Immagine di profilo di Lavoro e Salute
Altre Notizie dell'utente


Campagna contro le lunghe liste di attesa per le prestazioni sanitarie
COME EVITARE LE LISTE D'ATTESA IN SANITA'Questa informazione ai cittadini per evitare le liste di attesa non ha lo scopo di valorizzare l’attività privata negli ospedali ma di far...



In rete il numero di novembre del periodico Lavoro e Salute
www.lavoroesalute.org2- Governo di carnefici3- Manovra del popolo? A pagare è sempre il popolo4- Impressioni sulla ministra4- Le Regioni insoddisfatte della ministra5- Note flash per la...



Pubblicato in rete il nuovo numero del periodico cartaceo Lavoro e Salute
www.lavoroesalute.org> Appello delle donne ai sindacati: 8 marzo sciopero contro la violenza> Lo stato delle peggiori cose presenti > Nuovi LEA: più sanità...



In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
http://www.rifondazione.it/primapagina/wp-content/uploads/2016/02/Dire_fare_Rifondazione_febbraio_18.pdf> I valori della lista di sinistra "antiliberista e schierata a difesa...



E' ONLINE IL NUOVO NUMERO DEL PERIODICO CARTACEO - LAVOROeSALUTE
www.lavoroesalute.org AVVISO AI CITTADINI. Fate attenzione alle favole che vi raccontano L’AZIENDA E LA SALUTE? fanno a pugni Abbiamo fame di infermieri Sovracup: call-center o sportelli...



Pace e salute in Palestina. Sostenere il centro Peres?
Inoltro una lettera che la Rete ECO ha mandato a chi organizza un incontro-promozione con i sostenitori del cosiddetto Centro Peres per la Pace". Purtroppo, anche importanti istituzioni italiane si...



In rete il numero di febbraio di Lavoro e Salute
www.lavoroesalute.org3- editoriale. Impauriti 4- Pensioni, lavoro, salari. Facciamo come in francia 4- Libro. A 50 anni dall’«autunno caldo» 5- Referendum 29 marzo. No al taglio...



Nuovo Numero del periodico LAVOROeSALUTE - marzo 2015
www.lavoroesalute.org/- sanità e servizi il pareggio di un bilancio taroccato- Come ci vuole il governo con il Jobs Atc?- Accordo Usa/Europa TTIP/Tisa/Ceta vogliono frantumare la sanità...



In rete il nuovo numero del periodico cartaceo Lavoro e Salute
www.lavoroesalute.orgEditoriale. Quando anche i buoni fanno danniI soliti imbonitori da fieraLe politiche dell’ItagliaAutonomia regionale? A che punto siamoQuestione di folla. Fine della...



ILVA, IL LAVORO E LA SALUTE
Di Lavoro e Salute · creato il 13/08/2012 18:20 · vista 1520 volte · LAVORO · PIEMONTE


L'Ilva è l'esempio. lampante e drammatico, del risultato della monetizzazione della salute degli operai e dell'aggressione alla salute dei cittadini. Bisogna porsi la domanda di come non subordinare più il lavoro e la salute di tutti al profitto di un sistema produttivo criminale. Le istituzioni facciano finalmente il loro dovere e il sindacato dia prova di indipendenza dalle logiche politiche e industriali sostenendo l'azione della magistratura. Redazione periodico Lavoro e Salute Segue il comunicato stampa di Medicina Democratica - movimento di lotta per la salute COMUNICATO STAMPA ILVA: L’ordinanza del GIP, un atto esemplare di limpidezza e coerenza della attività giudiziaria nella tutela dell’ambiente, della sicurezza dei lavoratori e della salute pubblica L’ordinanza del GIP, conseguente a quella del Tribunale del Riesame di Taranto, ha confermato il sequestro preventivo delle “aree a caldo” della Ilva e la sostituzione del custode, si tratta di un atto limpido e di coerenza esemplare. Il sequestro preventivo, per definizione, è finalizzato ad impedire che “la libera disponibilità di una cosa pertinente al reato possa aggravare o protrarre le conseguenze di esso ovvero agevolare la commissione di altri reati” (art. 321 c.p.p.). La previsione che, nel periodo del sequestro, gli impianti non siano eserciti per la produzione ma per garantire la sicurezza e, nel contempo, per adottare le misure tecniche per eliminare le situazioni di pericolo che hanno determinato il sequestro stesso, costituiscono un esempio “da manuale” della applicazione delle norme del codice di procedura penale e confermano la correttezza e le convinzioni del GIP (fondate sugli accertamenti tecnici pregressi). Altrettanto esemplare appare la revoca della nomina a custode del Presidente della ILVA incompatibile con tale funzione in quanto lo stesso ha ricorso contro l’ordinanza del Tribunale del Riesame, quindi anche contro la propria nomina a custode degli impianti, esprimendo in tal senso la volontà di contrastare l’attuazione degli obiettivi del sequestro. Medicina Democratica sostiene pienamente anche le ultime iniziative del GIP finalizzate alla messa in sicurezza e alla riduzione dell’impatto ambientale degli impianti sottoposti a sequestro e non, semplicemente, alla loro “chiusura” (nel senso di cessazione produttiva) come strumentalmente è stato affermato da più parti. Ci aspettiamo per questo che le istituzioni preposte intervengano coerentemente e tempestivamente per definire, sostenere e far attuare queste misure. Le dichiarazioni e le iniziative di alcuni ministri (Ministro dello Sviluppo, Ministro dell’Ambiente e Ministro della Giustizia) vanno purtroppo nella direzione opposta. Anche l’intenzione del Presidente del Consiglio di voler verificare “gli spazi legali per evitare la chiusura dello stabilimento” sembra andare in una direzione diversa da quella necessaria : l’individuazione delle misure tecniche di risanamento degli impianti, unica iniziativa corretta per poter arrivare anche al dissequestro e alla ripresa della produzione delle aree oggetto dei provvedimenti della magistratura. Medicina Democratica, Movimento di lotta per la salute, conferma che, in tale ambito offrirà il suo appoggio, la sua esperienza, le sue capacità e modalità di lavoro. Il Direttivo di Medicina Democratica ONLUS Milano e Taranto, 13 agosto 2012



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011