Immagine di profilo di Franco Cilenti
Altre Notizie dell'utente


nuovo numero del periodico Lavoro e Salute. Pubblicato su www.lavoroesalute.org
> Crisi, libertà individuale e disperazione > “Sanità, il pericolo è la privatizzazione di fatto. Ecco come...”intervista a Eleonora Artesio> PROSCIUGANO GLI...



Brindisi: arrestato Bobo Aprile con altri 11 disoccupati: continua la repressione del disagio sociale
A Brindisi grave attacco a tutti i movimenti che vogliono cambiare questa città! Alle prime luci dell’alba, mentre per le strade di Brindisi si muovevano i camion dell’azienda che cura la raccolta...



In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
www.lavoroesalute.org 2- Editoriale. Lavoratori o sudditi?4- 194: la salute delle donne violentata degli obiettori4- 194: il diritto alla scelta e alla vita5- Storie di 194/Napoli: stopo alla...



Pace e salute in Palestina. Sostenere il centro Peres?
Inoltro una lettera che la Rete ECO ha mandato a chi organizza un incontro-promozione con i sostenitori del cosiddetto Centro Peres per la Pace". Purtroppo, anche importanti istituzioni italiane si...



In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
http://www.rifondazione.it/primapagina/wp-content/uploads/2016/02/Dire_fare_Rifondazione_febbraio_18.pdf> I valori della lista di sinistra "antiliberista e schierata a difesa...



COMUNICATO STAMPA: A Taranto si muore perché si è fumato troppo….
MEDICO O PADRONE NON FA DIFFERENZA QUANDO LA SCIENZA DEL MEDICO E’ QUELLA DEL PADRONE! - Giulio A. Maccacaro, 1972 – La storia si ripete sempre due volte - è stato detto - prima...



In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
www.lavoroesalute.orgEditoriale. Lavorare con la bara accantoNell’ultimo anno 60 italiani su 100 vivono peggioQuasi venti milioni costretti a pagare per curarsiSanità integrativa....



Campagna contro le lunghe liste di attesa per le prestazioni sanitarie
COME EVITARE LE LISTE D'ATTESA IN SANITA'Questa informazione ai cittadini per evitare le liste di attesa non ha lo scopo di valorizzare l’attività privata negli ospedali ma di far...



E' in rete il nuovo numero del periodico Lavoro e Salute
TEMI DI COPERTINA: > l’otto marzo tutto l’anno. la chiarezza delle donne> Sanità in Stato di abbandono? Ribellione delle...



Primo maggio di follia repressiva a Torino: un lettore di LavoroeSalute ci racconta
Di Franco Cilenti · creato il 02/05/2014 12:51 · vista 1319 volte · LEGALITA' · PIEMONTE


vi voglio raccontare cosa è successo ieri durante la manifestazione del Primo Maggio ....

Dopo aver portato mio figlio a vedere lo sfilare del corteo e dopo che lo stesso aveva incontrato i suoi amici, mi sono ritrovato casualmente in Via Roma angolo Via Bertola, sotto i portici , con tanta altra gente come me che assisteva pacificamente alla sfilata ...

All'improvviso e senza che fosse accaduto niente che lo giustificasse (e ve lo posso giurare) , è partita una carica violentissima della Polizia ed un pestaggio indiscriminato dei ragazzi e soprattutto delle ragazze in prima fila dello spezzone sotto le bandiere NO TAV, con rovinose cadute a terra, grida disperate e poliziotti assatanati che inseguivano, roteando i manganelli, chiunque fosse nei loro paraggi, giovane o vecchio che fosse .

Solo l'esperienza di "ragazzo di Barriera" mi ha permesso di evitare il peggio e di ritrovarmi con altri cittadini dai capelli grigi come me, che gridavamo a brutto muso di lasciare andare una povera ragazzina finita a terra e presa da un poliziotto .

Alla fine i semplici cittadini gridavano fortissimo ed hanno costretto il poliziotto a lasciar andare via la ragazza .

Poi, dopo interminabili momenti di tensione, il cordone di polizia si è aperto e siamo riusciti ad arrivare in Piazza San Carlo, come credo fosse il diritto di ognuno che aveva partecipato alla manifestazione .

Brutti tempi sono quelli in cui i rappresentanti delle istituzioni ed il maggior partito politico a Torino hanno bisogno della polizia per impedire che la gente arrivi in piazza ed esprima normalmente il suo dissenso .

Brutti tempi sono quelli in cui ragazzi e ragazze dell'età di mio figlio vengono picchiati, gettati a terra, calpestati da persone vestite da guerrieri medievali, senza pietà e senza alcun rispetto per nessuno .

Brutti tempi sono quelli in cui i politici ed i mezzi di informazione, TUTTI, danno versioni distorte e false dei fatti mentre le cose sono andate in modo tutto diverso e per un pelo uno come me , certamente non un pericoloso sovversivo, non si è trovato con una manganellata in mezzo agli occhi .

Brutti tempi sono quelli in cui alla fine il dissenso viene criminalizzato ed etichettato come "provocazione ", "avventurismo" e quant'altro ....

Per quelli come me e come voi, con qualche anno in più sulle spalle, sembra di vedere un triste e tragico "deja vù" , parole già dette e fatti già visti ....

Voi che ancora avete voglia di scrivere e di informare con obiettività , fatelo sempre, ma soprattutto fatelo ora .....




Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011