Immagine di profilo di Lavoro e Salute
Altre Notizie dell'utente


Campagna contro le lunghe liste di attesa per le prestazioni sanitarie
COME EVITARE LE LISTE D'ATTESA IN SANITA'Questa informazione ai cittadini per evitare le liste di attesa non ha lo scopo di valorizzare l’attività privata negli ospedali ma di far...



In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
www.lavoroesalute.org 5- Editoriale. Combatterli è salute psicofisica6- Rubrica politica “Il dritto e il rovescio”6- Le lotte sociali non si arrestano7- I giusti in manette. Parla...



Venezuela: uno sguardo settimanale
Cronaca del Venezuela per Lavoro e Salute. L’avanzata del Covid-19, salari di lavoratori e lavoratrici (seconda parte). Le elezioni parlamentari. PRIMA PARTE...



In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
http://www.rifondazione.it/primapagina/wp-content/uploads/2016/02/Dire_fare_Rifondazione_febbraio_18.pdf> I valori della lista di sinistra "antiliberista e schierata a difesa...



D.R.G. il cancro nella sanità. Processo al sistema di pagamento a prestazione
"Sono andato per un dolore alla schiena e mi hanno diagnosticato una broncopolmonite. Quattro giorni dopo mi avevano asportato un pezzo di polmone. Oggi ho un'invalidità del 75%". La drammatica...



Cronaca del Venezuela per Lavoro e Salute. (26/07-01/08) Venezuela: uno sguardo settimanale
Benvenute e benvenuti a una nuova presentazione di una panoramica settimanale sul Venezuela; in questa occasione si inizia con la prima parte di una sintesi esplicativa della situazione relativa alla...



In rete il nuovo numero del periodico Lavoro e Salute
http://www.lavoroesalute.org/IN VERSIONE INTERATTIVA:http://www.blog-lavoroesalute.org/lavoro-e-salute-marzo-2019/3- Editoriale – Il menefreghismo ci frega 5- Non apriamo le porte del S.S.N....



La sinistra e l’economia: da Sraffa e Keynes alla riforma del MES. Intervista a Sergio Cesaratto a cura di Alba Vastano.
Un mese e la riforma del MES, il fondo salva Stati, verrà attuata. Vorremmo così non fosse, ma ci sono tutti i presupposti che lasciano pensare ad un amarissimo dono di Natale che...



UNA SENTENZA GIUSTA PROCESSO CONTRO BREGA MASSONE E ALTRI (EX CLINICA SANTA RITA DI MILANO) PER OMICIDIO VOLONARIO, LESIONI E TRUFFA
SI E’ CONCLUSO DAVANTI ALLA CORTE D’ASSISE DI MILANO IL PROCESSO DI PRIMO GRADO CONTRO GLI IMPUTATI DELLA EX CLINICA SANTA RITA DI MILANO. ALLE ORE 18 IL PRESIDENTE DELLA CORTE...



IL GOVERNO A PAROLE CONTRO L’EVASIONE FISCALE, NEI FATTI PER L’ESTENSIONE DELL’EVASIONE DEL DIRITTO ALLA SICUREZZA E ALLA SALUTE DEI LAVORATORI
Di Lavoro e Salute · creato il 29/02/2012 19:04 · vista 1645 volte · SIC. LAVORO · PIEMONTE


Comunicato di Medicina Democratica – movimento di lotta per la salute - su smantellamento controlli sicurezza sul lavoro e ambiente Nel “decreto semplificazioni” (DL 5/2012, art. 14) è presente un articolo relativo alla “semplificazione dei controlli sulle imprese” che costituisce un esempio chiaro di “guerra sporca” (in quanto subdola, indiretta e non dichiarata) contro la sicurezza e la salute dei lavoratori. Usando il “grimaldello” della certificazione volontaria ISO 9001 (che riguarda esclusivamente la qualità e non la sicurezza e/o l’ambiente) “o altra certificazione appropriata emessa” il Governo propone di sopprimere o ridurre i controlli sulle imprese. Questa norma, unitamente a quelle relativa alla SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) già introdotta dal precedente Governo, configura il concreto smantellamento dell’art. 41 della Costituzione che limita la libertà d’impresa rispetto alla sicurezza, alla libertà e alla dignità umana (non a caso queste tutele sono accostate in quanto legate l’una con l’altra). La nuova disposizione di legge svuota di significato il capoverso in cui l’iniziativa economica è sottoposta alle leggi e, appunto, ai controlli. Con la scusa della semplificazione e della razionalizzazione dei controlli si invia un chiaro messaggio “operativo” agli organi di vigilanza e alle imprese nella direzione opposta a quella che chiedono i cittadini/e e i lavoratori/e. Da un lato si chiedono meno controlli e dall’altro una “collaborazione amichevole con i soggetti controllati al fine di prevenire rischi e situazioni di irregolarità” . Previsione oscura se non leggendola come un chiaro messaggio agli enti di controllo (servizio sanitario in primis) a non applicare le norme in modo completo e coerente con l’importanza dei reati che la legge (a partire dalla Costituzione della Repubblica) attribuisce a quelli commessi nel campo della sicurezza e dell’ambiente. Sulle sanzioni vi è ancora discussione se quelle vigenti siano “effettive, proporzionate e dissuasive”, oggi si propone di “prevenire” l’accertamento dei reali e le sanzioni anziché i comportamenti illeciti. Apparentemente un comportamento schizofrenico visto che il Governo si è impegnato alla lotta contro l’evasione mediante l’incremento e il miglioramento dei controlli fiscali (esplicitamente esclusi della nuova norma) attuando le normative esistenti. Nel campo della sicurezza e della salute dei lavoratori non dovrebbe far altro che rendere reali le disposizioni già previste dal Dlgs 81/2008. La normativa già prevede dei “bonus” alle aziende che aderiscono a forme di certificazione: ad esempio nel campo ambientale ottengono un aumento della durata delle autorizzazioni integrate ambientali, nel campo della sicurezza l’azienda può essere esclusa dal rispondere penalmente unitamente agli indagati-persone fisiche. Basta e avanza. Senza voler addentrarci in valutazioni complesse una norma del genere conferma la spasmodica attenzione del Governo al dato economico quantitativo e la sua indifferenza alle condizioni sociali (non a caso va di pari passo con il tentativo di smantellamento dello Statuto dei diritti dei lavoratori). Se questa norma passerà invitiamo il Governo (e le altre istituzioni) di risparmiarci l’ipocrisia del lutto di fronte al prossimo evento mediatico che porterà all’attenzione la morte operaia (sia sottoforma di omicidio infortunistico che di malattia professionale) come pure di risparmiarci la litania del richiamo alla necessità di “più controlli nelle fabbriche”. Agli operatori chiediamo disobbedienza civile di fronte a queste norme, ai lavoratori e alle loro rappresentanze di riprendere in mano, in prima persona, la tutela delle proprie condizioni di lavoro e di sicurezza. Medicina Democratica sarà al loro fianco.



Chi siamo | Contatti | Come Funziona | Condizioni | Privacy | RSS | Webmaster Luciano Ferraro
MioGiornale.com © 2011