto il Paese...



L'OUTSIDER CHE CAMBIA TUTTO
Roma, piazza San Pietro, alle 7,06 del pomeriggio. Folla enorme, grida, bandiere. Un cielo cupo, una pioggia fitta e sottile, un delirio di voci e di colori. Poi la pioggia si calma, mentre scende...



Le mille e una notte della coca in versione pulp
«Zero zero zero», l'ultimo libro di Roberto Saviano segue le piste della droga. Ossessionato dal male, lo scrittore compone un mosaico di racconti che è un torneo degli orroriSpesso chi scrive lo ...



De Masi: «Bravissimi a protestare, io toglierei il numero chiuso»
Bastano i prefabbricati, con un computer e un proiettore. Le società più avanzate sono quelle che hanno finanziato la formazione. Il nostro Paese invece è fermo al 13% di laureati. Gli 80 euro?...



Caccia al giornalista Così Grillo si ispira all'arci destra Usa
Ferito dall'intervista di Giovanni Favia a La7, colpito ancora dalle cronache di sabato scorso che hanno registrato una piazza semipiena a Parma nel giorno del suo comizio, Beppe Grillo torna a un...



OBAMA ALLA PROVA
Nel discorso per il secondo mandato il presidente Usa ha lanciato un ambizioso programma. Ma dovrà vedersela con l'ostruzione a oltranza dei repubblicaniLOS ANGELES. Certo è ancora presto per...



Uranio impo­ve­rito: «È certo il nesso tra esposizione e tumori dei soldati»
Una sen­tenza sto­rica quella di mar­tedì emessa, a carico del mini­stero della Difesa, dalla Corte d’appello di Roma in cui viene decre­tata la «ine­qui­vo­ca­bile cer­tezza» del nesso cau­sale tra...



Se il governo è gestito dalle imprese
La frase («non ha il con­senso delle per­sone one­ste») rife­rita dal segre­ta­rio della Fiom al pre­si­dente del con­si­glio non è neces­sa­ria­mente inter­pre­ta­bile come figura di...



Revolucion ciudadana, Correa non si ferma
ECUADOR Eletto presidente per la terza volta. E al primo turno, senza bisogno di ballottaggioCon oltre il 50% più uno delle preferenze, ottiene la maggioranza assoluta in Parlamento. Una svolta per...



Domani Milano in marcia per l’accoglienza
Di Manifesto · creato il 19/05/2017 10:15 · vista 79 volte · POLITICA · ITALIA


Dopo una lunga trattativa si è arrivati ad un accordo per la composizione del corteo che prevede la presenza, non ai margini, anche dello spezzone “Nessuna persona è illegale”. Ieri, intanto, il ministro degli Interni Marco Minniti ha firmato un protocollo in Prefettura che impegna 76 sindaci dell’area milanese ad accogliere i profughi sul territorio MILANO. Settantasei sindaci dell’area metropolitana milanese (su 134) hanno detto sì. Sono disponibili ad accogliere sul territorio gruppi di migranti per un’accoglienza “equilibrata, sostenibile e diffusa” – come dice il ministro degli Interni Marco Minniti. Il protocollo è stato sottoscritto ieri in Prefettura, alla presenza del sindaco di Milano, ed è una mossa che va nella direzione giusta a poche ore dalla manifestazione “per l’accoglienza” che domani riempirà le strade della città. Il protocollo impegna i sindaci ad accogliere entro il 2017 un numero di richiedenti asilo secondo una ripartizione stabilita in base al numero dei cittadini residenti. Si tratta di tre profughi ogni mille abitanti per un totale di circa cinquemila persone da suddividere tra i Comuni. “E’ un protocollo – ha detto Minniti – che può rappresentare un modello per l’Italia e l’Europa e può servire a superare i centri di accoglienza”. Il sindaco Beppe Sala, che sarà un protagonista della marcia per l’accoglienza di domani, non essendo condizionato più di tanto dalle inadeguatezze del Pd locale e nazionale, non ha perso l’occasione per dispensare buon senso: “Uno che fa il sindaco non può far finta che le cose magicamente si risolvano e girarsi dall’altra parte, non è giusto che ci sia qualcuno che deve fare anche la parte degli altri, perché questo dell’immigrazione è un tema che sarà dominante anche per le prossime decadi”. Nel frattempo la complicata macchina organizzativa della giornata “Insieme senza muri” (appuntamento domani alle 14 in Porta Venezia) ha raggiunto un accordo di massima sulla composizione della piazza. Non è una questione di lana caprina, è il frutto di una lunga trattativa per dare dignità e visibilità politica anche allo spezzone che intende coniugare il generico concetto di “accoglienza” con una decisa critica della legge Minniti-Orlando (associazioni e centri sociali che aderiscono alla piattaforma “Nessuna persona è illegale”). Il loro striscione sarà nelle prime file, appena dopo quello ufficiale – “Insieme senza muri” – e quello di Radio Popolare, che di fatto si è incaricata di trainare un evento concepito con alcune ambiguità che hanno provocato le tradizionali risse a sinistra. A seguire, sfileranno i migranti, gli amministratori locali, le bande musicali, poi sindacati, Acli, Emergency, Casa della Carità, Legambiente, Arci, lo spezzone “più radicale” con i centri sociali, le associazioni e in fondo i politici. L’ex sindaco Pisapia, esponenti di Mdp, Emma Bonino, Giusi Nicolini, Carlo Petrini, il presidente del Senato Pietro Grasso e (forse) il ministro Maurizio Martina, anche se una rappresentanza governativa potrebbe agitare gli animi. Poi, in piazza del Cannone, musica dal basso e dj set (il Comune non ha sborsato un euro). Si attendono più di diecimila persone. Anche se da una manifestazione nazionale preparata pensando a Barcellona, con più di 500 adesioni e tutta la sinistra più o meno organizzata in piazza, sarebbe lecito aspettarsi qualcosa di più. Comunque vada, sarà un successo. SEGUI SUL MANIFESTO di Luca Fazio



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011