Immagine di profilo di Manifesto
Altre Notizie dell'utente


Guai ai poveri di Elisabetta Grande. Homeless, la faccia triste dell’America
La povertà ha assunto negli ultimi anni negli Stati Uniti dimensioni e caratteristiche per molti versi inedite. La figura del senza tetto, dell’homeless, le riassume nel modo più efficace, per quel...



Schaeuble litiga con Bruxelles e attacca l’Italia
Wolfgang Schaeuble, il falco ministro dell’Economia tedesca, non nomina mai l’Italia. Ma che nel mirino ci sia Roma, anche se le cannonate sono rivolte ufficialmente solo contro Bruxelles, non sfugge...



Baobab, a Roma manifestazione per svegliare il Comune
ROMA Un lungo striscione, con la scritta: «Insieme verso il futuro contro i pregiudizi». E tanti cartelli colorati: «I confini non riescono a fermare i grandi sognatori», «Le frontiere da abbattere...



Ceceni in Siria. L’alleanza tra separatismo e jihadismo
Non era stata ancora accertata ieri sera la responsabilità dell’esplosione che ha fatto almeno dieci morti e decine di feriti nella metro di San Pietroburgo. Sulla matrice terroristica la procura...



LO SPETTACOLO DEL SISMA
Non hanno detto o non ho sentito neppure un nome dei morti, conta solo il numero. E tutte le parole che dicono alla fine tengono lontano il dolore, il dolore del padre che aveva rimproverato il...



Cariche contro gli operai, un video smentisce Alfano
Che le cose non siano andate come gio­vedì scorso il mini­stro Alfano le ha rac­con­tate in par­la­mento, era chiaro a chiun­que abbia assi­stito alle cari­che della poli­zia con­tro gli ope­rai...



«È l'ora della patrimoniale»
Il sindacato chiede scelte nette ai partiti. E su Casa Pound: «Sarebbe meglio non trovare formazioni fasciste sulle schede elettorali» CGIL Susanna Camusso insiste: le priorità sono un fisco...



Joachim Gauck re borghese
Una biografia coerente, un eroe della libertà, un oratore trascinante, un faro su cui orientarsi: è ancora lecito essere contro Joachim Gauck, o è già indizio di scarso patriottismo? In Germania...



Descoign, morte choc in albergo a New York
La misteriosa vicenda del direttore di Sciences Po, la scuola delle élite, scuote il mondo politico e intellettuale francese. Aperta un'inchiestaRichard Descoings, 53 anni, direttore da 16 anni di...



Il Welfare secondo Pode­mos
Set­ti­mana lavo­ra­tiva di 35 ore, per­messo di pater­nità equi­pa­rato a quello di mater­nità, scuole infan­tili e ospizi gra­tuiti. Sono solo alcune delle pro­po­ste con­te­nute in un docu­mento...



Domani Milano in marcia per l’accoglienza
Di Manifesto · creato il 19/05/2017 10:15 · vista 341 volte · POLITICA · ITALIA


Dopo una lunga trattativa si è arrivati ad un accordo per la composizione del corteo che prevede la presenza, non ai margini, anche dello spezzone “Nessuna persona è illegale”. Ieri, intanto, il ministro degli Interni Marco Minniti ha firmato un protocollo in Prefettura che impegna 76 sindaci dell’area milanese ad accogliere i profughi sul territorio MILANO. Settantasei sindaci dell’area metropolitana milanese (su 134) hanno detto sì. Sono disponibili ad accogliere sul territorio gruppi di migranti per un’accoglienza “equilibrata, sostenibile e diffusa” – come dice il ministro degli Interni Marco Minniti. Il protocollo è stato sottoscritto ieri in Prefettura, alla presenza del sindaco di Milano, ed è una mossa che va nella direzione giusta a poche ore dalla manifestazione “per l’accoglienza” che domani riempirà le strade della città. Il protocollo impegna i sindaci ad accogliere entro il 2017 un numero di richiedenti asilo secondo una ripartizione stabilita in base al numero dei cittadini residenti. Si tratta di tre profughi ogni mille abitanti per un totale di circa cinquemila persone da suddividere tra i Comuni. “E’ un protocollo – ha detto Minniti – che può rappresentare un modello per l’Italia e l’Europa e può servire a superare i centri di accoglienza”. Il sindaco Beppe Sala, che sarà un protagonista della marcia per l’accoglienza di domani, non essendo condizionato più di tanto dalle inadeguatezze del Pd locale e nazionale, non ha perso l’occasione per dispensare buon senso: “Uno che fa il sindaco non può far finta che le cose magicamente si risolvano e girarsi dall’altra parte, non è giusto che ci sia qualcuno che deve fare anche la parte degli altri, perché questo dell’immigrazione è un tema che sarà dominante anche per le prossime decadi”. Nel frattempo la complicata macchina organizzativa della giornata “Insieme senza muri” (appuntamento domani alle 14 in Porta Venezia) ha raggiunto un accordo di massima sulla composizione della piazza. Non è una questione di lana caprina, è il frutto di una lunga trattativa per dare dignità e visibilità politica anche allo spezzone che intende coniugare il generico concetto di “accoglienza” con una decisa critica della legge Minniti-Orlando (associazioni e centri sociali che aderiscono alla piattaforma “Nessuna persona è illegale”). Il loro striscione sarà nelle prime file, appena dopo quello ufficiale – “Insieme senza muri” – e quello di Radio Popolare, che di fatto si è incaricata di trainare un evento concepito con alcune ambiguità che hanno provocato le tradizionali risse a sinistra. A seguire, sfileranno i migranti, gli amministratori locali, le bande musicali, poi sindacati, Acli, Emergency, Casa della Carità, Legambiente, Arci, lo spezzone “più radicale” con i centri sociali, le associazioni e in fondo i politici. L’ex sindaco Pisapia, esponenti di Mdp, Emma Bonino, Giusi Nicolini, Carlo Petrini, il presidente del Senato Pietro Grasso e (forse) il ministro Maurizio Martina, anche se una rappresentanza governativa potrebbe agitare gli animi. Poi, in piazza del Cannone, musica dal basso e dj set (il Comune non ha sborsato un euro). Si attendono più di diecimila persone. Anche se da una manifestazione nazionale preparata pensando a Barcellona, con più di 500 adesioni e tutta la sinistra più o meno organizzata in piazza, sarebbe lecito aspettarsi qualcosa di più. Comunque vada, sarà un successo. SEGUI SUL MANIFESTO di Luca Fazio



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011